fino al 4.II.2007 - Arturo Martini - Milano, Museo della Permanente / Fondazione Stelline 3068 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/07/2019
Il segreto di Stonehenge? Secondo un recente studio, era il lardo
18/07/2019
Banksy è ufficialmente l’artista più amato di tutti i tempi dagli inglesi
18/07/2019
Un uomo ha appiccato un incendio in uno studio di animazione giapponese. Almeno 20 morti
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 4.II.2007
Arturo Martini
Milano, Museo della Permanente / Fondazione Stelline

   
 Un evento importante. Che a distanza oltre di vent’anni permette di riscoprire uno dei più grandi scultori italiani del Novecento. Parliamo del genio di Arturo Martini... vera agosti 
 
pubblicato
Presso il Museo della Permanente e La Fondazione Stelline a Milano sono in corso due interessanti rassegne che costituiscono le tappe fondamentali di una serie di iniziative dedicate ad Arturo Martini (Treviso, 1889- Milano, 1947), autore fondamentale del secolo scorso, a cui Milano aveva già dedicato un grande evento a Palazzo Reale nel 1985. A febbraio anche Roma, presso la Galleria Nazionale d’Arte Moderna, potrà accogliere le opere di Martini per un’altra grande monografia, volta a sciogliere il silenzio su questo scultore eccezionale quasi dimenticato.
Milano e Roma sono proprio le città dove l’artista lavora e ottiene i maggiori successi, dopo un’infanzia povera a Treviso e viaggi a Monaco e a Parigi per studiare gli stranieri e le avanguardie che tanto influenzano, soprattutto all’inizio, la sua poetica.
Il Palazzo delle Stelline ospita le sculture monumentali: autentici capolavori ispirati all’arte etrusca e all’arte classica, come voleva la Metafisica, ma intrisi di modernità. È questa la formula vincente di Martini, la combinazione che gli permette di meravigliare e stupire. L’allestimento permette di godere al meglio delle opere: quelle di dimensioni maggiori possono essere ammirate dagli spettatori da ogni lato, mentre alle pareti si collocano i bassorilievi e le immagini più piccole. Spettacolare l’Annunciazione (1933), scultura particolarmente amata da Martini, in cui l’Angelo sembra fondersi completamente con il corpo di Maria e in particolare col suo grembo, da cui scaturirà la vita. O ancora l’Ercole (1936), unica parte che si è salvata del complesso bronzeo del Leone di Giuda, che stupisce per maestosa fierezza e grandiosità.
Arturo Martini, La Sete, 1934, pietra di Finale, 78x164x110, Cimac, Milano
Un video racconta gli elementi essenziali della vita dell’artista, mentre un libro digitale mostra il suo carteggio di appunti. Degno di nota è la segnalazione del percorso cittadino che permette di visionare le opere pubbliche di Martini collocate in vari punti della città. Come l’Ospedale Niguarda col Gruppo degli Sforza, il Palazzo di Giustizia col rilievo della Giustizia Corporativa, il Cimitero Monumentale, la Caserma dell’Aeronautica, l’Arengario con gli altorilievi raffiguranti immagini della storia della città, oltre a collezioni permanenti di Brera e altri musei cittadini.
La Fondazione Permanente, invece, presenta un numero maggiore di sculture contemplando un periodo storico che va dal 1913 al 1947. Le opere appaiono differenti, in base all’evoluzione dell’artista e al materiale trattato: marmo, gesso, creta, terracotta, bronzo, pietra. Martini ama definirsi “scultore delle meraviglie e delle fiabe”: le sue statue dedicate al Re e alla Principessa sembrano quasi moderni pupi di un teatrino, pronti a inscenare un racconto medievale, mentre gli Amanti (1920) guardano sognanti il cielo, come in una vignetta colorata o in un cartone animato. Ben diversa la serie inedita della Sete, dove il desiderio e il bisogno traspaiono emozionanti dal materiale grezzo e vivo, ad indicare non solo la sete, ma anche il doloroso agognare umano.
L’ultimo periodo di Martini è dominato dalla disillusione e dall’abbandono della scultura, che tende sempre più all’astrattismo. Con amarezza, dopo aver tanto sperimentato, l’autore abbandona la forma e tutto s’incupisce. Insieme ai pensieri e alla visione del mondo.

vera agosti
mostra visitata il18 novembre 2006


Arturo Martini - dal 7 novembre 2006 al 4 febbraio 2007
Museo della Permanente, Via Filippo Turati, 34 - 20121 Milano
Info: 02/6551445 - www.lapermanentemilano.it
Fondazione Stelline, Corso Magenta, 61 - 20121 Milano
Tel: 02/45462437
orario: martedì – domenica 10/20; giovedì 10/22 (lunedì chiuso)
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: € 8,00; ridotto € 6,00
editore: SKIRA - curatori: Claudia Gian Ferrari, Elena Pontiggia, Livia Velani


[exibart]

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di vera agosti
vedi calendario delle mostre nella provincia Milano
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Arturo Martini, Claudia Gian Ferrari, Elena Pontiggia, Livia Velani, Vera Agosti
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram