Intermedia #3. Matter of Action 3076 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/06/2019
Tracce di assenza. All'Hotel Hilton Molino Stucky di Venezia le opere di Mimmo Catania
19/06/2019
Ad Alberto Angela la laurea honoris causa dell’Università Suor Orsola di Napoli
19/06/2019
Flaminia Bonciani e i colori degli anni ’80, al RUFA Space
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva O' ​ Via Pastrengo 12 Milano 20159

Milano - dal 7 febbraio al 7 marzo 2011

Intermedia #3. Matter of Action
[leggi la recensione]

Intermedia #3. Matter of Action
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
O'
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Pastrengo 12 (20159)
+39 0266823357 , +39 0239313654 (fax)
on@on-o.org
www.on-o.org
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Performance in photographs, books, videos and artist records.
orario: lunedì - venerdì h. 12--19, o su appuntamento
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 7 febbraio 2011. ore 19
curatori: Giorgio Maffei, Samuele Menin, Sara Serighelli
autori: Paola Anziché, Elisabetta Benassi, Filippo Berta, Davide Bertocchi, Alessandro Ceresoli, Patrizio Di Massimo, Emilio Fantin, Michel Fliri, Francesca Grilli, invernomuto, Luigi Negro, Giancarlo Norese, Orthographe, Cesare Pietroiusti, Luigi Presicce, Moira Ricci, Giovanna Ricotta, Davide Savorani, Alessandro Sciarroni, Lorenzo Scotto di Luzio, Sissi Sissi, Patrick Tuttofuoco, Enzo Umbaca, Marco Vaglieri, Marcella Vanzo, Nico Vascellari, Cesare Viel, ZimmerFrei ZimmerFrei
genere: arte contemporanea, performance - happening, incontro - conferenza

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
MATTER OF ACTION Performance in photographs, books, videos and artist records. the third appointment of the cycle INTERMEDIA, exhibition of alternative artist's media fino al 7 marzo 2011 / until March 7, 2011 lunedì - venerdì h. 12--19, o su appuntamento open Monday to Friday 12-7 p.m., or by appointment O’ presenta Matter of Action - terzo appuntamento del ciclo INTERMEDIA, rassegna di altri media d’artista - a cura di Giorgio Maffei, Sara Serighelli e Samuele Menin. La performance, l’happening, la body art, l’action poetry, l’azione, per natura sono atti artistici effimeri destinati a durare il breve momento del loro rituale svolgimento. Questa mostra cerca di fermare il tempo e prova a raccontare la sequenza delle azioni attraverso quei mezzi espressivi capaci di dare corpo e durata all’evento performativo; la fotografia, il disco, il video, il libro. Attraverso un allestimento che può risultare disturbante, si provoca e sollecita il visitatore ad oltrepassare una certa abitudine nel guardare in favore di una partecipazione più attiva, si suggerisce percettivamente un significato di condivisione rispetto ai contenuti dei materieli in mostra. Le fotografie, i libri, i video e i dischi d’artista trattengono le memorie, conservano le tracce e contemporaneamente trascrivono con mezzi diversi le immagini, le parole e i significati di una modalità di far arte che ha inciso profondamente sullo sviluppo della storia del secondo Novecento. In mostra sono raccolte opere degli anni Sessanta e Settanta attraverso fotografie storiche necessarie ad alludere alle prime azioni performative delle avanguardie storiche e degli artisti che, già sul finire degli anni Cinquanta, volgono il loro lavoro verso il superamento della forma oggettuale dell’artefatto. Duchamp, Man Ray, Dalì e poi Manzoni con Klein e Fontana intraprendono dunque la via che trova compiutezza nell’ambiente Concettuale, Poverista e Fluxus del decennio successivo. Le teorizzazioni di Allan Kaprow, il gesto della Abramović e Gina Pane, la violenza espressiva di Nitsch e Muehl, la disciplina del corpo in Acconci e Oppenheim, il trasformismo di Ontani e Lüthi, il rigore intellettuale dell’azione di Agnetti, De Dominicis e Nauman, il comportamento teatrale di Kounellis e Calzolari, l’uso del proprio volto come materia espressiva in Boetti, Penone e Zorio. Fino al superamento dei limiti disciplinari con la nuova musica di Cage, Chiari e La Monte Young, della danza con la Monk e Trisha Brown o della poesia con Lora Totino, Spatola e Isou. Per una sezione della mostra Matter of Action, sono stati invitati artisti di area italiana a riproporre a Milano nello spazio di O’ una performance realizzata in passato in due modalità: dal vivo, con Italo Zuffi, Simone Berti, Giovanni Morbin, Christian Frosi e Diego Perrone, Dafne Boggeri, Nicola Ruben Montini, Michele Bazzana, Igor Muroni, e attraverso il video, con materiali di Cesare Pietroiusti, Elisabetta Benassi, Lorenzo Scotto di Luzio, Cesare Viel, Patrick Tuttofuoco, Davide Savorani, Sissi (…). Questa sezione, non ha un’ambizione storica che esaurisca quanto accaduto in Italia negli ultimi anni, piuttosto punteggia liberamente un arco temporale attraverso le azioni di alcuni artisti che occasionalmente o costantemente hanno utilizzato la performance nella propria ricerca. Questi appuntamenti dislocati qui e là, disegnano traiettorie e percorsi possibili tra esperienze già storicizzate dagli anni ‘60 e ‘70 ed episodi contemporanei. Dopo oltre quarant’anni dalla pubblicazione su ‘The Something Else Newsletter’ del testo ‘Intermedia’ (febbraio 1966) firmato da Dick Higgins, i curatori di questa rassegna chiedono in prestito il titolo che meglio esprime il bisogno della contemporaneità di ‘mescolare le carte’, abbattere i confini stretti delle discipline e considerare l’Arte e i suoi modi espressivi, come un unico processo creativo. Il ciclo di mostre si sviluppa per tematiche e segmenti: il primo appuntamento del ciclo, ’10-una generazione di libri d’artista,1999-2009’ venne realizzato a settembre 2009; il secondo ‘SUPERARCHITETTURA RADICALE - libri, manifesti, riviste’ ad aprile 2010. Performances: venerdì/ Friday 11 feb. Nicola Ruben Montini lunedì/Monday 14 feb. Igor Muroni venerdì/ Friday 18 feb. Dafne Boggeri lunedì/Monday 21 feb. Giovanni Morbin venerdì/ Friday 25 feb. Michele Bazzana lunedì/Monday 28 feb. Simone Berti venerdì/ Frida y 4 mar. Diego Perrone & Christian Frosi lunedì/Monday 7 mar. Italo Zuffi Le performances si terranno /All performances will be held at O’ via Pastrengo 12 , Milano, h. 20.30 Videos by: Moira Ricci, Cesare Pietroiusti, Giancarlo Norese, Luigi Negro, Emilio Fantin, Luigi Presicce, Cesare Viel, Nico Vascellari, Orthographe, Invernomuto, Giovanna Ricotta, Patrizio di Massimo, Sissi, Lorenzo Scotto di Luzio, Alessandro Ceresoli, Elisabetta Benassi, Alessandro Sciarroni, Patrick Tuttofuoco, Francesca Grilli, Michael Fliri, Davide Bertocchi, Paola Anziché, Marco Vaglieri, ZimmerFrei, Enzo Umbaca, Marcella Vanzo, Davide Savorani, Filippo Berta. O’ is pleased to present Matter of Action - the third appointment of the INTERMEDIA cycle, an exhibition of alternative artist’s media - curated by Giorgio Maffei, Sara Serighelli, Fabio Carboni and Samuele Menin. By nature, performance, happening, body art, action poetry are artistic actions aimed at lasting only for the short moment of their ritual fulfillment. This exhibition tries to stop the time focusing on the sequence of actions through those media able to give substance and duration to the performing event – photographs, records, videos and books. Through a set up that can appear disturbing, the exhibition wants to suggest a sharing experience of the contents based on the visitors’ perception. Photographs, books, videos and the artist’s records hold the memories, preserving tracks and, at the same time, transcribing - with different tools - images, words and meanings of a way of making Art that has deeply affected the historical development of the second half of the XXth century. All along the exhibition, art works from the ‘60s and ‘70s are gathered through necessary historical photographs to hint at the first performing actions of the Avant-garde and of the artists who, at the end of the ‘50s, turned their work toward the overtaking of the objectual form of the artifact. Duchamp, Man Ray, Dalì, then Manzoni with Klein and Fontana undertook the path which find its thoroughness both in the Conceptual and in the Arte Povera anvironment, as well as in Fluxus of the following decade. Allan Kaprow’s theorizations, Abramović and Gina Pane’s actions, Nitsch and Muehl’s expressive violence, Acconci and Oppenheim’s body discipline, Ontani e Lüthi’s trasformism, Agnetti, De Dominicis and Nauman’s rigorous intellectual action, Kounellis and Calzolari’s theatrical behaviour, the use of their own face as expressive matter in Boetti, Penone and Zorio, and moreover, up to the overtaking of the disciplinary limits with the new music of Cage, Chiari and La Monte Young, the dance with Monk and Trisha Brown or poetry with Lora Totino, Spatola and Isou. In a part of the exhibition Matter of Action, Italian artists have been invited to present in Milan a performance already made in their past, through two different ways: live performances with Italo Zuffi, Simone Berti, Giovanni Morbin, Christian Frosi & Diego Perrone, Dafne Boggeri, Nicola Ruben Montini, Michele Bazzana, Igor Muroni, as well as through some videos, with documents by Cesare Pietroiusti, Elisabetta Benassi, Lorenzo Scotto di Luzio, Cesare Viel, Patrick Tuttofuoco, Davide Savorani, Sissi (…).This part hasn’t the historical ambition to cover everything that has been happening in Italy during the last years, but it freely dots a temporal lapse through the actions of some artists who have occasionally or constantly used the performance in their research. These appointments draw possible trajectories and paths between historical experiences from the ‘60s and ’70s up to contemporary episodes. Over forty years after the publication of the text “Intermedia”(February 1966) by Dick Higgins in “The Something Else Newsletter”, the curators of this exhibition have borrowed this title which best expresses the need of contemporary culture to 'shuffle the cards,' to break down the strict barriers between disciplines and to consider art and its ways of expression as one singular creative process. The cycle of exhibitions develop through themes and segments: the first appointment of the cycle, ’10 - a generation of artist's books, 1999-2009’ was held in September 2009 and the second ‘SUPERARCHITETTURA RADICALE books, posters, magazines’ in April 2010.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram