fino al 28.II.2009 - Michele Dantini - Firenze, Villa Bardini 3066 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/07/2019
Una cooperazione Carabinieri-FBI riporta in Italia due preziosi reperti dagli USA
15/07/2019
Un nuovo libro ci fa entrare nella mente di Jean-Michel Basquiat
13/07/2019
Anche Lucio Battisti arriva su Spotify ma non tutti sono contenti
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 28.II.2009
Michele Dantini
Firenze, Villa Bardini

   
 Kythera è quel luogo immaginario che Antoine Watteau destina a meta di pellegrinaggio nel suo celebre quadro. Preludio a un viaggio verso un’isola di felicità. Che può essere luce, ma anche ambigua assenza di sguardo e presenza... Daniela Cresti 
 
pubblicato
È Citera, l’isola di Venere”: la nitida immagine della Grecia classica si fa strada nella mente, la Grecia pagana e luminosa, “i cui sani appetiti hanno tutta intera la nostra indulgenza” (Guido Gozzano). Ma Citera è anche l’isola triste e nera di Baudelaire, dove sull’idillio si stende gelida l’ombra di una forca.
La Cythère di Michele Dantini non è solo questo; è citazione del quadro di Watteau, ma anche ambivalenza espressiva ed enigma della mente. Natura, mito, narrazione di viaggio, incontro e scoperta. Forse solo illusione. Perché demitizzare l’isola di Afrodite serve a svelare il simbolo, a renderlo “segno” carico di molteplici significati e ambiguità.
La comprensione dell’opera di Dantini passa necessariamente attraverso “l’alto profilo estetico che formalmente le opere mostrano” (Alberto Salvadori), ma in essa va trovato un viatico che serva non solo di augurio al viaggio, bensì sostenga il visitatore nel dedalo della relazione tra immagine e miraggio.
Il lavoro dell’artista denota il piacere dell’enfatizzazione sia nelle dimensioni delle foto, tutte di grande formato, sia nell’accuratezza filologica, che diviene rigore nella ricerca dell’imprevisto e nella compulsa e narcisista solitudine. I suoi scatti volgono lo sguardo verso una natura spesso domata dalla mano dell’uomo, ma la figura umana non si vede mai.
Michele Dantini - Cythère - 2008 - courtesy l'artista & Galleria Alessandro De March, Milano
Eppure pesante è l’intervento che modifica il paesaggio, sia esso naturale, architettonico o museale. Così, i giardini sono appannati da vetri che ne intorbidano la visione in Cythère #14 o da tendaggi semitrasparenti in Cythère #3. Le foto captano sembianze umane solo nei busti, nelle statue dei musei, o imprigionano animali in imbalsamati trofei zoologici, come in Cythère #4 e in Cythère #6. La perdita di fisicità arricchisce le opere di simbologia, diventa pura immagine interiore, dimensione della psiche.
La mostra trova ottima collocazione nel complesso di Villa Bardini, dove il contesto architettonico e il giardino con ampia veduta su Firenze accolgono i molteplici aspetti culturali di anni di storia e arte. Nel piccolo spazio di BardiniContemporanea si articola la rete del Museo Diffuso del contemporaneo e si snoda il sentiero di Dantini, che introduce l’osservatore “in una tessitura impalpabile di momenti ‘irrealizzati’” (Luigi Fassi).
Michele Dantini - Cythère - 2007 - courtesy l'artista & Galleria Alessandro De March, Milano
Il cerchio si chiude, tornando all’immaginario di Watteau, alla desiderata armonia fra mito e realismo.

articoli correlati
Dantini al Pecci

daniela cresti
mostra visitata il 15 gennaio 2009


dal 28 novembre 2008 al 28 febbraio 2009
Michele Dantini - Cythère
a cura di Alberto Salvadori
Villa Bardini
Costa San Giorgio, 4 - 50125 Firenze
Orario: da martedì a domenica ore 8.15-16.30
Ingresso libero
Catalogo Gli Ori
Info: tel. +39 0552613289; www.bardinipeyron.it


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Daniela Cresti
vedi calendario delle mostre nella provincia Firenze
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Alberto Salvadori, Antoine Watteau, Guido Gozzano, Luigi Fassi, Michele Dantini
 

1 commento trovato 

05/02/2009
Silvia Ferrandes, Pantelleria-Milano (Italy)
Citera,l'isola greca in questione, mi fa pensare molto alla mia Pantelleria...!
Un augurio al Professor Dantini per la sua mostra!
Silvia (Master M.E.C. Università Cattolica,Milano)


Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram