fino al 28.III.2007 - Il Sospetto - Milano, Biokip Gallery 3160 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Allons Enfant/6
Reading Room
CINEMA
Reading Room
Lettera Aperta
PREVIEW
Exibart.segnala
sondaggio
La nomina a curatore del padiglione Italia di Vincenzo Trione ha suscitato diverse perplessità. Che ne pensate voi?
• C'erano sicuramente addetti ai lavori più qualificati e non è possibile che in Italia tutto passi all'infuori del merito!
• Potrebbe essere una sorpresa, anche se non è "ufficialmente" un curatore
• Farà un bel Padiglione, d'altronde è una voce fuori dal coro del solito di giro di musei, direttori, curatori etc
• Sarà un'altra Biennale in cui l'Italia farà una figuraccia
• Metterà in mostra qualche amico più o meno conosciuto
recensioni
rubriche
         
 

fino al 28.III.2007
Il Sospetto
Milano, Biokip Gallery

   
 Un gruppo di street artist si ritrova sotto la strada. E il sospetto prende vita. La città partorisce ossessioni e l’arte le protegge. Sulle pareti c’è l’antidoto all’indifferenza. Mostri cibernetici, angeli spaventati e idoli del marciapiede… ginevra bria 
 
pubblicato mercoledì 7 marzo 2007
Il pensiero è un suono che arriva fin dentro degli oggetti. Quell’interno dove l’occhio non consuma, dove niente si riduce a desiderio. Là dove nemmeno la parola trova linguaggio. Al centro del non visibile: nel punto in cui l’esteriorità diventa un involucro, un nero sopra che copre, chiude e fa paura. È di questo buio che la strada si approfitta per nascondere e far fiorire le proprie paure, le ossessioni dell’indifferenza. La parafobia del sospetto. Ed è con questo abbrivio che Biokip Underground Arts Gallery allestisce un nuovo ciclo espositivo tutto alimentato dalla linfa variegata della street art.
Il lavoro ben oliato di crew, lo scambio di immagini, il recupero di supporti non convenzionali e l’incisività estetico-stilistica di questa mostra sono un esempio brillante per capire come si manifesti, in interno, la cosiddetta arte-di-strada. Il vero punto di forza della mostra Il Sospetto nasce dall’ottima, completa, risposta degli spazi allestitivi. Il piano seminterrato, situato appena sotto l’RMX shop, è stato trasformato dagli artisti in una moderna cripta ben illuminata, una cella con soffitti a volta e mattoni a vista.
Biokip Underground Arts Gallery, Il sospetto, dettagli della pannellatura, 2007
A fare di Biokip Gallery un centro di energia è stato quindi il raduno ben coordinato di veri addetti ai lavori come Ufo5, Cruz, Interno55, Ryan Spring Dooley, Silva Ramacci, Luis Armis e Jeanne Tunberg. Ognuno di loro ha marcato il proprio territorio uscendo dai confini del tempo che stringe e dagli spazi costretti di un mero esercizio di lettering. Grazie ad un innesto d’insieme, durante la preparazione dei supporti, il gruppo di artisti è riuscito a condensare al massimo il materiale pittorico e l’intenzione segnica. Le pareti della galleria sono state rivestite di più strati di giornali, seminando fra i ritagli indizi sul tema dell’evento: l’antidoto contro la paranoia mediatica. Con questa base di partenza il tema del sospetto è stato dipinto, se così si può dire, a caduta libera. I leit motiv dell’indifferenza e del non-conoscere si sono, infine, chiusi ad anello, fondendo in armonia elementi diversi. E nello stesso hortus suspicionis si accendono lanterne apotropaiche di Interno 55, i personaggi ariosi di Ryan Spring Dooley o l’enorme impronta digitale tremula di Ufo5. I lavori sono stati realizzati tutti site-specific e in contemporanea. Ogni artista ha passato ore insieme al gruppo, dipingendo e connettendosi a vicenda, come in laboratorio, una piccola grande fucina del colore che graffita il sospetto. Il risultato ottico è stordente. A chi osserva si presenta una rete di soluzioni assemblate a tecnica mista (stencil e sticker) e di composizioni dipinte con ampie gamme di colori acrilici.
Ma la vera rivelazione del sospetto arriva dall’istallazione nascosta, quella celata alla stanza principale da una cortina di velluto scuro. Un inquietante incrocio di diversi materiali e oggetti da riciclo è stato radunato attorno a due video-installazioni. Gli effetti sonori e pulsar di Tranz Lasagne mettono agitazione. Ma la fuga, a chi guarda e si trova in mezzo, non è consentita. Guardatevi dunque, per prima cosa, alle spalle, voi che entrate.

articoli correlati
Ozmosi creative
Opere Murarie, Roma
Street and the City
Street Art Attack

ginevra bria
mostra visitata il 21 febbraio 2007


Il Sospetto
Biokip Underground Arts Gallery, Via A. Della Pergola 3 - 20159 Milano - Zona Isola
Orari d’apertura: dal martedì alla sabato, dalle 10.00 alle 19.30
ingresso libero - Per info: telefono 02.36566988, info@biokip.com, www.biokip.com


[exibart]



strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di ginevra bria
vedi calendario delle mostre nella provincia Milano
registrati ad Exibart per continuare a consultarlo gratuitamente
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: ginevra bria, Jeanne Tunberg, Luis Armis, Ryan Spring Dooley, Silva Ramacci

trovamostre