Nicola Toffolini - Offesa della natura 3063 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/06/2019
Tracce di assenza. All'Hotel Hilton Molino Stucky di Venezia le opere di Mimmo Catania
19/06/2019
Ad Alberto Angela la laurea honoris causa dell’Università Suor Orsola di Napoli
19/06/2019
Flaminia Bonciani e i colori degli anni ’80, al RUFA Space
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva SEDI VARIE ​ Guilmi 66050

Guilmi (CH) - dall'undici agosto all'undici settembre 2011

Nicola Toffolini - Offesa della natura

Nicola Toffolini - Offesa della natura
Studio per bandiera 3, 2010 ,
Penna nera Pigma Micron 0,05 e 0,1 su carta Letraset Cartridge paper - heavyweight 270g/m2
1 tavola in formato A4 (29,7 X 21,0 cm)
Courtesy dell’artista
 [Vedi la foto originale]
SEDI VARIE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
(66050)
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

30 anni dopo l’operazione abruzzese di Beuys, Nicola Toffolini interviene nella stessa regione, individuando tensioni all’interno del paesaggio naturale guilmese, studiandone l’origine e cercando di incanalarne lo sviluppo. In nome di una sopravvivenza alternativa tramite atti di resistenza.
biglietti: free admittance
vernissage: 11 agosto 2011. ore 17.00
curatori: Federico Bacci, Lucia Giardino
autori: Nicola Toffolini
patrocini: Comune di Guilmi (Ch)
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
30 anni dopo l’operazione abruzzese di Beuys, Nicola Toffolini interviene nella stessa regione, individuando tensioni all’interno del paesaggio naturale guilmese, studiandone l’origine e cercando di incanalarne lo sviluppo. In nome di una sopravvivenza alternativa tramite atti di resistenza.
La Val Sinello, all’interno del territorio di Vasto, è in continuo movimento. Calanchi di terre erose e splendidi campi da coltivare si alternano in un panorama premontano; i campi scoscesi sono spesso un azzardo alla legge di gravità: i trattori ci si arrampicano come sherpa tibetani, gli abitanti del luogo sono convinti di vedere le colline muoversi e antichi tratturi solcano paesaggi che ricordano la pelle incavata dei vecchi abruzzesi che s’incontrano nei vicoli dei paesi. Querce solitarie e boschi solcati da antiche mulattiere nascondono le fonti d’acqua, dove alla fine arrivano tutti i sentieri, quasi fossero vie consolari convergenti all’urbe. Il processo di erosione non ha risparmiato queste vie arboree rischiando di trascinarle nell’oblio.
Nicola Toffolini, a Guilmi tra luglio e agosto 2011, svolge un’indagine sul territorio circostante il paese e ne presenta i risultati l’11 agosto, in tre istallazioni sul percorso di vecchie interpoderali, visibili fino a quando l’inevitabile entropia le risucchierà all’interno del proprio ordine naturale.

Strade Interpoderali Difesa – Carriera,
Guilmi
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram