Corpi svelati 1900-1950 3053 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/07/2019
Per il compleanno di Frida Kahlo, regalati la sua nuova collezione beauty
17/07/2019
Nuova vita per il World Trade Center, che riparte con un Centro d’Arti Performative
16/07/2019
Riaperte al pubblico due delle piramidi più antiche d’Egitto
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva NUOVA GALLERIA CAMPO DEI FIORI ​ Via di Monserrato 30 Roma 00186

Roma - dal 5 maggio al 25 giugno 2005

Corpi svelati 1900-1950

Corpi svelati 1900-1950
Dazzi - Estate
 [Vedi la foto originale]
NUOVA GALLERIA CAMPO DEI FIORI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Di Monserrato 30 (00186)
+39 0668804621
info@nuovagalleriacampodeifiori.it
www.nuovagalleriacampodeifiori.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Il nudo a Roma da Sartorio a Pirandello
orario: 10-13 e 16-19, chiuso lunedì mattina e festivi
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 5 maggio 2005. ore 17-20
catalogo: a cura di Flavia Matitti
curatori: Lela Djokic, Flavia Matitti, Maja Titonel
autori: Alfredo Biagini, Felice Carena, Amleto Cataldi, Arturo Dazzi, Adolfo De Carolis, Ercole Drei, Ferruccio Ferrazzi, Giovanni Guerrini, Camillo Innocenti, Ivan Mestrovic, A. Noci, Fausto Pirandello, Antonietta Raphael, Giulio Aristide Sartorio, A. Spadini, A. Terzi, Francesco Trombadori, Alberto Ziveri
genere: arte moderna e contemporanea, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
In campo artistico, a Roma, il Novecento si apre con lo scandalo suscitato dalle statue delle Najadi, poste nel 1901 a decorare la fontana di piazza dell’Esedra. Realizzate da Mario Rutelli, le procaci sculture furono perfino oggetto di una interrogazione da parte di alcuni consiglieri comunali, perché giudicate "oltremodo sconce e scomposte" come "ciociare ubriache". Nel 1928 a sollevare la polemica è invece la fontana di piazza dei Quiriti, opera di Attilio Selva, accusato di aver riprodotto "quattro prostitute effigiate nella più indecente delle pose". Ma a questa data, il nudo femminile, che aveva trionfato nella Roma Liberty, è già in declino, sopraffatto dal revival del nudo virile, reintrodotto con i monumenti ai Caduti eretti nel dopoguerra, e culminato nella retorica della romanità celebrata nelle monumentali statue dello Stadio dei Marmi e poi dell’E42.

La mostra Corpi svelati. Il nudo a Roma da Sartorio a Pirandello, curata da Lela Djokic e Flavia Matitti, con la collaborazione di Maja Titonel, si propone di offrire attraverso una ventina di opere, tra dipinti e sculture, una sintesi del diverso modo di percepire e raffigurare il nudo, a Roma, nella prima metà del Novecento, ossia dai tempi della Belle Epoque agli anni del Neorealismo, privilegiando comunque i primi decenni del secolo.
L’esposizione riunisce alcuni importanti pezzi storici, tra i quali si segnalano due pannelli superstiti del fregio realizzato da Giulio Aristide Sartorio per decorare la Sala del Lazio alla Biennale di Venezia del 1903 e la scultura in bronzo della Bagnante di Alfredo Biagini, che arredava la Sala Etrusca della Quirinetta, il ritrovo mondano progettato da Marcello Piacentini e inaugurato nel 1927.
Altra particolarità è quella di presentare l’opera pittorica di due noti scultori: Ercole Drei con il quadro Conchiglia, esposto nel 1934 alla IV Sindacale Romana e Arturo Dazzi con il grande dipinto intitolato Estate, presentato nel 1935 alla II Quadriennale, e da allora mai più esposto.
Documentano inoltre il gusto simbolista e liberty un olio di Adolfo De Carolis, e le sculture in bronzo di Amleto Cataldi e Ivan Mestrovic, mentre il Divisionismo romano palpita nei nudi femminili di Arturo Noci, Camillo Innocenti, Aleardo Terzi e Ferruccio Ferrazzi.
Il ritorno all’ordine, dopo la Grande Guerra, è rappresentato da un disegno monumentale del pittore "Neoclassico" Francesco Trombadori. Al clima del Novecento sono riconducibili i nudi dipinti da Felice Carena e Giovanni Guerrini, mentre Armando Spadini sta a sé con un bozzetto per la Bagnante.
Testimoniano infine il maturare di una nuova temperie culturale, all’insegna dell’espressionismo e del realismo, l’olio di Alberto Ziveri e la terracotta di Antonietta Raphaël. Concludono idealmente e cronologicamente il percorso espositivo due dipinti di Fausto Pirandello.

Accompagna la mostra il catalogo curato da Flavia Matitti, contenente un saggio introduttivo e le schede delle opere, edito nella collana Nuova Galleria Campo dei Fiori diretta da Lela Djokic.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram