fino al 17.IV.2010 - Walter Picardi - Roma, Dora Diamanti 3086 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/06/2019
L'Adidas ha annunciato una capsule collection omaggio a Keith Haring
21/06/2019
La scuola di Twin Peaks verrà demolita a luglio
21/06/2019
Valentino Catricalà è il direttore della sezione arte di Maker Faire Roma
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 17.IV.2010
Walter Picardi
Roma, Dora Diamanti

   
 Cementifica menti, corpi, pensieri, voci. L’ironia dell'installazione ha volumi di coscienza inaspettati. La burla della rappresentazione conserva una semantica morale che ha radici nel malessere italiano: la mafia... chiara li volti 
 
pubblicato
Che l'arte sia sempre stata materia per sociologi è chiaro ai più; che abbia incarnato rivelazioni più o meno antropologiche lo mostra la quantità degli studi volti ad apprendere, attraverso le immagini, i costumi e gli aspetti del passato. Tuttavia, è quando cade ogni impuro mecenatismo che l'artista è finalmente libero di prendere la parola. E, nella Full Immersion offerta, Walter Picardi (Napoli, 1978) prende letteralmente la parola.
La questione politica e sociale è un filo che si dipana nel suo operato nelle forme più svariate: dalla fotografia alle installazioni. L'attivismo di fondo è incarnato in contenuti scomodi e in forme irriverenti. ÈWalter Picardi - Avvoltoio - 2009 - incisione laser su plexiglas nero lucido - cm 150x75x2 - ed. di 3 questa l'occasione di una denuncia diretta della mafia, dell'omertà, dell'impotenza delle grida di rivolta, di una cruda realtà del Sud che è malessere dell'Italia tutta.
All'ingresso della galleria sono eretti, allineati come se stessero esibendosi su un palco ideale, quattro grotteschi elementi. Sono blocchi di cemento da cui emergono, qui e là, lembi di vestiti: un tutù e la visiera di un cappellino; alla base spuntano le estremità delle scarpe; in cima, uno di essi mostra un'infantile coda di cavallo; un altro ha delle buste della spesa attaccate ai lati. La famiglia, martire e vittima. La mafia, con i suoi soldi, con i suoi appalti, e il cemento che butta addosso alle persone, che uccide, brutalmente, nel fisico e nello spirito.
Nell'opera di Picardi, i quattro blocchi corrispondono ai quattro componenti d’una famiglia: una coppia con due bambini. Sogni da ballerina per la piccola col tutù, vita da casalinga per la madre con le sporte, il padre invece batte il tempo con il piede dinanzi a un microfono: un occhiolino alla tradizione canora campana, un cenno al doppio senso del "far cantare" come dell'"aver parlato troppo".
L'installazione si racconta da sé, e con discrezione lancia un messaggio di morte che sia volano di vita. Walter Picardi - Ballerina - 2009 - polistirolo, cemento, resina, tutu e scarpe da ballerina, capelli, ferro, plexiglas - cm 110x30x30L'approccio autobiografico si palesa venendo a conoscenza della provenienza dell'artista da uno dei quartieri periferici del napoletano, a contatto con le storie degli sguardi più che dei discorsi, degli occhi volti verso terra, del passo accelerato e delle parole bisbigliate.
Il tempo narrato è solido quanto il cemento in mostra: i quattro appartengono tanto al passato quanto al presente. Possiamo facilmente provare a indovinare quali sogni di gloria nella carriera dello spettacolo e della danza faccia la bambina, quali le ansie domestiche della madre carica della verdura e della frutta del mercato, quale l'aspetto bonario e solare del menestrello napoletano.
La mostra si conclude al piano sotterraneo, dove l'arcata e il soffitto ribassato mostrano affinità concreta con gli spazi sacrali dove venivano conservati gli ex-voto. Troneggia l'avvoltoio inciso sul plexiglas lucido, presagio di morte, trattato con la modernità dei materiali artistici. Un avvoltoio che non sorvola alcunché, perché, pacifico, saprà che avrà il giusto pasto.

articoli correlati
Intervista con Walter Picardi
Personale a Napoli

chiara li volti
mostra visitata il 2 marzo 2010


dal 19 febbraio al 17 aprile 2010
Walter Picardi - Full Immersion
a cura di Micòl Di Veroli
Dora Diamanti Arte Contemporanea
Via del Pellegrino, 60 (zona campo de' Fiori) - 00186 Roma
Orario: da lunedì a sabato ore 15.30-19.30
Ingresso libero
Info: tel. +39 0668804574; info@doradiamanti.it; www.doradiamanti.it


[exibart]

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di chiara li volti
vedi calendario delle mostre nella provincia Roma
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: chiara li volti, Micòl Di Veroli, Walter Picardi
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram