William Xerra - Salire il Golgota 3087 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/06/2019
Flaminia Bonciani e i colori degli anni ’80, al RUFA Space
18/06/2019
In Germania, presso la Stadtgalerie Kiel, inaugurata la seconda tappa della mostra del Premio Fondazione Vaf
18/06/2019
Archy Art è il nuovo software per gestire gli archivi d’artista
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PALAZZO MAGNANI ​ Corso Giuseppe Garibaldi 29 Reggio Nell'emilia 42100

Reggio Nell'Emilia - dal 25 aprile al 16 maggio 2004

William Xerra - Salire il Golgota

William Xerra - Salire il Golgota
PALAZZO MAGNANI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Corso Giuseppe Garibaldi 29 (42100)
+39 0522454437 , +39 0522444436 (fax)
info@palazzomagnani.it
www.palazzomagnani.it.
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

L'esposizione presenta il costante interesse dell'artista per i soggetti a carattere religioso - dalle opere degli anni settanta e ottanta in cui utilizzava frammenti di antichi dipinti, talvolta inscrivendovi la scritta "vive", alla copia del Cristo morto del Mantegna eseguita nel 1987.
orario: 9.30 – 13.00; 15.00 – 19.00. Lunedì chiuso
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: € 5 intero; € 4 ridotto; € 2 scuole - cumulativo con quello della mostra Edward Curtis. L’eredità degli Indiani d’America
vernissage: 25 aprile 2004.
catalogo: Euro 18 in mostra, Euro 25 in libreria
editore: SKIRA
ufficio stampa: CLP
autori: William Xerra
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Contemporaneamente alla mostra dedicata a Edward Sheriff Curtis, il fotografo degli Indiani del Nord-America, Palazzo Magnani ospita, nelle sale a piano terra, dal 25 aprile a domenica 16 maggio la mostra William Xerra. Salire il Golgota.
L'esposizione presenta il costante interesse dell'artista per i soggetti a carattere religioso - dalle opere degli anni settanta e ottanta in cui utilizzava frammenti di antichi dipinti, talvolta inscrivendovi la scritta "vive", alla copia del Cristo morto del Mantegna eseguita nel 1987, alle quattordici tavole della Via Crucis realizzate nel 1999 - accostando un proprio dipinto a ciascuna tela seicentesca raffigurante, nell'iconografia tradizionale, le varie stazioni -, fino ai quadri e alle installazioni degli ultimi anni, mai esposti fino ad oggi, segnati, in maniera pressoché esclusiva, da una meditazione sui caratteri dell'esistenza umana, sugli eventi tragici del nostro tempo, e da una tensione al sacro e all'assoluto.

William Xerra, nato a Firenze nel 1937, piacentino di adozione, ha intrattenuto con Reggio Emilia costanti rapporti, sia legati all'amicizia con Corrado Costa e Marco Gerra, che a numerose occasioni espositive, a partire dagli anni sessanta. L'attività di Xerra si è dispiegata principalmente nel campo della pittura - noti sono i suoi dipinti con frammenti antichi incollati su telai interinali -, ma è stata continuamente alimentata dal suo costante interesse per la poesia e la letteratura in genere, e dalle esperienze di poesia visiva - Xerra fu amico di Emilio Villa -, di installazioni - dalle lapidi alle "apparizioni della Madonna", grazie anche al sodalizio con Pierre Restany -, di realizzazione di oggetti e sculture.

In occasione della mostra - che sarà inaugurata domenica 25 aprile alle ore 11, alla presenza dell'artista - viene pubblicato un catalogo, edito da Skira, con una lunga intervista a Xerra di Sandro Parmiggiani, curatore della mostra, un testo di Remo Bodei, e la riproduzione di oltre cinquanta opere dell'artista, che documentano il suo crescente interesse, dagli anni settanta a oggi, per i soggetti religiosi.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram