David LaChapelle - V.I.P.: Very Important Portraits 3122 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/10/2018
Dopo 25 anni la statua di Zeus in trono torna a Baia
20/10/2018
Notturni da Chopin a Carlo Mattioli. All’Auditorium di Parma, concerto dedicato all’artista
20/10/2018
Il Sub-Marine di Giusva Pecoraino approda a Palermo

+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUSEO DI CAPODIMONTE ​ Via Di Miano 2 Napoli 80131

Napoli - dal 24 marzo al 4 giugno 2006

David LaChapelle - V.I.P.: Very Important Portraits
[leggi la recensione]

David LaChapelle - V.I.P.: Very Important Portraits
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
MUSEO DI CAPODIMONTE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Di Miano 2 (80131)
+39 0817499111 , +39 0817445032 (fax)
sspsae-na.capodimonte@beniculturali.it
www.museo-capodimonte.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Il parallelo, apparentemente ironico e irriverente, tra il genio italiano del cinquecento e l’estroso fotografo contemporaneo è basato sul tema del ritratto
orario: tutti i giorni 8,30 – 19,30 mercoledì chiuso
la biglietteria chiude un’ora prima
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: Intero mostra + museo € 10,00
ridotto mostra + museo € 5,00
vernissage: 24 marzo 2006. ore 17
curatori: Adriana Rispoli, Eugenio Viola
autori: David LaChapelle
patrocini: Soprintendenza Speciale per il Polo Museale Napoletano
genere: fotografia, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
L’evento nasce come link contemporaneo alla mostra “Tiziano e il Ritratto di Corte da Raffaello ai Carracci”, organizzata dalla Soprintendenza Speciale per il Polo Museale Napoletano col sostegno della Regione Campania. Il parallelo, apparentemente ironico e irriverente, tra il genio italiano del cinquecento e l’estroso fotografo contemporaneo è basato sul tema del ritratto, genere prediletto da entrambi gli artisti, e da una riflessione sulle differenti committenze. Pontefici, aristocratici ed imperatori, ritratti da Tiziano nell’età della Rinascenza, diventano gli antecedenti dei v.i.p. appartenenti al mondo dello “star-system”, della musica e della moda che emergono dall’obiettivo di David LaChapelle.

AD UNO SGUARDO ATTENTO L’ESTETICA CONTEMPORANEA DI LACHAPELLE RISULTA ESSERE UNA COLTA RIFLESSIONE SULL’ICONOGRAFIA CLASSICA DEL RITRATTO, DENSA DI CITAZIONI E ACCOSTAMENTI SPESSO PUNTUALI. DAL RITRATTO UFFICIALE (HILLARY CLINTON) A QUELLO BORGHESE (LIZ TAYLOR), DAL RITRATTO ALLEGORICO (KAHINDE WILEY) AL RITRATTO DI GRUPPO (SMASHING PUMPKINS), L’ARTISTA DIMOSTRA SEMPRE UNO STUDIO DELLE AMBIENTAZIONI, CURATE IN MANIERA QUASI MANIACALE, E DEL CARATTERE DEI PERSONAGGI, RIPROPONENDO UNA VERSIONE CONTEMPORANEA DELLA CAPACITÀ DI INTROSPEZIONE PSICOLOGICA PROPRIA DEI RITRATTI DI TIZIANO. ALCUNE POSE DEI PERSONAGGI RITRATTI RICHIAMANO PIÙ APERTAMENTE L’ICONOGRAFIA CONSEGNATACI DALLA STORIA DELL’ARTE: MARILYN MANSON DIVENTA UN CRISTO ALLA COLONNA POST-UMANO, MENTRE CRISTINA AGUILERA A CAVALLO SEMBRA QUASI LA VERSIONE “POP” DEL MODELLO PARADIGMATICO DEL RITRATTO DI STATO (E DEL FAMOSO CARLO V A CAVALLO DI TIZIANO).

David LaChapelle è considerato uno dei dieci migliori fotografi al mondo ed è tra i più ambiti da editori e star internazionali. Lo stile dell’artista è caratterizzato da una grande capacità di giocare sui contrasti e di fondere i linguaggi della pubblicità e del reportage fotografico tramite l'utilizzo di colori saturi e atmosfere estreme. Il “New York Time Magazine” ha definito LaChapelle “il Fellini della fotografia” per l’impianto visivo visionario e la capacità narrativa che gli consente di raccontare una storia attraverso un singolo scatto, quasi un fermo immagine più che una fotografia.
Le sue immagini surreali, bizzarre, esuberanti, erotiche ed estreme, grottesche, impossibili eppure affascinanti, dai contenuti e rappresentazioni sovente al limite dell’oltraggio, diventano lo specchio del nostro tempo: volgare, caotico, spudorato, edonistico e a tratti vacuo, la presa di coscienza e l’analisi spietata di un artista geniale, fedele cronista del proprio tempo.

La continua e infaticabile ricerca dell’originalità di LaChapelle è ormai diventata una leggenda nel mondo della moda e della comunicazione.

David LaChapelle nasce a Forminghton, nel Connecticut. Nel 1978 si trasferisce a New York dove inizia a lavorare con Andy Warhol per la rivista “Interview”. Collabora con “Vogue”, “Vanity Fair”, “The Face”, “Rolling Stone”, “I-D”, “Vibe”, “Arena”, “The New York Time Magazine”, “The London Sunday Times”. Nel 1995 è stato riconosciuto miglior fotografo dell'anno dalle riviste “Photo” (edizione francese) e “American Photo”. Nel 1996 il suo primo libro LaChapelle Land va letteralmente a ruba. Nel 1998 riceve dalla rivista “Life” l’Alfred Eisenstadt Awards per lo stile fotografico più interessante dell'anno. Nel 1999 il secondo libro Hotel Lachapelle si conferma un best seller. Ha collaborato con grandi nomi della moda e dello spettacolo fra cui Jean Paul Gaultier e Armani per cui ha girato il cortometraggio Salvation Armani ed a numerosi video musicali. Ha firmato campagne pubblicitarie per aziende come “Lavazza”, “L’Oreal”, “Iceberg”, “Mtv”, “Diesel” e realizzato le copertine dei dischi per Madonna, Elton John, Whitney Houston, Macy Gray e Moby.
Negli ultimi anni LaChapelle ha realizzato, come regista, alcuni video musicali, tra cui Natural Blues per Moby, che ha vinto il premio come migliore video dell'anno agli MTV Europe Music Award nel 2000 ed ha girato il film Rize, di prossima uscita.

David LaChapelle vive e lavora tra New York e Los Angeles.
 
immagini

1
messaggio
 
immagini

1
messaggio
 
immagini

1
messaggio
 
immagini

1
messaggio

1
messaggio
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram