Andrea Simoncini Gibson - Lost days 3129 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/04/2019
Il Whitney Museum di New York mette online le risorse sulla sua biennale
20/04/2019
Le squadre della Eredivisie giocano a calcio con Rembrandt
19/04/2019
Whisky e arte a go go, nella nuova distilleria di Bob Dylan
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MOVIMENTO ARTE CONTEMPORANEA ​ Corso Magenta 96 Milano 20123

Milano - dal 30 novembre 2011 al 27 gennaio 2012

Andrea Simoncini Gibson - Lost days

Andrea Simoncini Gibson - Lost days
Entranced 2009
 [Vedi la foto originale]
MOVIMENTO ARTE CONTEMPORANEA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Corso Magenta 96 (20123)
+39 02436246 , +39 02436246 (fax)
info@movimentoarte.it
www.movimentoarte.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Un mix di nostalgia e cose passate/perdute, caratterizzato dagli sguardi trascendenti dei soggetti a indicare l’abbandono del loro corpo fisico (appunto i giorni perduti) a favore di uno stato oltre la materia.
orario: lunedì - venerdì ore 14.00 - 19.00
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 30 novembre 2011. h 18.30
catalogo: in galleria.
autori: Andrea Simoncini Gibson
genere: fotografia, arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Lost days è il titolo della prima mostra che la Galleria Movimento dedica alle opere di Andrea Simoncini.
Un mix di nostalgia e cose passate/perdute, caratterizzato dagli sguardi trascendenti dei soggetti a indicare l’abbandono del loro corpo fisico (appunto i giorni perduti) a favore di uno stato oltre la materia.
Talentuoso artista anglosassone, crea vere e proprie pitture digitali, scatti fotografici ritoccati, digitalmente ridipinti, che esplorano i principali significati della Dea, quali: la terra, rappresentata dai frutti, dai fiori o dagli insetti, che compongono particolari e originali nature morte sempre presenti nei suoi lavori; la femminilità rappresentata dal soggetto principale: la donna, mai velata nella sua cruda nudità, in quella sorta di divina immortale immobilità.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram