fino al 4.IV.2010 - Tracey Emin - Roma, Lorcan O'Neill 3150 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
25/06/2019
Quattro residenze per il nuovo bando di CURA 2020
25/06/2019
Bill Murray riceverà da Wes Anderson il Premio alla carriera alla Festa del Cinema di Roma
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 4.IV.2010
Tracey Emin
Roma, Lorcan O'Neill

   
 Dove la mostra è la messa in mostra di se stessi. Dove non ci sono confini fra intimità pubblica e privata. E dove il dramma dell’aborto viene affrontato in galleria. Mica solo tende e letti disfatti... flavia montecchi 
 
pubblicato
Con una delicatezza intima e irriverente, Tracey Emin (Londra, 1963) torna per la terza volta negli spazi trasteverini di Lorcarn O’Neill, affrontando i temi della morte e della sessualità per metterne in scena il consueto passato biografico in chiave artistico-contemporanea. Protagonista della sua vita con dolori, sofferenze ed emozioni, ha sempre messo tutto in discussione con una velatura poetica che si lacerava alla sola esuberanza della trasgressione di raccontare tutto quello che non avresti visto se non fossi stata Tracy Emin. A partire dall’esposizione del proprio letto disfatto e cosparso di pregnanti “ninnoli” femminili, fino ai neon dai colori pastello, ai video e ai ricami, Emin non si dissuade dall’utilizzare tutti i media possibili per comunicare le sue esperienze, impazienti di essere comunicate.
Con Why Be Afraid torna a parlare dell’aborto con una nuova selezione di otto monoprint su carta che, esposti nel secondo spazio della galleria, sfruttano il distaccamento dai ricami e dal video, esprimendosi in un linguaggio chiaro quanto visibilmente frastagliato dalla tecniche adottata: lembi di segni nerastri strascicano su di un foglio le gambe sottili di un corpo femminile, dal cui ventre fuoriesce un rigagnolo livido e secco, impresso dal ricordo dell’inchiostro. Come una bambina che approccia la rappresentazione del mondo con la naturalezza di un tratto grafico, Emin sembrerebbe voler comprimere nella passività di quel tratto le esperienze traumatiche che hanno colpito la sua vita.
Tracey Emin - Why Be Afraid... - veduta della mostra presso la Galleria Lorcan O’Neill, Roma 2010
Non si tratta infatti di schizzi diretti, ma di inchiostro impresso, in cui il tratto finale dalla matrice passa su carta, quasi a testimoniarne il ricordo. I corpi esili di Not Feeling Good e Still Dead appaiono in tutta la loro crudezza, seppur da lontano sembrano addolcire lo sguardo dello spettatore voyeur che si avvicina per comprenderne la posizione. Non c’è nient’altro da raccontare se non ciò che già è reso abbastanza esplicito sia dal tratto che dai titoli.
In galleria invece i ricami su calico come su cotone lasciano tirare un leggero sospiro di sollievo. La maternità indaga la psicologia labile dell’artista, che nel video No Love You’re Not Alone posa nuda con il ventre e il petto coperto da un dolce micio che carezza e tiene stretto in grembo, come una mamma fa con un neonato. Vicino al video, una serie di piccoli lavori suggeriscono l’idea di una maternità sfiorata, in cui una figura femminile dal seno scoperto abbraccia il disegno di piccolo infante.
Tracey Emin - We Sat There - 2010 - ricamo su cotone - cm 21,6x23,6
Ma la prima sala della galleria in realtà serba qualcos’altro, e questa volta le piccole dimensioni non contano: The Annunciation ricama su calico la stilizzazione del messaggio divino di Beato Angelico, esaltandone i fiori in centro. Il percorso della mostra passa così dalla religiosa maternità alla perdita brutale del suo concepimento. L’acrilico su tela spezza la monocorde linea sottile di nero che racconta le antitesi della vita di una donna per ricordare le ispirazioni stilistiche di Emin: anche qui, però, la freddezza essenziale dei tratti riproduce una donna scarna di quell’espressionismo da cui prende spunto, per mostrarsi “ancora lì” (I’m Still Here, 2009).
A concludere la mostra non poteva mancare un neon rosa confetto a suggellare I Think I Love you, sigillando la domanda della mostra, quasi ad esortare lo spettatore in una vita migliore (della sua?).

articoli correlati

Pop Life a Londra

La personale romana del 2006

E quella del 2004


flavia montecchi

mostra visitata il 6 marzo 2010


dal 19 febbraio al 4 aprile 2010
Tracy Emin - Why Be Afraid...

Galleria Lorcan O’Neill

Via Orti d’Alibert, 1e - 00165 Roma

Orario: da lunedì a venerdì ore 12-20 e sabato ore 14-20

Ingresso libero

Info: tel. +39 0668892980;
mail@lorcanoneill.com; www.lorcanoneill.com

[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di flavia montecchi
vedi calendario delle mostre nella provincia Roma
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Beato Angelico, flavia montecchi, Lorcarn O’Neill, Tracey Emin
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram