fino al 30.III.2008 - Italiani in vacanza - San Giovanni Valdarno (ar), Casa Masaccio 3062 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/07/2019
Una cooperazione Carabinieri-FBI riporta in Italia due preziosi reperti dagli USA
15/07/2019
Un nuovo libro ci fa entrare nella mente di Jean-Michel Basquiat
13/07/2019
Anche Lucio Battisti arriva su Spotify ma non tutti sono contenti
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 30.III.2008
Italiani in vacanza
San Giovanni Valdarno (ar), Casa Masaccio

   
 Riprende con l’arte contemporanea l’attività espositiva di Casa Masaccio. Ma non finisce la vacanza. Una mostra “orientaleggiante”, che vede sfilare operazioni complesse. Ma senza alcuna seriosità di maniera... Daniela Cresti 
 
pubblicato
La mostra consegna il visitatore all’attimo impercettibile del non-ritorno che scandisce l’inspirazione dall’espirazione. Tutte le opere -video, disegni e foto- sono sospese. Attengono a un’area dai contorni indefiniti, che si rarefa nelle nebbie di Giovanni Ozzola, nello sciacquìo del mare di Michelangelo Consani, nelle spiagge melanconiche di Robert Pettena o nel blu intenso di orizzonti notturni.
Ogni opera trova il proprio habitat non nella separatezza, ma nel far parte dell’indefinibile fraseggio immaginifico del vacuus. Una sorta di stato iper-percettivo che segue lo svuotamento della mente nell’abbandono alla vacanza, il lasciarsi andare all’evocativo, al miraggio, al sogno.
Un breve video di presentazione e nient’altro al piano terreno. Il percorso espositivo ha il suo reale inizio con Tetto (La mattina rinfresca), la grande foto di Antonio Rovaldi. Un tetto appeso nel verde. Uno scatto spaesante, la sensazione di un edificio senza struttura. È un “suicidio nel verde delle palme umide e calde”. Spaesanti sono anche le Isole di Sabrina Mezzaqui, che cerca con disegni a pennarello di riannodare la trama perduta nell’“insensatezza dei gesti nella solitudine”.
Nella negazione di qualsiasi teoria prospettica occidentale, il percorso artistico non ha linearità. Senza paura dei vuoti, gli spazi sono ampi fuori e all’interno delle opere. Si svincolano dagli schemi con toni musicali ritmati e lievi, col quotidiano evolversi di luci ed ombre, nel momento magico del no man’s land. La “positiva sospensione” si coglie appieno nel dvd Naviganti, dove Consani afferra l’attimo fugace in cui la donna sale sulla barca da pesca e ne prende il timone.
Robert Pettena - 0ne Drop - 2008 - videoproiezione - 4'21''
Nelle foto di Ozzola c’è oblìo prospettico. L’artista non si pone al centro del “punto di fuga”, ma cerca la “fuga” nella totalità dell’immagine. Nascono così Sand Desert e Ultra Blue Night-horizon, foto su carta dove lo stesso passepartout opera un passaggio visionario dal soggetto all’oggetto evidenziato. La distonia dei due pezzi, nella stessa parete, rimanda a una visione discordante. La stessa distonia che riscontriamo nel video di Robert Pettena, solitario e unico nello spazio riservatogli. Non è un caso: l’opera simbolizza la sintesi di tutta l’esposizione ed è un vero e proprio atto respiratorio che lascia indifesi.
L’artista, nella sua perenne fuga, sposta l’obiettivo. Qui si adagia su un’immagine solitaria di bambino di fronte a un mare immenso e grigio. Non lo lascia un attimo, sottolinea il suo muoversi senza nulla compiere; la sua calma insolita in un contesto tutt’altro che tranquillo. L’ansia è stemperata in tonalità di grigio sorprendente; poi volge la telecamera e guarda con “un occhio nero e un occhio blu / bambino io bambino tu” (Zucchero).
Giovanni Ozzola - Ultra Blue Night, horizon - 2008 - stampa all'inchiostro su carta da 300 gr - cm 90x125
Il sospiro si fa concreto. Il cielo si squarcia in un afflato di azzurro e l’orizzonte si fa respiro, si sfuoca e di nuovo torna a fuoco, come pausa vitale di sospensione e risveglio.

articoli correlati
Michelangelo Consani con Christian Caliandro da White Project a Pescara
Sabrina Mezzaqui con Melita Rotondo al Castel Sant'Elmo di Napoli
Giovanni Ozzola con Elizabeth Aro allo Spazio Punctum di Roma
Robert Pettena alla Fondazione SoutHeritage di Matera
Antonio Rovaldi da Monitor a Roma

daniela cresti
mostra visitata il 25 febbraio 2008


dal 16 febbraio al 30 marzo 2008
Italiani in vacanza
a cura di Pier luigi Tazzi
Casa Masaccio
Corso Italia, 83 - 52027 San Giovanni Valdarno (AR)
Orario: feriali ore 16-19; festivi ore 10-12 e 16-19; chiuso il lunedì
Ingresso libero
Info: prolocosgv@val.it


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Daniela Cresti
vedi calendario delle mostre nella provincia Arezzo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Antonio Rovaldi, Giovanni Ozzola, Michelangelo Consani, Robert Pettena, Sabrina Mezzaqui
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram