Il confine evanescente. Dalla pittura al digitale 3088 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/06/2019
Flaminia Bonciani e i colori degli anni ’80, al RUFA Space
18/06/2019
In Germania, presso la Stadtgalerie Kiel, inaugurata la seconda tappa della mostra del Premio Fondazione Vaf
18/06/2019
Archy Art è il nuovo software per gestire gli archivi d’artista
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MAXXI - MUSEO DELLE ARTI DEL XXI SECOLO ​ Via Guido Reni 4a Roma 00196

Roma - gio 24 febbraio 2011

Il confine evanescente. Dalla pittura al digitale

Il confine evanescente. Dalla pittura al digitale

 [Vedi la foto originale]
MAXXI - MUSEO DELLE ARTI DEL XXI SECOLO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Guido Reni 4a (00196)
+39 0639967350 , +39 0632101829 (fax)
info@fondazionemaxxi.it
www.fondazionemaxxi.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Il Confine Evanescente è una pubblicazione dedicata all’arte italiana contemporanea dal 1960 a oggi. La sua presentazione coincide con l’inaugurazione del primo focus di approfondimento sulla collezione del MAXXI.
biglietti: free admittance
vernissage: 24 febbraio 2011.
editore: ELECTA
ufficio stampa: ELECTA
curatori: Gabriele Guercio, Anna Mattirolo
autori: Andrea Cortellessa
genere: presentazione, incontro - conferenza

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Controverso, a tratti preda del gergo specialistico, Il confine evanescente, è uno dei pochissimi libri importanti e nuovi usciti negli ultimi dieci anni, e andrebbe assolutamente meditato e discusso da chiunque voglia capire cosa c’è sotto la patina del già detto sull’arte che ci aduggia e ci imprigiona. Giuseppe Montesano

Il confine evanescente è pubblicato da Electa nella collana realizzata in collaborazione con il museo MAXXI ed è dedicato all’arte italiana dal 1960 a oggi. Si presenta come una raccolta di tredici contributi inediti da parte di autorevoli studiosi, critici e addetti ai lavori, italiani e non: Brooks Adams, Stefano Chiodi, Ester Coen, Nicholas Cullinan, Michele Dantini, Guglielmo Gigliotti, Claire Gilman, Romy Golan, Pia Gottschaller, Elio Grazioli, Gabriele Guercio, Jörg Heiser, Giorgio Verzotti.
Il progetto, a cura di Gabriele Guercio e Anna Mattirolo, è senza precedenti per struttura e per approccio d’analisi: volutamente caratterizzato da una natura frammentaria, vuole che ciascun contributo abbia valore di per sé, ma anche come parte di un insieme. Il libro dimostra che è ancora possibile parlare di arte nazionale in un mondo globalizzato senza cadere nella trappola del relativismo e dell’essenzialismo, entrambi fuorvianti rispetto all’urgenza di salvaguardare la labilità e la disunità dell’“Arte italiana 1960-2010”.
Il confine evanescente è un libro di riferimento per studenti, artisti e studiosi. Descrive l’identità, discontinua e a tratti contraddittoria, dell’arte nazionale dagli anni Sessanta ad oggi. La mutevolezza e l’incertezza che determinano questa identità la rendono viva e capace di confrontarsi con altre realtà internazionali, garantendo anche la formazione di un approccio critico nuovo all’arte contemporanea italiana, come proposto dai curatori e ampiamente dimostrato dal volume.
Il confine evanescente concentra l’attenzione su opere e artisti, fasi e movimenti, materiali e poetiche che hanno costituito la scena artistica italiana dall’Arte povera e dalla Transavanguardia ad oggi. Riconoscere l’evanescenza del confine non significa promuovere l’assenza di regole, ma soppiantare la logica della “flessibilità”, dell’accettazione aprioristica di ciò che è dato, a favore invece della sua trasformazione “plastica”. Il lavoro critico a impronta storico-artistica deve muoversi in questa direzione se vuole contribuire al cambiamento delle cose, anziché adeguarvisi.
Scritti da autori con competenze, saperi e interessi assai vari, i saggi raccolti nel volume sollevano questioni di ampio respiro nazionale e internazionale. Prendono in esame nessi tuttora inesplorati tra pratica artistica e impegno politico, estetica e geografia, mondo dell’arte e industrie creative. I contributi proposti approfondiscono l’indagine su alcuni temi e problematiche spesso evocati dall’espressione “Arte italiana 1960–2010”.

Sommario
Pag.VII Attraverso l’evanescenza: appunti per un’introduzione
Gabriele Guercio e Anna Mattirolo
Primi piani

Pag.3 Gas metafisico: la transavanguardia a New York
Brooks Adams

Pag.23 Gradi di visibilità: Roma anni ottanta
Guglielmo Gigliotti

Pag.43 L’arte povera a Roma
Claire Gilman

Pag.75 Eclissi: arte italiana negli anni sessanta
Romy Golan

Pag.105 Anni ottanta (e oltre): le ragioni dell’arte
Elio Grazioli

Pag.125 Le mie parole, e tu? L’arte povera e le sue affinità
con il concettualismo internazionale e il romanticismo
Jörg Heiser
Panoramiche

Pag.157 La discordanza inclusa. Arte e politica dell’arte
Stefano Chiodi

Pag.197 Miti anti miti
Ester Coen

Pag.225 Made in Italy. Fatto a mano, fatto a macchina, già fatto, rifatto
Nicholas Cullinan

Pag.263 Ytalya subjecta. Narrazioni identitarie e critica d’arte 1963-2009
Michele Dantini

Pag.309 Il mito del Vinavil
Pia Gottschaller

Pag.343 L’opera d’arte e il divenire generico del creativo.
Cinque momenti “italiani”?
Gabriele Guercio

Pag.391 In pura perdita. Strategie di opposizione all’opera-oggetto
Giorgio Verzotti

Pag.408 Indice dei nomi e delle opere
Pag.415 Gli autori
Pag.417 Ringraziamenti
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram