Michelangelo Pistoletto - Da uno a molti 1956-1974 / Cittadellarte 3068 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MAXXI - MUSEO DELLE ARTI DEL XXI SECOLO ​ Via Guido Reni 4a Roma 00196

Roma - dal 3 marzo al 15 agosto 2011

Michelangelo Pistoletto - Da uno a molti 1956-1974 / Cittadellarte

Michelangelo Pistoletto - Da uno a molti 1956-1974 / Cittadellarte

 [Vedi la foto originale]
MAXXI - MUSEO DELLE ARTI DEL XXI SECOLO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Guido Reni 4a (00196)
+39 0639967350 , +39 0632101829 (fax)
info@fondazionemaxxi.it
www.fondazionemaxxi.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La mostra presenterà oltre 100 lavori, provenienti da collezioni private sia americane che europee. Cittadellarte è un focus sull’omonimo laboratorio creativo fondato Pistoletto a Biella nel 1998, dove l’arte ancor di più si fa rete, in diretta interazione con la società. Il progetto prende come punto di partenza le pratiche artistiche sperimentali avviate negli anni Sessanta che prevedevano il coinvolgimento e la partecipazione attiva del pubblico.
biglietti: free admittance
vernissage: 3 marzo 2011. ore 19.30 solo su invito
editore: ELECTA
ufficio stampa: ELECTA
curatori: Carlos Basualdo
autori: Michelangelo Pisoletto
note: Press preview:
Giovedì 3 marzo ore 11.30 (solo x la stampa)
in collaborazione con Philadelphia Museum of Art
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Il MAXXI rafforza la sua vocazione internazionale grazie alla profonda sinergia con il Philadelphia Museum of Art, una tra le maggiori istituzioni museali americane, e porta in America la più importante mostra dedicata a Michelangelo Pistoletto, riconosciuto in Europa come uno dei maggiori artisti viventi e considerato negli Stati Uniti un sensibile anticipatore delle pratiche artistiche di partecipazione contemporanea.

La mostra presenterà oltre 100 lavori, provenienti da collezioni private sia americane che europee.

Riflettendo sul passaggio dai primi ritratti della metà degli anni Cinquanta fino alle azioni collettive dei tardi anni Sessanta e primi Settanta, il pubblico potrà seguire il percorso artistico di Pistoletto, dalla rigorosa indagine sulla rappresentazione di se stesso fino allo sviluppo delle collaborazioni creative che hanno caratterizzato la sua ricerca.

La mostra ospiterà anche una sezione sui Plexiglas, lavori che a partire dal 1964 hanno anticipato il Concettuale, e una sezione sugli Stracci, sculture che, concepite tra la fine degli anni Sessanta e l’inizio dei Settanta, sono testimonianza della ricerca legata all’Arte Povera. Inoltre, una selezione di video e materiali d’archivio documenterà i lavori performativi che l’artista ha prodotto con il gruppo Zoo fra il 1968 e il 1970.

Insieme a una ampia presentazione dei Quadri Specchianti del periodo 1962-1974, parte essenziale del percorso di mostra sarà costituita dagli Oggetti in meno, gruppo di vari oggetti del biennio 1965-1966 dove l’estetica della serialità del Minimalismo è volutamente contestata enfatizzando le differenze fra ogni oggetto e traendo ispirazione in campi differenti come l’artigianato, l’architettura, il design e la cultura popolare.

La mostra ospiterà, infine, uno spazio laboratoriale dedicato a Cittadellarte, progetto che vede l’artista impegnato dal 1998 e che prosegue la sua ricerca di “democratizzazione dell’arte” iniziata negli anni Sessanta. In questa sezione il pubblico, con una modalità fortemente interattiva, avrà la possibilità di conoscere gli ultimi impegni sociali che hanno coinvolto e coinvolgono l’artista, entrando a far parte dell’opera e ritrovando quell’unità ontologica di cui ha fatto esperienza riflettendosi negli “specchi”. A questa sezione sarà legato un ciclo di laboratori, incontri e workshop.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram