Tommaso Pellegrini - Sculture e video 3297 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
CURATORIAL PRACTISES
la lavagna
senti chi parla
la lavagna
reading room
reading room
Exibart.segnala
sondaggio
Il Guardian ha stilato una classifica dei dieci musei più belli del mondo, nei quali è stata premiata la Centrale Montemartini di Roma. Poi ci sono il Museo del Mobile di Vienna, quello delle Borse di Amsterdam. la Casa Museu Medeiros di Lisbona, la Caixa Forum di Madrid e altri. Se a decidere foste voi, quale museo mettereste sul podio?
• La Galleria Borghese di Roma
• La Fondazione Beyeler di Basilea
• altri
• Il Centre Pompidou di Parigi
• Il New Museum di New York
• Il Guggenheim di Bilbao
• Il Kiasma di Helsinki
recensioni
rubriche

Roma - dal 27 ottobre al 12 novembre 2011
Tommaso Pellegrini - Sculture e video


 [Vedi la foto originale]
GALLERIA FONDACO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Degli Zingari 37 (00184)
+39 064873050 , +39 064873050 (fax)
info@fondaco.eu
www.fondaco.eu
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La bellezza e il mistero dell'arte primitiva americana e aborigena australiana contaminata da Rothko e dalla pop-art americana e cinese di fine anni ’90. Sculture in legno, terracotta e bronzo, video con ipnotiche e ossessive evocazioni di ritmi tribali o di serene e leggere paseggiate cittadine.
orario: da lunedì a venerdì 10.00-13.30 e 16.00-19.00
sabato 10.00-13.30 pomeriggio su appuntamento

(possono variare, verificare sempre via telefono)
prenota il tuo albergo a Roma:
Booking.com
biglietti: free admittance
vernissage: 27 ottobre 2011. ore 19.00
curatori: Francesca Marino, Flora Ricordy
autori: Tommaso Pellegrini
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
La bellezza e il mistero dell'arte primitiva americana e aborigena australiana contaminata da Rothko e dalla pop-art americana e cinese di fine anni ’90, opere in legno, terracotta e bronzo, figure totemiche e fortemente simboliche che sempre richiamano al figurativo anche quando tendono all’astrazione. Tommaso Pellegrini è un giovane artista che ha integrato la formazione artistica con esperienze vissute con gli indiani d’America e con gli aborigeni australiani che lo hanno avvicinato alla cultura sciamanica, parla 5 lingue, ha attraversato la Cina del nord, la Mongolia, la Siberia, il Canada e l’Australia.
I suoi video riescono, con la stessa naturalezza riconoscibile nelle sculture, a regalare una fresca e leggera passeggiata per le vie di Barcellona, ma anche ipnotiche e ossessive evocazioni di ritmi tribali o riti magici propiziatori.

"Sono Tommaso Pellegrini, sono un artista di 32 anni, dopo essermi laureato in cinese e arte cinese antica e contemporanea e aver vissuto in Cina ho cominciato a lavorare come architetto di interni e a dedicarmi a quella che era l'espressione artistica più vicina ai miei gusti.
Sono rimasto affascinato dai racconti degli indiani d'America e degli aborigeni australiani - con i quali ho vissuto per un breve periodo di tempo - per un semplice motivo: il loro rapporto con la natura e la magia del mondo degli animali; mi sono dedicato quindi alla scultura lignea e alla terracotta cercando di imitare la bellezza e il mistero dell'arte primitiva americana e aborigena australiana ispirandomi anche a Rothko e alla pop-art americana e cinese (di fine anni '90).
Ho trovato, in materiali come legno e bronzo e nella figura del totem, una forma di arte spirituale semplice e basica e ho cercato di unirla al design contemporaneo. Ho un master in design e architettura di interni a Barcellona.
Con la terracotta cerco invece di esprimermi nell'arte figurativa, che per me è sempre una sfida e una tradizione antica da non perdere mai.
Mi appassiono anche di musica, suonando flauto shakuhachi, clarinetto e contrabbasso, amatorialmente.
Ho frequentato l'istituto d'arte etnico di Pechino, l'Accademia d'arte di Carrara e l'Istituto per la lavorazione delle pietre dure Pietro Tacca, ho lavorato per "Circo Massimo" (Raitre), parlo 5 lingue e ho viaggiato attraversando la Cina del nord, la Mongolia, la Siberia, il Canada e l'Australia nella ricerca dei simboli totemici che contraddistinguono le culture sciamaniche di questi luoghi.
In giovane età poi ho avuto la fortuna di partecipare e assistere a delle cerimonie sciamaniche pellerossa (Huicioles) per vari periodi." Settembre 2011
 
trovamostre