Andrea Musso - Music on my Moleskine 3116 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
BLOG
READING ROOM
MARGINALIA #11
THE COMICS WORLD/3
Exibart.segnala
sondaggio
Quali sono i migliori direttori dei musei d'arte contemporanea italiani?
• Lorenzo Giusti (MAN, Nuoro)
• Vicente Todoli (Hangar Bicocca, Milano)
• Andrea Viliani (Madre, Napoli)
• Fabio Cavallucci (Centro Pecci, Prato)
• Letizia Ragaglia (Museion, Bolzano)
• Gianfranco Maraniello (MART, Rovereto e Trento)
• Ilaria Bonacossa (Villa Croce, Genova)
• Hou Hanru (MAXXI, Roma)
• Federica Pirani (Macro, Roma)
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva IL FIORILE GALLERY ​ Via Xxv Aprile 6 Borghetto Di Borbera 15060

Borghetto Di Borbera (AL) - dal 5 novembre all'undici dicembre 2005

Andrea Musso - Music on my Moleskine

Andrea Musso - Music on my Moleskine

 [Vedi la foto originale]
IL FIORILE GALLERY
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Xxv Aprile 6 (15060)
+39 0143697303
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Un'inconsueta mostra di illustrazioni di Andrea Musso: ritratti di musicisti internazionali all'opera durante concerti, festival e serate, musica e disegni rigorosamente "live"
orario: dalle 12:00 alle 17:00 e dalle 19:30 alle 22:30. Chiuso il lunedì
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 5 novembre 2005. ore 19:30
autori: Andrea Musso
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa

«Non ho mai suonato né cantato, anzi, la musica non la conosco affatto:
non so leggere gli spartiti e non sono nemmeno sicuro di saperla
apprezzare. Mi piace ascoltarla, questo sì, soprattutto mi piace
guardarla perché, e di questo sono convinto, la musica è nel corpo e nel
viso di chi suona: la passione, il divertimento, la fatica, tutto ciò
che la musica è al di fuori dello spartito, della tecnica (ma, forse,
anche la tecnica è fatica fisica).
Così ascolto e guardo, mi abbandono alle melodie che non conosco e
faccio quello che mi è più naturale fare. Fisso nel mio blocco da
schizzi quei volti, quelle mani, quegli strumenti per rivederli e
riviverli dopo, con calma.
Da un'abbazia ad un locale fumoso, da un castello alla piazza di un
paese, da una chiesa ad una strada dove suonano dei musicisti girovaghi,
la Moleskine viene con me: ha girato tutta Italia, mezza Europa e anche
un altro bel po' di mondo. E le piace la musica, forse ancor più che a me.»
 
trovamostre