fino al 10.II.2008 - La collezione di Roberto Longhi - Alba (cn), Fondazione Ferrero 3100 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/07/2019
Per il compleanno di Frida Kahlo, regalati la sua nuova collezione beauty
17/07/2019
Nuova vita per il World Trade Center, che riparte con un Centro d’Arti Performative
16/07/2019
Riaperte al pubblico due delle piramidi più antiche d’Egitto
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 10.II.2008
La collezione di Roberto Longhi
Alba (cn), Fondazione Ferrero

   
 Una straordinaria collezione che inizia col XIII secolo e plana sino a Giorgio Morandi. Le opere di Roberto Longhi sono in mostra alla Fondazione Ferrero, nella deliziosa cittadina di Alba. Nota per tartufi e dolcetto. Sì, ma non solo emanuela genesio 
 
pubblicato
Non sarà di certo il battibecco fra Vittorio Sgarbi e Giovanni Romano a esser ricordato in vece di quest’evento dal carattere filologicamente ineccepibile. Tra i due big, inevitabili dissidi politici (l’annosa questione del Crocifisso del Giambologna su tutte) hanno impedito un dialogo ben più fruttuoso su temi scientifici relativi alla mostra. Lo show finale, durante il quale l’assessore ha dato del “bugiardo, ladro, falsario” al professore, è servito soltanto a sollevare ulteriori insulti da parti avverse del pubblico. Ciò che resta inviolato, per fortuna, è l’evento in sé. Una collezione dalla firma inequivocabile, assolutamente connotata e riconoscibile. Caravaggio - Fanciullo morso da un ramarro - 1594 - olio su tela - cm 65,8x52,3Il segno di uno dei più significativi e bizzarri critici d’arte del Novecento, Roberto Longhi, albese di nascita.
Figura atipica e nello stesso tempo pregnante e incisiva dell’ambiente culturale italiano dagli anni ’20 al dopoguerra, Longhi incarna la connaisseurship più “rabdomantica”, in cui l’attribuzionismo nasce in seno a un’innata capacità di tradurre in scrittura il corpo dell’oggetto d’arte. Ricordato soprattutto per una serie di testi che hanno fatto scuola (Piero della Francesca, l’Officina ferrarese, il Viatico per cinque secoli di pittura veneziana) e per la mostra monografica del 1951 su Caravaggio, Longhi è anche stimato insegnante universitario, direttore di alcune riviste -tra le quali l’ancora oggi esistente “Paragone”- e creatore, con Umberto Barbaro, di atipici documentari d’arte.
Come ha ben sottolineato Mina Gregori, curatrice della mostra insieme a Giovanni Romano e Maria Cristina Bandera, nonché Presidente della Fondazione Longhi a Firenze, Longhi sapeva “spalancare un mondo, provocando spesso una vera e propria crisi nella storia dell’arte vigente”. Quest’atteggiamento avanguardistico gli ha permesso di riscoprire -e a volte scoprire ex-novo- luoghi della storia dell’arte completamente dimenticati. Il Trecento bolognese, ad esempio, o il Seicento realista di Caravaggio.
La mostra segue dunque l’andamento cronologico di questi “ritrovamenti” che hanno rivoluzionato i manuali d’arte, dalla pittura ascetica dei Primitivi duecenteschi e trecenteschi (di Vitale da Bologna o Jacopo di Paolo), Orazio Borgianni - Sacra Famiglia con Sant'Anna - 1615 ca. - olio su tela - cm 96,5x79,8fino a quella essenziale ed elegantissima del Novecento di Giorgio Morandi. In mezzo, dal Cinquecento al Seicento, un parterre straordinario di presenze dalla mano personalissima, come il Borgianni, il Maestro del Giudizio di Salomone (Jusepe de Ribera), gli ormai conosciutissimi Lorenzo Lotto, Mattia Preti, Giovan Battista Crespi e, su tutti, Caravaggio (in mostra il celeberrimo Ragazzo morso dal ramarro). Per passare, poi, al Settecento allora marginale del raffinato Watteau e a quello irriverente di Pietro Longhi. Oltre alla presenza di Morandi, caro amico del critico, il Novecento è rappresentato da alcuni intensi paesaggi di Carrà degli anni ‘20 e da un mazzo di fiori di un De Pisis particolarmente gioioso.
Da un approccio all’opera d’arte prettamente purovisibilista della prima maturità, Longhi sceglierà in seguito di portare più attenzione alla biografia, incorporando al suo occhio da scienziato la proiezione della personalità espressiva e psicologica dell’artista. I suoi giudizi netti -con possibilità di errori e défaillance importanti- e il carattere letterario e sperimentale della sua scrittura possono urtare e indisporre il lettore. Ma evidenziano un rapporto appassionato, vitale e sincero con l’oggetto d’arte, materia e creazione spirituale. “Longhi -scrive lo storico dell’arte Briganti- ci insegnava che una vera opera d’arte non riflette ma esprime”. L’illimitata capacità di suggestione che l’opera solleva nello spettatore è esattamente la stessa che la critica e l’operato intellettuale di Longhi regala al Novecento.
Filippo De Pisis - Mazzo di fiori - 1932 - olio su tela - cm 38x63
La sua collezione, lungo il preciso percorso oggi visibile alla Fondazione Ferrero, ne è d’altronde la manifestazione più chiara ed espressiva. La riproduzione fedele di quell’incanto che Longhi provava di fronte a una delle nature morte caravaggesche: “La natura morta, vita di oggetti silenti sotto il crescere o il diminuire della luce e dell’ombra; una forma d’incanto quasi autonomo che sembra portato dalle cose abbandonate a sé stesse; ma che pure specchiano lo sguardo inclinato dell’uomo, e in primis, di colui che l’ha prodotto, quell’incanto” (Mostra del Caravaggio e dei caravaggeschi, 1951).

articoli correlati
Longhi e l’arte lombarda

emanuela genesio
mostra visitata il 13 ottobre 2007

*foto in alto: Roberto Longhi è il terzo da sinistra


dal 13 ottobre 2007 al 10 febbraio 2008
La collezione di Roberto Longhi. Dal Duecento a Caravaggio a Morandi
Fondazione Ferrero
Strada di mezzo, 44 - 12051 Alba (CN)
Orario: feriali ore 15-19; giovedì ore 15-22; sabato, domenica e festivi ore 10-19
Ingresso libero
Catalogo L’artistica Editrice
Info: tel. +39 0173295259; fax +39 0173363274; info@fondazioneferrero.it; www.fondazioneferrero.it


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di emanuela genesio
vedi calendario delle mostre nella provincia Cuneo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Caravaggio, Carrà, De Pisis, Emanuela Genesio, Giorgio Morandi, Giovanni Romano, Jusepe de Ribera, Lorenzo Lotto, Maria Cristina Bandera, Mattia Preti, Mina Gregori, Piero Della Francesca, Pietro Longhi, Roberto Longhi, Vittorio Sgarbi, Watteau
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram