fino al 5.VII.2008 - Claudia Losi - Firenze, Museo Marino Marini 3062 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/06/2019
Tracce di assenza. All'Hotel Hilton Molino Stucky di Venezia le opere di Mimmo Catania
19/06/2019
Ad Alberto Angela la laurea honoris causa dell’Università Suor Orsola di Napoli
19/06/2019
Flaminia Bonciani e i colori degli anni ’80, al RUFA Space
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 5.VII.2008
Claudia Losi
Firenze, Museo Marino Marini

   
 A partire dalla maestosa balena totemica, un percorso in avanti e indietro. Lungo l’opera di un’artista che ha fatto del viaggio e dell’incontro un’occasione di condivisione. Protagonista il sentimento intimo della natura... beniamino foschini 
 
pubblicato
In bilico fra una matrice biomorfa e il tentativo verso una sua concettualizzazione e riduzione, il lavoro di Claudia Losi (Piacenza, 1971; vive a Bologna e Piacenza) si dispiega letterariamente, ammiccando al calore materiale e simbolico degli oggetti piuttosto che focalizzarsi sulla critica asciutta all’uomo contemporaneo e al suo rapporto con la natura, come va di moda ora sulla scena artistica (pensiamo al lavoro di un big come Tue Greenfort o alla collettiva Katastrophenalarm alla Ngbk di Berlino).
La mostra si configura come una retrospettiva, con i diversi lavori che dialogano con lo spazio della cripta del museo. E se la forma simbolica della balena è il filo conduttore, in un movimento d’intrusione -ma senza shock- nell’immaginario naturale e animale dell’artista, allora le sale idealmente si prestano a essere l’antro archetipico dell’enorme mammifero.
Il centro della cripta è dominato da due installazioni simbolicamente antitetiche: da una parte la visione di un idillio corallino, costituito di circa 400 pesciolini colorati, realizzati a mano in lana tinta e imbottitura (Balena Project / Ecuador ’05, 2005) dalle mani capaci delle donne degli altopiani ecuadoregni. Nel suo percorso non solo fisico, l’operazione dell’artista trova nel rapporto con l’altro valore e completezza per le sue opere. Così come nasce dalla collaborazione con Emilio Romano l’altra installazione che domina lo spazio centrale, opera realizzata per l’occasione: riproduzioni in ceramica bianca di porzioni di carne di balena (Mukat, 2008), come pronti alla vendita all’ingrosso.
Claudia Losi - Balena Project / Ecuador ’05 - 2005 - lana tinta, imbottitura, 400 elementi ca. - dimensioni variabili - courtesy Monica De Cardenas - photo Carlo Fei
Il rapporto tra le due evoca la suggestione del binomio vita/morte, giocato sul contrasto cromatico e materiale in una dimensione leggera e consolatoria. Sul fondo, simulacri di piumoni con pesci e figure umane ricamate sopra, conservati sotto teca (Celacanti, 2006), sembrano finti ready made che giocano la loro presenza sull’emergenza calda del materiale.
L’amore dell’artista per l’incontro e per la natura si concretizza nelle diverse declinazioni del suo fare, ma l’installazione più suggestiva risulta nel lungo corridoio (Atti d’amore, 2003), dove piccole figure in panno grigio sono sospese nello spazio. Delicati rapporti a due, siano essi di amanti o di madre e figlio, tra animali che conservano nella loro semplicità tutta la chiarezza del senso vero e intimo di protezione. Delicatezza e intimità che si ripetono lungo le varie opere nell’insistenza del ricamo, tecnica che non riporta solo a una generica identità femminile, ma che soprattutto assume un valore antropologico nella collaborazione con gruppi di anziane signore nei ricami collettivi (Arthur’s Seat Project, 1990-2000; Places / Bidassero / Ittiri / Sardegna, 2004).
Claudia Losi - Balena Project - 2002-2008 - tessuto in lana, fibre per imbottitura, camera d’aria gonfiabile - cm 240x400 ca. - photo Carlo Fei
Nel chiostro è infine installata la scultura totemica del Balena Project che Losi sta portando avanti dal 2002: un’installazione a grandezza naturale di una Balenoptera Physalus, suggestione sia del tempo geologicamente passato, quando il mare lambiva gli Appennini, sia del tempo recente, quando nell’Italia degli anni ‘70 uno di questi animali sotto formalina era esposto di città in città come fenomeno da circo.
Ed è la seconda suggestione il motivo comunicativo del progetto: entrare in contatto nei diversi luoghi con le comunità locali e porre e far disporre la balena in una nuova suggestione collettiva.

articoli correlati
Personale da Monica De Cardenas a Milano

beniamino foschini
mostra visitata il 31 marzo 2008


dal 28 marzo al 5 luglio 2008
Claudia Losi - La coda della balena e altri progetti 1995-2008
a cura di a.titolo e Alberto Salvadori
Museo Marino Marini
Piazza San Pancrazio - 50123 Firenze
Orario: lunedì e da mercoledì a sabato ore 10-17
Ingresso: con catalogo € 8; senza catalogo € 6
Catalogo Gli Ori
Info: tel. +39 055219432; fax +39 055289510; info@museomarinomarini.it; www.museomarinomarini.it


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di beniamino foschini
vedi calendario delle mostre nella provincia Firenze
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Alberto Salvadori, Claudia Losi
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram