fino al 23.V.2004 - Il cielo d’argento - Roma, Auditorium 3083 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
24/07/2019
Una gara da 2 milioni di euro per il risanamento del Museo Archeologico di Aquileia
23/07/2019
Il viaggio dentro e fuori di te, per il prossimo manifesto di Flashback Opera Viva a Torino
22/07/2019
Partecipa all'edizione 2019 di Fuori Fuoco Moak e racconta il caffè in tutte le sue forme
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 23.V.2004
Il cielo d’argento
Roma, Auditorium

   
 Reliquie –miracolose- trafugate con un’avventurosa azione militare. Una basilica fortezza e una cripta come uno scrigno prezioso per conservarle. Storia di un restauro da San Nicola di Bari. Quello di uno stupefacente cielo d’argento Maria Cristina Bastante 
 
pubblicato
Imponente, eterno, ultraterreno. Così doveva apparire il cielo d’argento nella cripta della basilica di San Nicola, a Bari: non tanto un baldacchino prezioso –giusto coronamento per l’altare che conservava le reliquie del Santo- quanto una vera e propria epifania –magari un po’ ingenua- della dimensione celeste. Così del resto appare –fresco di restauro- nello spazio che l’Auditorium dedica alle mostre temporanee: allestimenti di poche opere (nel caso, ad esempio, della mostra dei Cellotex di Alberto Burri) o presentazione al pubblico di un ritrovamento (gli affreschi pompeiani preview della grande mostra, o il recentissimo volto d’avorio) o del risultato di un’operazione di recupero e conservazione.
E il cielo d’argento non viene meno in questo programma che sembra assecondare quasi un gusto da collezione di mirabilia: nonostante l’illuminazione impietosa l’opera si offre ad un inedito sguardo ravvicinato, prima di tornare a Bari, dove sarà installata questa volta nel Museo della Basilica (anche se non è del tutto esclusa l’ipotesi del ritorno alla posizione originale nella cripta).
cielo d
L’impatto è straordinario, per le dimensioni (22 parti assemblate in un unico pannello di 2,5 x 3 metri) e per la tecnica, un sapiente, calibrato virtuosismo; ne sono autori Domenico Morelli e il giovane socio Antonio Avitabile, maestri argentieri attivi a Napoli e nel sud dell’Italia: al primo si deve l’ideazione della composizione ed i modelli preparatori, mentre il secondo subentra nel momento di tradurre in argento le forme scultoree. Un atto notarile ascrive al 1687 la consegna dell’argento necessario per il cielo: circa 160 libbre.
L’idea di un simile apparato viene da lontano: già il re Urosio II nel 1319 aveva ordinato che la cappella dedicata al santo patrono tutta sfolgorasse di puro argento (così leggiamo nella cronaca di Giulio Petroni), una decorazione sfarzosa di cui però ai primi del Seicento s’era conservato solo il ricordo (Può pensarsi che questa coprisse tutta la volta della cappella scrive Antonio Beatillo). Da qui alla nuova commissione per un baldacchino altrettanto spettacolare il passo è breve.
cielo d
Smembrato in seguito ai lavori di restauro e ripristino tra il 1927 e il 1955, il cielo è stato pulito e ricomposto: l’ovale centrale da cui emerge –temibile- la figura dell’Eterno, il turbinare di nubi, volute, testine di cherubini che s’apre a raggiera, i quattro cherubini più grandi a chiudere gli angoli della composizione. Una visione sfolgorante, dove convivono la retorica barocca e la grazia dell’oreficeria.

articoli correlati
restaurata la volta della Sala Altoviti di Palazzo Venezia
la sfera d’oro
link correlati
Istituto Centrale per il Restauro

mariacristina bastante
mostra vista il 19 marzo 2004


Il cielo d’argento
Auditorum Parco della Musica, viale Pietro de Coubertin (Flaminio), 0680241436, ingresso 1 euro, lun_gio 10-18 ven_dom 10-21, catalogo Electa 7 euro


[exibart]


 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Maria Cristina Bastante
vedi calendario delle mostre nella provincia Roma
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Alberto Burri, Domenico Morelli, mariacristina bastante, Nicola Di Bari
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram