Indovina chi viene a cena … L’Archeologia a tavola 3077 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/06/2019
Bill Murray riceverà da Wes Anderson il Premio alla carriera alla Festa del Cinema di Roma
24/06/2019
Creare un'opera in galleria. A Parma il secondo appuntamento di ART in PROGRESS
24/06/2019
A Lucca torna LuBi, la Biennale internazionale della carta. Aperte le iscrizioni per partecipare all’evento
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUSE' ​ Località Paludi di Celano Celano 67043

Celano (AQ) - dal 3 febbraio al 30 aprile 2011

Indovina chi viene a cena … L’Archeologia a tavola

Indovina chi viene a cena … L’Archeologia a tavola

 [Vedi la foto originale]
MUSE'
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Località Paludi Di Celano (67043)
+39 0863790357 , +39 0863790357 (fax)
info@musepaludi.it
www.musepaludi.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La mostra propone un percorso attraverso gli instrumenta ( parola latina che significa "attrezzi", in questo caso utensili da cucina) rinvenuti nelle sepolture degli antichi abruzzesi; opere d’arte che sono una testimonianza delle tradizioni culinarie dei nostri antenati nella vita domestica ma anche documentazione del cerimoniale funebre.
orario: dalle 8.30 alle 19.30 – chiuso il lunedì
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 3 febbraio 2011. ore 17
genere: archeologia
email: angela.ciano@virgilio.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Aprirà il 3 febbraio prossimo presso MUSé – Nuovo Museo Paludi di Celano, la mostra “Indovina chi viene a cena…l’Archeologia a Tavola”, che vuole raccontare un particolare aspetto, quello del cibo, del modo di vivere dei nostri antenati. La cerimonia d’inaugurazione prevista proprio il 3 febbraio prossimo darà anche la possibilità di degustare alcuni dei piatti tipici di questo lontano passato attraverso un libro di ricette firmato da Apicio, un ricco proprietario romano, noto per la passione per la cucina tanto da averci lasciato un corpus di ricette noto come De Re Coquinaria.

La mostra propone un percorso attraverso gli instrumenta ( parola latina che significa "attrezzi", in questo caso utensili da cucina) rinvenuti nelle sepolture degli antichi abruzzesi; opere d’arte che sono una testimonianza delle tradizioni culinarie dei nostri antenati nella vita domestica ma anche documentazione del cerimoniale funebre. Infatti i vasi sepolti nelle tombe erano solitamente gli stessi usati in vita dal defunto ma, a volte, erano quelli utilizzati per le libagioni che precedevano la deposizione nella tomba durante il rito funebre.
Importanti notizie sulle abitudini alimentari degli antichi sono attestate dalla varietà ceramica delle forme e dalla consistenza degli impasti da cui è possibile desumere quale vaso fosse usato per la cottura e quale per il trasporto; mentre le analisi effettuate sui resti di cibo presenti all'interno dei vasi aiutano a comprendere quali prodotti erano più diffusi, quali venivano cotti o semplicemente conservati: in poche parole è possibile risalire al contenuto dallo studio del contenitore.
Il percorso espositivo esplora circa mille anni di storia (IX sec a.C. - I sec. d.C.) durante i quali corredi ceramici hanno cambiato aspetto e forma, qualità e utilizzo, ma sono sempre costantemente documentati in ogni sepoltura dalla più antica alla più recente, come dalla più ricca a quella più umile.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram