Cose In/Possibili 3083 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PLART ​ Via Giuseppe Martucci 48 Napoli 80121

Napoli - dal 10 dicembre 2010 al 20 gennaio 2011

Cose In/Possibili
[leggi la recensione]

Cose In/Possibili
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
PLART
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Giuseppe Martucci 48 (80121)
+39 08119565703 , +39 08119565726 (fax)
info@plart.it
www.plart.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Cibo, design e arte partecipano alla creazione di un’insolita atmosfera conviviale che coinvolge i visitatori in un viaggio multisensoriale.
orario: da martedì a sabato 10-13, 15-19
sabato 10-13
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 10 dicembre 2010. ore 18
ufficio stampa: Marco Petroni
petronimarco@gmail.com
3477604418
autori: Antonio Arfè, Giuseppe Coppola, Riccardo Dalisi, Fiorenzo D’Avino, Maddalena Marciano, Antonio Piccirilli, Felix Policastro, Rosario Renino
genere: design, arte contemporanea, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
E’ un invito all’azzardo la mostra collettiva che la Fondazione Plart propone come chiusura della programmazione per il 2010. Differenti ambiti creativi dialogano attorno ad otto tavole apparecchiate con la sensibilità artistica di: Giuseppe Coppola/Terre Blu, Riccardo Dalisi, Fiorenzo D’Avino, Maddalena Marciano, Antonio Piccirilli, Felix Policastro, Rosario Renino, Antonio Arfè. Cibo, design e arte partecipano alla creazione di un’insolita atmosfera conviviale che coinvolge i visitatori in un viaggio multisensoriale. Colore, luce, forma, materia, suoni, odori e sapori proposti dai creativi coinvolti sottolineano come i confini tra le discipline si stanno sfaldando. Ognuno deve sentirsi libero di fare quello di cui si sente capace. Varcare un confine rappresenta sempre un pericolo che richiede il coraggio della creatività.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram