Graham Sutherland (1903-1980). Disegni dalla città in fiamme 3075 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUSEO DELLA PERMANENTE ​ Via Filippo Turati 34 Milano 20121

Milano - dal 15 novembre 2011 all'otto gennaio 2012

Graham Sutherland (1903-1980). Disegni dalla città in fiamme

Graham Sutherland (1903-1980). Disegni dalla città in fiamme

 [Vedi la foto originale]
MUSEO DELLA PERMANENTE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Filippo Turati 34 (20121)
+39 026551445 , +39 026590840 (fax)
info@lapermanente.it
www.lapermanente.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La mostra vuol essere un invito a scoprire un nucleo di lavori di uno tra i più importanti artisti inglesi del ventesimo secolo.
orario: da martedì a venerdì 10.00-13.00 e 14.30-18.30; sabato, domenica e festivi 10.00-18.30; chiuso tutti i lunedì, il 24, 25, 26 e 31 dicembre 2011, 1 gennaio 2012
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: € 6 intero; € 4 ridotto
vernissage: 15 novembre 2011. ore 18.30
editore: SKIRA
curatori: Rachele Ferrario, Alberto Ghinzani
autori: Graham Sutherland
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La Società per le Belle Arti ed Esposizione Permanente di Milano organizza, dal 16 novembre 2011 all’8 gennaio 2012, la rassegna Graham Sutherland (1903-1980). Disegni dalla città in fiamme, che vuol essere un invito a scoprire un nucleo di lavori di uno tra i più importanti artisti inglesi del ventesimo secolo.
Graham Sutherland (1903-1980), all’inizio della seconda guerra mondiale, viene nominato dal governo inglese war artist (artista di guerra) - Kenneth Clark, direttore in quegli anni della National Gallery, aveva avuto l’idea di ricreare un corpo di artisti di guerra, com’era già avvenuto per il primo conflitto mondiale - e viene quindi mandato a Londra a documentare gli effetti dei bombardamenti. Qui è colpito dapprima dal silenzio - “un silenzio assoluto interrotto soltanto di quando in quando dall’esile tintinnio di un vetro in frantumi” - e dal vuoto che si è creato in vaste aree prima popolate di edifici; e, mentre vaga con il suo album di disegni in quella terra desolata, tra macerie di case e di fabbriche, macchinari distrutti, qualche fuoco che ancora brucia, in un crescendo drammatico realizza come, davanti ai suoi occhi, le forme delle cose si trasformino in altre, esercitando un profondo effetto nelle opere successive e sulla sua coscienza.
In mostra trentotto disegni, realizzati tra il 1940 e il 1945, un olio Petite Afrique (1953) tra i più importanti della sua produzione successiva e dieci fotografie d’epoca.
La rassegna è accompagnata da un catalogo Skira Editore con un ampio testo di Rachele Ferrario.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram