fino al 19.IV.2009 - Oltre il paesaggio - Pieve di Soligo (tv), Villa Brandolini 3062 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
23/07/2019
Il viaggio dentro e fuori di te, per il prossimo manifesto di Flashback Opera Viva a Torino
22/07/2019
Partecipa all'edizione 2019 di Fuori Fuoco Moak e racconta il caffè in tutte le sue forme
22/07/2019
Da Noto, in partenza per la Luna, con Photology Air
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 19.IV.2009
Oltre il paesaggio
Pieve di Soligo (tv), Villa Brandolini

   
 Partire dal paesaggio per raccontare il cambiamento. L’arte veneta, nel dopoguerra, tenta nuove vie e, passando per la pittura, approda ai pixel. In scena, a Pieve di Soligo, uno dei rari appuntamenti in provincia di Treviso per guardare all’arte con occhio (quasi) contemporaneo... saul marcadent 
 
pubblicato

Nel ‘51 Andrea Zanzotto intitola il suo primo libro di liriche Dietro il paesaggio. Un paesaggio in senso lato, quello raccontato in versi dal poeta veneto, “della memoria e della favola, di figure nascoste e di prodigi”, eppur concreto, tangibile.
Non dietro ma oltre il paesaggio è invece la direzione in cui paiono andare gli artisti veneti a partire dal secondo dopoguerra. Una direzione non certo unilaterale, ma contraddistinta da elementi comuni, in primis la creazione di un rapporto privilegiato con il reale e l’esplorazione dei nuovi media. È Villa Brandolini, a metà via tra le Alpi e la Laguna di Venezia, la location scelta per ospitare la prima tappa del progetto pluriennale Possibile paesaggio, a cura di Dino Marangon. Un progetto importante, in una provincia ancora troppo poco capace di scorgere nel contemporaneo un terreno fertile nel quale credere e investire.
Se buona parte dei lavori in mostra è collocabile all’interno di correnti artistiche e movimenti ben delineati, senza particolari spinte innovatrici, le opere di artisti come Germano Olivotto e Fabrizio Plessi paiono tracciare percorsi in parte inesplorati. Ruotano attorno al rapporto natura-artificio le Sostituzioni di Olivotto: elementi come rami e tralci sono rimpiazzati da tubi al neon fluorescenti e, pur nella loro estraneità, s’inseriscono perfettamente nel paesaggio circostante. Anche il lavoro di Plessi coniuga elementi naturali e artificiali: l’installazione Lava provoca un détournement, unendo la materialità della pietra lavica all’immaterialità del video. L’incendio della natura rumoreggia e scorre sotto la superficie riflettente del monitor.
Luciano Gaspari - Tempo veloce - 1956-57 - olio su tela
Al pianterreno, una piccola stanza ospita le ricerche video maturate all’interno della Galleria del Cavallino, tra i principali centri italiani di produzione di videoarte negli anni ‘70. Non manca, fra le tematiche affrontate, l’esplorazione del paesaggio. In pochi istanti si compie un viaggio nella storia dell’arte attraverso le Analogie di Guido Sartorelli, e dai minuscoli tasselli del mosaico bizantino ai pixel televisivi il passo è breve. Dall’interferenza emerge lentamente un paesaggio di Alfred Sisley e il video si chiude come spegnendo il tasto off del televisore.
Nel grande parco che circonda la villa trovano spazio, poi, le installazioni site specific di Claudia Steiner e di Enrico Minato. Due braccia in ceramica bianca circondano un albero secolare a lato del giardino (Circonferenza naturale), mentre L’uomo si ciba di paesaggio di Minato inghiotte l’intorno per poi restituirlo allo spettatore.
Fabrizio Plessi - Lava - 2006 - videotecnologia, basalto
Un “gioco di colline” si specchia sulla superficie riflettente. E quel microcosmo, quell’angolo di mondo così vitale per Andrea Zanzotto, si anima di nuove voci, nel tentativo di fuggire al degrado impietoso della natura.

articoli correlati
Il paesaggio secondo Gilles Clément

saul marcadent
mostra visitata il 15 marzo 2009


dal 14 febbraio al 19 aprile 2009
Oltre il paesaggio
a cura di Dino Marangon
Villa Brandolini d’Adda
Piazza Libertà, 7 - 31053 Pieve di Soligo (TV)
Orario: venerdì ore 18-20; sabato ore 15-20; domenica e festivi ore 10-13 e 15-20
Ingresso: intero € 5; ridotto € 3
Catalogo Canova Edizioni
Info: tel. +39 0438985335; cultura@comunepievedisoligo.it; www.astartesc.it


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di saul marcadent
vedi calendario delle mostre nella provincia Treviso
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Alfred Sisley, Andrea Zanzotto, Claudia Steiner, Dino Marangon, Enrico Minato, Fabrizio Plessi
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram