architettura_mostre - Brasilia - Milano, Triennale 3066 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/07/2019
Partecipa all'edizione 2019 di Fuori Fuoco Moak e racconta il caffè in tutte le sue forme
22/07/2019
Da Noto, in partenza per la Luna, con Photology Air
22/07/2019
Addio a Ilaria Occhini, volto gentile e notissimo di cinema, teatro e tv
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

architettura_mostre
Brasilia
Milano, Triennale

   
 21 aprile: la stessa data della fondazione di Roma. Così per Brasilia, nel 1960. Creare una città e renderla capitale. Un fascino speciale, con dibattiti aperti allora e ora... valeria ottolenghi 
 
pubblicato
Sono trascorsi cinquant’anni. Un compleanno importante. Mezzo secolo di vita per una città capitale sorta dal nulla. I documenti in bacheca, le riviste che ricordano, spiegando, commentando, tra entusiasmi e perplessità, hanno l’aria ingiallita, mostrando i segni del tempo. Intorno, gigantografie dei palazzi realizzati da Oscar Niemeyer (Rio de Janeiro, 1907) e frasi scritte in grande di chi ha partecipato a quell’avventura, ma anche di chi ha studiato, analizzato, seguito Brasilia al suo sorgere e nel suo sviluppo.
Lúcio Costa (Tolone, 1902 - Rio de Janeiro, 1998), autore del Plano Pilota della città che era stata sognata da Don Bosco, una strana profezia, nel 1964 ebbe l’incarico di predisporre il padiglione del Brasile alla XIII Triennale di Milano dedicata al tempo libero: qui, tra amache e chitarre, simboli e luoghi comuni della sua terra, mise a confronto due fotografie, Brasilia 1957 e 1961, "a suggerire che la stessa gente che passa il tempo libero nelle amache, quando il tempo stringe è capace di costruire in tre anni una capitale nel deserto”.
Vero. Ma. Diverse furono le voci critiche: in Italia, in particolare Bruno Zevi non usò toni sfumati e nel ‘59, mentre ancora fervevano i lavori, scriveva per Brasilia di una specie di Eur, ugualmente lugubre, che stava nascendo senza i tempi giusti per pensarla e costruirla, destinata nel tempo a denunciare l’artificio delle sue origini, senza potersi mai radicare realmente.
Brasilia - Sito vuoto - Arquivo Publico do Distrito Federal
E c’erano naturalmente anche i dubbi legati ai costi dell’operazione. Di tutto questo si rende testimone la mostra, e il catalogo, ricco di dati informativi, ospitando anche le immagini di quanto esposto, compresi i francobolli commemorativi, le monete con le immagini di alcuni palazzi, la pubblicità di una macchina e di un aereo nominati Brasilia. Ma anche di sigarette e mobili. Brasilia: una parola capace da sola di evocare il piacere della ricerca, della sperimentazione, di quanto era possibile chiamare "moderno”.
La figlia di Juscelino Kubitschek de Oliveira, presidente del Brasile dal ‘56 al ’61, è diventata architetto, ed è lei a ricordare come sia stato il padre a voler tenacemente la nascita di questa nuova città, che è ormai storia. In mezzo, poi, gli anni della dittatura. Niemeyer a lungo in esilio. Trasformazioni: anche per le idee architettoniche. Gli edifici come memoria solidificata di altri tempi. Capaci comunque di trasmettere ancora il sentimento della grande impresa.
Brasilia - photo di Iwan Baan
In mostra c’anche un video dove persone che vivono in quartieri degradati raccontano rassegnati di come il mondo "altro”, delle riviste, delle università, spieghino il rap o l’hip-hop. A distanza: come quei vasti palazzi allora tanto arditi. Significativa in particolare l’immagine della torre della televisione dove, nella parte sottostante, tra linee di cemento dritte e ricurve, si vedono delle bancarelle da mercato con abiti e souvenir.

articoli correlati
Contemporaneo brasiliano

Niemeyer a Benevento
L’architetto a Ravello

valeria ottolenghi
mostra visitata il 4 gennaio 2010


dall’undici novembre 2010 al 23 gennaio 2011
Brasilia. Un’utopia realizzata. 1960-2010
a cura di Alessandro Balducci, Antonella Bruzzese, Remo Dorigati e Luigi Spinelli
Triennale
Viale Alemagna, 6 (Parco Sempione) - 20121 Milano
Orario: da martedì a domenica ore 10.30-20.30; giovedì ore 10.30-23
Ingresso: intero € 4; ridotto € 3/2
Catalogo Electa
Info: tel. +39 02724341; fax +39 0289010693; www.triennale.it

[exibart]

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di valeria ottolenghi
vedi calendario delle mostre nella provincia Milano
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Alessandro Balducci, Antonella Bruzzese, Bruno Zevi, Don Bosco, Juscelino Kubitschek de Oliveira, Lúcio Costa, Oscar Niemeyer, Remo Dorigati, valeria ottolenghi
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram