Memoriter 3089 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
A Roma riapre al pubblico il Ninfeo degli Specchi al Palatino
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva CORSO FEDERICO II ​ Corso Federico II L'aquila 67100

L'Aquila - dal 27 dicembre 2011 al 6 gennaio 2012

Memoriter

Memoriter
CORSO FEDERICO II
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Corso Federico II (67100)
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Memoriter, prodotto da Animammersa e Visioni Future, per la regia di Luca Cococcetta, diventa un’installazione di video-arte, presente lungo Corso Federico II, a L’Aquila, nell’ambito del Cartellone natalizio 2011-2012 del Comune dell’Aquila.
orario: Ore 18.00-20.00
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 27 dicembre 2011.
genere: arte contemporanea

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Memoriter, prodotto da Animammersa e Visioni Future, per la regia di Luca Cococcetta, diventa un’istallazione di video-arte, presente lungo Corso Federico II, a L’Aquila, nell’ambito del Cartellone natalizio 2011-2012 del Comune dell’Aquila.

I quadri scomposti del documentario e la conseguente rarefazione delle immagini consentono una lettura emotiva e senza filtri dei temi legati al cortometraggio. Portano lo spettatore ad assumere, di volta in volta davanti ai diversi paesaggi dell’istallazione, una precisa responsabilità, una dichiarazione di interesse e di partecipazione non mediata da quei codici logici inevitabilmente portati da quadri narrativi classici. Una sorta di isolamento, dunque, un percorso forzato fino al nucleo dei temi presentati. Il verde, il rosso e il bianco si presentano nella loro autonoma nuclearità, evidenziando la letteratura che ne fa sostanza, in una coraggiosa sperimentazione di nuova tecnica cinematografica che rivisita il linguaggio teatrale, letterario e visivo fondendoli in un’unica opera.

La proiezione dunque avviene su diversi piani, senza accessori intellettuali se non quelli evidenziati dalla geometricità dei luoghi di rappresentazione, dall’assenza di evidente sovrastruttura, rimandando ad una possibilità di lettura immediata.


 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram