Jean-Philippe Ghiglione - Il ladro di emozioni 3076 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/05/2019
Addio a Vittorio Zucconi, storica firma del giornalismo italiano
25/05/2019
Il viaggio di Arca Collective inizia dalla sede di Fondazione Romaeuropa
25/05/2019
Leica celebra il centenario Bauhaus con una fotocamera da collezione
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva SPAZIOINMOSTRA ​ Via Luigi Cagnola 26 Milano 20154

Milano - dal 10 marzo al 14 aprile 2005

Jean-Philippe Ghiglione - Il ladro di emozioni

Jean-Philippe Ghiglione - Il ladro di emozioni

 [Vedi la foto originale]
SPAZIOINMOSTRA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Luigi Cagnola 26 (20154)
+39 3356665509 , +39 0233105921
info@spazioinmostra.it
www.spazioinmostra.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

I soggetti con cui si è affermato sono i coquelicot, che il pittore dipinge su un fondo bianco lasciando al fiore uno spazio abbastanza grande per esprimere il suo vigore.
orario: 15-20. Chiuso Domenica e Lunedì. Sabato su appuntamento ( tel 335 6665509)
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 10 marzo 2005. ore 19
autori: Jean-Philippe Ghiglione
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Il ladro di emozioni è Jean-Philippe Ghiglione. Francese di origine piemontese, figlio d’arte, Ghiglione è considerato dai critici d’oltralpe un artista inquieto ed irrequieto, dotato di grande carisma, capace di cogliere l’intensità della vita.
“Je peins tout ce qui fait la vie. Je suis ainsi un voleur d’émotions”, dice l’artista nel descriversi.
I soggetti con cui si è affermato sono i coquelicot, che il pittore dipinge su un fondo bianco lasciando al fiore uno spazio abbastanza grande per esprimere il suo vigore. Il papavero, che nel linguaggio dei fiori simboleggia fragilità, conquista invece sulla tela di Ghiglione forza e fierezza.
Rosso è il colore dominante anche negli altri soggetti. Rosso vivace, crudo. Rosso come la cappa agitata dal torero, rosso violento come la passione, rosso come la trasgressione dei nudi di donna e di uomo.
Jean-Philippe Ghiglione si presenta per la prima volta in Italia ed espone le sue tele ad olio allo SPAZIOINMOSTRA di Milano.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram