Meg - Asimmetrie 3068 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/12/2018
Stranger Things, dalla serie tv al videogioco in 16-bit
18/12/2018
Oscar 2019: Dogman fuori dalle nomination come miglior film straniero
17/12/2018
Scoperta in Egitto la tomba di un alto sacerdote, perfettamente conservata dopo 4mila anni
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva SPAZIOINMOSTRA ​ Via Luigi Cagnola 26 Milano 20154

Milano - dal 30 marzo al 14 aprile 2006

Meg - Asimmetrie

Meg - Asimmetrie

 [Vedi la foto originale]
SPAZIOINMOSTRA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Luigi Cagnola 26 (20154)
+39 3356665509 , +39 0233105921
info@spazioinmostra.it
www.spazioinmostra.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

personale
orario: da lunedì a giovedì 16-20, venerdì 12-16, fuori orario su appuntamento
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 30 marzo 2006. ore 19
autori: Meg
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
“La bellezza: cosa tremenda ed orribile!

Là gli opposti si toccano, là vivono insieme

tutte le contraddizioni”

F. Dostojevsky

Immersi nel tempio dell’effimero, del corpo perfetto, di plastica, è raro, anzi impossibile, immaginarsi di vedere in mostra un corpo asimmetrico. Siamo abituati a vedere plastica nei seni, ma non plastica che sostituisce carne mancante. Non giunge nuova l’idea di utilizzare plastica per la scalata sociale, ma ci strania ancora la plastica per l’accettazione sociale. Nella comune concezione di bellezza, infatti, un corpo perlomeno completo in ogni sua parte rappresenta una qualità essenzialmente e imprescindibilmente richiesta all’aspetto umano, non solo sotto il profilo puramente estetico, ma anche per far sì che rientri in un canone di “normalità”.

Chi è MEG

Meg - ovvero Maria Rosanna Fossati - giovane designer milanese, con una mostra fotografica allestita allo SPAZIOINMOSTRA, ci ha chiesto di essere una giuria impietosa puntando i nostri occhi contro l’imperfezione, l’impurità e l’asimmetria di un corpo venticinquenne incompleto di un braccio. Le fotografie, tutte in bianco e nero, sono caratterizzate da lame di luce che mettono in risalto le curve del corpo, creando chiaroscuri molto intensi.

Laureata nel 2004 al Politecnico di Milano in Interior Design e con una duplice esperienza di Erasmus in Francia e in Quebec, Meg ha infatti sviluppato forti conoscenze in ambito fotografico a seguito della partecipazione a work-shop tenuti presso gli atelier di fotografi affermati in ambito nazionale, tra cui Corrado Maria Crisciani, Responsabile anche del Laboratorio di Fotografia del Politecnico di Milano, Luciano Soave e Gianni Baggi. Inoltre Meg ha riscosso un notevole interesse da parte del pubblico alla sua prima esposizione tenutasi presso l’ Art Bar Le Biciclette nel settembre 2005.

Ha affermato Meg: ”Nel luogo della forma è ancora possibile trovare un contenuto ? Imperfezione, difetto, fascino non riescono a risiedere nella parola normale. Io metto in scena l’ afonia di una violenza armonica.”






I nostri occhi vedono più di quello che noi siamo disposti ad accettare.

In ogni momento della giornata.

Ma vediamo solo quello che siamo disposti a vedere.

Perché il nostro cuore non si spezzi?

E per sopravvivere spesso interponiamo un filtro, un velo tra noi e quello che ci circonda.

Ma oggi possiamo avere il coraggio per spostare quel velo. Disappannare la nostra vista.

Ed io mi offro ai vostri occhi, senza i miei. Senza veli.

Meg
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram