Tricolore 3311 utenti online in questo momento
exibart.com
community
Senti chi parla/ Chiara Rapaccini – Rap
Reading Room
Reading Room
Allons Enfants/3
Senti chi parla
recensioni
rubriche
argomenti
classifiche
acuradi...
curator parade
antidoping
artist parade
cerca persone
notizie recenti

Sassuolo (MO) - dal 3 dicembre 2011 all'otto gennaio 2012
Tricolore

MAGAZZINI CRIMINALI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazzale Domenico Gazzadi 4 (41049)
+39 3924811485
magazzinicriminali@libero.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

« Su i limiti schiusi, su i troni distrutti
piantiamo i comuni tre nostri color!
Il verde la speme tant'anni pasciuta,
il rosso la gioia d'averla compiuta,
il bianco la fede fraterna d'amor. » (Giovanni Berchet, All'armi all'armi!, 1831)
orario: sabato e domenica 16-19
(possono variare, verificare sempre via telefono)
prenota il tuo albergo a Sassuolo (MO):
Booking.com
biglietti: free admittance
vernissage: 3 dicembre 2011. h 18,00
catalogo: in galleria. aliascomunicazione
curatori: Chiara Messori
autori: Camme, luiginessuno, Zazzaro, Silvia Anselmi, Fabrizio Azzali, ebba b, glenda b, Oscar Baccilieri, Leo Bellei, Matteo Beltrami, Fabio Boni, Gianni Boraggini, Diego Borghi, Lino Borghi, vittorio dario broccadello, Sebastiano Cantelli, Filippo Capperucci, Luca Catellani, Emidio Cocchi, Phillo Cremisi, Antonella De Nisco, Marco Demis, Mirco Denicolò, Antonio Falleti, Daniela Fantoni, Anna Farina, Paolo Ferrante, Cristian ferrari, Simone Ferrarini, Luca fiandri, Mirko Gelmetti, Alessadro giordano, Marcella giovanardi, Giovanni giurioli, Milena Incerti Medici, Giuliano Iori, Cristina Iotti, Luigi lanosi giada, Stefania Malferrari, Alessandro Manfredini, Maurizio Mantovi, Alan Marcheselli, Sergio montagnani, Massimo Pedrazzi, Mauro pifferi, Giuseppe Polverari, Manuel Portioli, Maria Chiara pruna, Emanuele Puzziello, Patrizia Rampazzo, Maria Luisa reggiani, Reve Reve, Beatrice Riva, Ingrid Russo, Silvio Sala, Marika Santoni, Ersilia Sarrecchia, Kai-Uwe Sculte-Bunert, Corrado Tamburini, Giancarlo Valentini, Massimo Zanti
patrocini: comune di sassuolo mo
ufficio cultura sassuolo mo
genere: arte contemporanea, collettiva

segnala l'evento ad un amico


mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
“TRICOLORE”
a cura di Chiara Messori






Tre sono i colori della nostra bandiera, tre come le righe in cui è suddivisa, tre come gli ideali che incarna (libertà, uguaglianza e fraternità).Il tre, simbolo del ternario, è anche emblema dell’esoterismo; primo numero dispari, poiché l’uno non è considerato un numero, il tre è profondamente attivo e possiede una grande forza energetica e un forte valore unificante.E’ soluzione del conflitto dualistico, poiché due elementi non possono essere conciliati senza l’ausilio di un terzo, e per questo il tre è considerato un numero perfetto. Ma certo non pensavano alla simbologia del numero quando, nell’autunno del 1794 , il bolognese Luigi Zamboni, natio del capoluogo emiliano, ed il suo compagno d’Università Giovanni Battista De Rolandis, originario di Castell'Alfero (Asti), diedero vita al’embrione del primo tricolore… Furono infatti proprio loro ad unire il bianco e il rosso delle rispettive città (colori già radicati da tempo nei vari Stati Italiani e quindi rappresentanti la storia di tutta l'Italia) al verde, colore della speranza in un'Italia unita e prospera, e forse questi due studenti non immaginavano quello che successe dopo... questi tre colori divennero presto i simboli di una rivolta che animava e univa ormai tutta l'Italia: il Risorgimento.E’ infatti il 1821 quando, durante i moti alla Cittadella di Alessandria, il Tricolore sventola per la prima volta nella storia risorgimentale e dieci anni dopo sarà Giuseppe Mazzini a sceglierlo come emblema della Giovine Italia.Durante le Cinque Giornate di Milano nel marzo del 1848, il re di Sardegna Carlo Alberto assicura al Governo provvisorio lombardo che le sue truppe, in aiuto per la prima guerra d'indipendenza, avrebbero marciato sotto le insegne del Tricolore, con lo stemma sabaudo sovrapposto sul bianco. Nel 1860 il tricolore venne scelto come bandiera dal Regno delle due Sicilie, con lo stemma borbonico sovrapposto sul bianco; infine, quando il 14 marzo 1861 viene proclamato il Regno d'Italia,esso, per consuetudine, continuò ad essere la bandiera nazionale.Ma è solo con la nascita della Repubblica e con relativo decreto legislativo del Presidente del Consiglio (12 giugno del 1946), che si stabilì ufficialmente la foggia della nuova bandiera che in seguito venne confermata nella seduta del 24 marzo del 1947 dall'Assemblea Costituente e inserita pertanto nell'articolo 12 della Costituzione.
I colori citati nel testo erano: verde prato brillante, bianco latte e rosso pomodoro.
Forse i nostri artisti non si sono mantenuti “fedeli al testo” ma, avendoli invitati a creare qualcosa d’ispirato al tricolore, il nostro intento non era fare una mostra “storica”, ma creare diverse interpretazioni contemporanee del tricolore e farci raccontare delle storie in cui l’Italia assumesse il ruolo di “teatro stabile”; con attori, scenografie, comparse.
Ciò che si vuol narrare è 'la nostra immagine e il nostro modo di pensare' .
Ricordiamoci infatti che è del ‘700/’800, con sconfinamenti talvolta agli inizi del ‘900, il fenomeno detto del “Gran Tour “ quando moltissimi personaggi, dai principali stati europei, giungono in Italia per trarre ispirazione per le loro opere ; solo per citarne alcuni: gli inglesi Shelley, Byron, Dickens, Browning; i francesi Montesquieu, De Sade, Chateaubriand, Stendhal, Flaubert, Proust; lo spagnolo Goya ecc.. ..Questa “moda” era dettata dal fatto che si attribuiva innegabile importanza all’immenso patrimonio artistico presente nella nostra piccola ma feconda penisola. Ancora oggi i nostri artisti, pur senza spostarsi, ma “viaggiando mentalmente”, fanno una sorta di Grand tour riuscendo a restituirci, tra una vena di sarcasmo e una di tristezza, tanti “quadri” del nostro bel paese.



 
speed-news
  Exibart.
   Pubblicazione iscritta nel registro della stampa del Tribunale di Firenze con il n. 5069/01.
   Direttore Editoriale e Direttore Responsabile: Adriana Polveroni
   Direttore Commerciale: Federico Pazzagli - f.pazzagli@exibart.com - adv@exibart.com - Fax: 06/89280543
   Amministrazione: amministrazione@exibart.com - Fax: 06/89280277