fino al 30.IX.2007 - Sissi / Piero Fogliati - Santomato (pt), Fattoria di Celle 3114 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
25/06/2019
Quattro residenze per il nuovo bando di CURA 2020
25/06/2019
Bill Murray riceverà da Wes Anderson il Premio alla carriera alla Festa del Cinema di Roma
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 30.IX.2007
Sissi / Piero Fogliati
Santomato (pt), Fattoria di Celle

   
 Ombre allungate si confondono con i corpi che le originano, creando un groviglio da districare per prendere il volo. Per slanciarsi verso spazi aperti o, chissà, tornare verso il basso. Sissi e Fogliati intrecciano i percorsi. Per festeggiare i venticinque anni della Fattoria di Celle. Scrigno d’arte in quel di Pistoia pensato dal collezionista Giuliano Gori… Silvia Bottinelli 
 
pubblicato
Il sole è accecante sulla collina della cascina Terrarossa, che emerge dal bosco del parco di Celle. Così, quando il passo si spinge all’interno dell’edificio, la penombra obbliga a stringere le palpebre. La fisionomia delle stanze affiora lentamente, preceduta dall’odore dei muri antichi. Nei piccoli ambienti, che si inseguono uno dietro l’altro, si dirama la ragnatela di Sissi (Bologna, 1977). Una trama di fili d’acciaio abbracciata da corde dall’effetto metallico invade gli spazi, oltrepassa le soglie, costringe il visitatore ad abbassarsi e districarsi per procedere lungo il cammino, confuso dal moltiplicarsi delle ombre proiettate sulle pareti. La presenza delle spire è periferica e discreta nelle prime sale, ma si gonfia nel procedere del percorso, invadendo gli angoli ed il centro del pavimento, spingendosi in altezza lungo le pareti, attraendo il pubblico al piano superiore. È qui, in una piccola sala, che attende Aracne: Sissi, avvolta nella sua stessa ragnatela, si aggrappa alle sue trame e rimane sospesa. Immobile.
Voliare, questo il titolo della sua installazione, richiama per contrasto l’idea del volo, o meglio dell’impossibilità del volo, intrappolato da una sorta di voliera. La rete di funi metalliche che si espande dentro la Terrarossa rimanda puntualmente all’immagine della gabbia. Nei disegni preparatori dell’opera, che ha tenuto impegnata l’artista per due anni, emerge inizialmente l’idea di rivestire l’intero edificio, anche nellPiero Fogliati, Successioni luminose, 1967 a sua costruzione esterna, con delle coperture a griglia dalla terminazione curva. Un omaggio all’iconografia tradizionale della gabbietta dei canarini, che pure non può non ricordare certe strutture ambientali di Luigi Mainolfi, ad esempio quelle realizzate per il Giardino di Daniel Spoerri a Seggiano. Il progetto finale si è invece concentrato sugli ambienti interni: la trama nera doveva essere in un primo tempo arricchita da elementi decorativi, ma è stata sempre più ripulita per arrivare alla soluzione realizzata. Sintetica e di forte impatto.
La cascina sembra divisa a metà in un momento di schizofrenia. Negli spazi adiacenti a Voliare, una serie di ambienti ospitano le piccole opere di Piero Fogliati (Canelli, 1930). La mostra dell’artista torinese, accompagnata in catalogo da un testo di Lara Vinca Masini e da uno di Giuliano Gori, padrone di casa a Celle, assume i connotati di una retrospettiva storica. I pezzi esposti risalgono per la maggior parte alla metà degli anni sessanta e sono da leggere in correlazione con i quaranta disegni e il Fleximofono (1967), esposti in un altro edificio di Celle, Casapeppe. I lavori di Fogliati si basano su principi di fisica, di ottica, di meccanica, per creare visioni luminose, fusioni di colori, immagini in movimento. Realizzate nel periodo di maggior fervore delle ricerche optical, sullo sfondo degli studi di arte cinetica dell’ambiente, soprattutto, francese, le opere di Fogliati ritagliano una propria autonomia: si tratta di piccoli oggetti di estrema essenzialità formale, privi di ridondanza e imperniati sul rapporto di interazione col visitatore.
Performance di Sissi nell’installazione temporanea “Voliare” realizzata per la Fattoria di Celle-Collezione Gori (23 giugno-30 settembre 2007) Foto Elzbieta Bialkowska luminose, 1967
Sono macchine minime, esperimenti di tecnica e scienza, che mirano non solo a svelare principi fisici, ma soprattutto a far apparire visioni poetiche, proiezioni quasi immateriali, fluttuanti ed evanescenti.
Giuliano Gori festeggia, con l’omaggio a Fogliati, il venticinquesimo compleanno di Celle, che di questo artista conserva due lavori permanenti e la memoria di una lunga frequentazione.

silvia bottinelli
mostra visitata il 28 giugno 2007


dal 23 giugno al 30 settembre 2007
Sissi. Voliare / Piero Fogliati. Un’utopia possibile?
Fattoria di Celle - 51030 Santomato di Pistoia
info: goricoll@tin.it - tel 0573 479907 - fax 0573 479486
visite su appuntamento - Cataloghi Gli Ori
In occasione del venticinquesimo anniversario della collezione di Celle, è stato pubblicato il volume: Fattoria di Celle. Collezione Gori. Un percorso nell’arte ambientale - A cura di Stefania Gori, Gli Ori, Prato 2007


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Silvia Bottinelli
vedi calendario delle mostre nella provincia Pistoia
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Daniel Spoerri, Giuliano Gori, Lara Vinca Masini, Luigi Mainolfi, Piero Fogliati, Silvia Bottinelli
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram