Anna Bianchi - Carte di Novembre 3061 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/06/2019
In Germania, presso la Stadtgalerie Kiel, inaugurata la seconda tappa della mostra del Premio Fondazione Vaf
18/06/2019
Archy Art è il nuovo software per gestire gli archivi d’artista
18/06/2019
VALIE EXPORT vince il Roswitha Haftmann Prize 2019. Il premio alla sua ricerca coraggiosa
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva SPAZIO D'ARTE STELLANOVE ​ Via Stella 9 Mendrisio 6850

Mendrisio - dal 13 novembre al 18 dicembre 2011

Anna Bianchi - Carte di Novembre

Anna Bianchi - Carte di Novembre
Efflorescenze e frutti, 2011, olio su carta, 70 x 113 cm
 [Vedi la foto originale]
SPAZIO D'ARTE STELLANOVE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Stella 9 (6850)
+41 793867556
dominiquerondez@bluewin.ch
www.stellanove.ch
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

L'artista ticinese Anna Bianchi è di ritorno a Mendrisio: ci fa vedere le sue carte di Novembre, eseguite nel 2006 a Zugo e quelle colorate del 2010 e 2011 dipinte in Italia.
Per l’occasione viene pubblicato un catalogo.
orario: giovedi 15-19
sabato 10-17
domenica 10-14
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 13 novembre 2011. ore 11.00
autori: Anna Bianchi
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Domenica 13 novembre alle ore 11.00 allo Spazio d’Arte Stellanove a Mendrisio si apre la mostra dell’artista ticinese Anna Bianchi: Le carte di Novembre, eseguite nel 2006 a Zugo e quelle colorate del 2010 e 2011 dipinte in Italia. Tra esse sono presenti due opere su carta di grandi dimensioni e molto recenti.
Per l’occasione viene pubblicato un Quaderno di Biolda, edizioni Pagine d’arte che raccoglie questi lavori. Lo accompagnano scritti di Alberto Nessi e Alberto Zanchetta con una nota di Zeno Birolli.

“Siamo in Svizzera o in Giappone? O forse in terre ancora inesplorate dentro di noi? O nelle Notti bianche di Dostoevskij, dove il giovane sognatore si perde per sfuggire alle miserie del mondo, incontra Nasten’ka e le parla del suo sentimento di compassione fraterna? C’è un chiarore di perla in quei luoghi notturni dove si vive “una vita che può esistere solo nel mondo fantastico delle fiabe” e dove ci si domanda perché non possiamo essere tutti fratelli: bagliori si riflettono nei canali di Pietroburgo come nelle campagne di Zugo sulle quali, un inverno di qualche anno fa, si è posato lo sguardo di Anna.
Con la leggerezza delle ali di farfalla e l’inquietudine dell’adolescente che marina la scuola per vagabondare in periferia, l’artista ticinese fa un balzo nel tempo, scavalca il secolo breve e le baldorie delle avanguardie per fare un tuffo nelle acque impressioniste che hanno visto navigare il vascello della modernità. Poi, in bilico tra sud e nord, tra mar ligure e montagne elvetiche, continua il suo viaggio a ritroso e incontra il leggendario Novalis che dice: - Il mondo diventa sogno, il sogno diventa mondo.” (dalla presentazione di Alberto Nessi)

Nota biografica
Anna Bianchi è nata a Mendrisio nel 1953. Studia all’Accademia di Belle Arti a Milano e nei primi anni ottanta a New York e all`Istituto Svizzero di Roma. Dopo l`esperienza americana della decorative-painting lavora con una modalità d’astrazione rivolta a soggetti di memoria, eseguiti a rilievo. Negli anni Novanta la sua attività procede con la
certezza di un linguaggio che la pittura deve in ogni opera ritrovare. Durante il periodo trascorso ad Einsiedeln nel 1998-1999 c’è nelle sue opere una forte ragione di spiritualità.
Esposizioni (scelta): Casa di Rigoletto, Mantova 2000, Museo d’arte Mendrisio, 2004; Spazio Contemporaneamente, Milano 2006; Galerie Susanna Rüegg, Zurigo 2007; Palazzo Panichi con Juan Carlos Ceci und Fulvio Di Piazza, Pietrasanta 2011.

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram