fino al 7.V.2010 - San Lorenzo - Roma, Limen 3069 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/06/2019
In Germania, presso la Stadtgalerie Kiel, inaugurata la seconda tappa della mostra del Premio Fondazione Vaf
18/06/2019
Archy Art è il nuovo software per gestire gli archivi d’artista
18/06/2019
VALIE EXPORT vince il Roswitha Haftmann Prize 2019. Il premio alla sua ricerca coraggiosa
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 7.V.2010
San Lorenzo
Roma, Limen

   
 Un nuovo spazio espositivo pronto a partecipare alla vita del quartiere. Un punto di raccordo per i diversi studi di produzione artistica, musicale e culturale della zona. Si comincia con gli artisti del Pastificio Cerere... anita fumagalli 
 
pubblicato

In Limen otto9cinque, nel suo nome (il confine come luogo d’incontro e passaggio), nella sua struttura architettonica (un cancello d’ingresso di 8,95 metri e un ampio piazzale) c’è l’idea di aprirsi al quartiere. C’è l’idea del suo direttore, con quella punta di visionarietà dell’organizzatore creativo, di mettere lo spazio al servizio della gente.
La scelta di San Lorenzo come location non è stata priva di titubanze: non è il classico quartiere degli artisti, non è Trastevere; è un quartiere pieno di artigiani però, dove c’è gente che “usa le mani per fare le cose”, ed è così che è scattato il colpo di fulmine di Massimo Riposati. L’obiettivo è quello di cogliere le intelligenze che ci sono nel quartiere, offrendo un luogo di confronto anche con ciò che sta al di fuori di esso, con il progetto di una biblioteca dei cataloghi delle mostre aperte in Italia e all’estero e di un archivio che raccolga i dossier degli artisti.
Tutto questo si coniuga comunque con un’idea di arte, con l’apprezzamento di quelle mostre e opere che sollecitano la voglia di conoscere, che danno uno stimolo a saperne di più; Bruno Ceccobelli - Uomo di cosmo - 1984 - scultura in legno - cm 126x98x38e per Riposati sono quelle in cui la conoscenza dei mezzi espressivi si accompagna a un’urgenza spirituale, quelle in cui si avverte un’apertura da parte degli artisti alla lettura della propria spiritualità, quelle da cui si colgono le vibrazioni che hanno mosso la mano dell’autore.
La presenza di tecnica e spiritualità fa sì che le opere di Bruno Ceccobelli, Piero Pizzi Cannella, Giuseppe Gallo, Marco Tirelli, Nunzio e Gianni Dessì siano qui oggi e la ricerca di queste due componenti può divenire un tramite per entrare in esse. In Uomo di cosmo di Ceccobelli le si coglie nel titolo, nel concetto e nell’utilizzo di un materiale come il legno, duro ma evocativo di una storia di cui è impossibile rintracciare l’inizio, che scavato introduce lo spettatore in un’apertura accogliente nella sua infinitezza.
Pizzi Cannella
propone sfondi confusi illuminati da lampadari fantasma, con qualche ricordo di Tintoretto e qualcosa di Bacon, come inviti a sorpresa per l’ospite che corre il rischio e ammette l’inaspettato. Nunzio con grigi Senza titolo, attraverso l’accostamento di materiali come carta, piombo e legno, tiene sospesi fra sensazioni industriali e astrazioni stellari.
C’è un altro elemento che fa da cardine alle scelte artistico-organizzative di Riposati: “Il valore dell’attraversamento diagonale”, che può sbilanciare, ma soprattutto dà un senso dinamico alle cose. E allora in che cosa le opere in mostra oggi sono diagonali? Si ritrovano in questa occasione personaggi artisticamente nati insieme più di 25 anni fa e che hanno poi intrapreso percorsi autonomi. La diagonalità sta dunque nell’aver messo insieme un gruppo che non esiste, che anche quando portava il nome di Scuola di San Lorenzo incontrò da subito le prime uscite, colluttazioni teoriche al suo interno, negazioni della propria provenienza.
Piero Pizzi Cannella - Salon de musique - 2010 - olio su tela - cm 150x200
Sei artisti quasi tutti felici di essere di nuovo insieme, chi con la proposta, chi con piacere, chi con disinteresse, ma comunque tutti con un proprio progetto. Alla base di questa prima collettiva non c’è un progetto unico, ma la diagonalità di aver messo insieme una cosa che non c’è, di aver combinato autonome sperimentazioni plastiche.

articoli correlati
Dessì, Pizzi Cannella e Tirelli a Udine

Giuseppe Gallo al Macro
Il piacere del collezionista

video correlati
San Lorenzo a Villa Medici

anita fumagalli
mostra visitata il 16 aprile 2010


dal 7 aprile al 7 maggio 2010
San Lorenzo: Limen la soglia dell'arte
a cura di Achille Bonito Oliva
Limen otto9cinque
Via Tiburtina, 141 (zona San Lorenzo) - 00185 Roma
Orario: da martedì a venerdì ore 11-13 e 16-20; sabato su appuntamento
Ingresso libero
Catalogo Edizioni Carte Segrete
Info: tel. +39 067274455;
info@limen895.com; www.limen895.com

[exibart]

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di anita fumagalli
vedi calendario delle mostre nella provincia Roma
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Achille Bonito Oliva, anita fumagalli, Bacon, Bruno Ceccobelli, Gianni Dessì, Giuseppe Gallo, Marco Tirelli, Nunzio, Piero Pizzi Cannella, Tintoretto
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram