I ragazzi formidabili 3056 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.loves - Centrale Fies
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva SRISA PROJECT SPACE ​ Via Santa Reparata 19r Firenze 50129

Firenze - dal 29 marzo al 3 maggio 2012

I ragazzi formidabili

I ragazzi formidabili
Pietro Mele, Local Boys, 2009
 [Vedi la foto originale]
SRISA PROJECT SPACE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Santa Reparata 19r (50129)
C/o Santa Reparata International School Of Art
+39 055213984
rolsen@santareparata.org
www.santareparata.org/gallery/project_space.html
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

I ragazzi formidabili è un ciclo appuntamenti che, tra marzo e maggio 2012, propone una riflessione su alcuni comportamenti maturati in seno e in opposizione alla società dei consumi.
orario: dalle 19.00 alle 22.00
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 29 marzo 2012. dalle 19.00 alle 22.00
curatori: Pietro Gaglianò
autori: Leone Contini, Pietro Mele, Sergio Racanati
note: tre appuntamenti di una sera
Pietro Mele / giovedì 29 marzo
Leone Contini / giovedì 12 aprile
Sergio Racanati / giovedì 3 maggio
genere: arte contemporanea, altro

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa

I ragazzi formidabili è un ciclo appuntamenti che, tra marzo e maggio 2012, propone una riflessione su alcuni comportamenti maturati in seno e in opposizione alla società dei consumi. Tre artisti propongono i propri personali punti di vista, attraverso video, immagini e installazioni, sulle forme che può assumere la violenza nelle relazioni interpersonali, e sulle contraddizioni implicite nell’idea di contrasto al sistema, presente sia nella calma apparente della quotidianità, sia in situazioni di aggregazione e manifestazione.
I ragazzi formidabili del titolo (ispirato al celebre romanzo di Jean Cocteau) sono donne e uomini, giovani e non solo, attori di condizioni sociali che con pari superficialità vengono assolte o condannate senza appello. Come i ragazzi di Cocteau, sentimentalmente e intellettualmente incapaci di creare relazioni con il mondo esterno alla loro camera, i protagonisti di queste tre indagini sembrano agire all’interno di sistemi di riferimento chiusi. O almeno è quanto la vigile società civile intende dichiarare a se stessa per eludere il confronto e rigettare qualsiasi responsabilità.
Il primo appuntamento, giovedì 29 marzo, è con il video Local boys, di Pietro Mele (Alghero, 1976), “un ritratto di provincia tra noia e violenza latente. I gesti e gli sguardi di due giovani che bevono al tavolino di un bar rivelano una comunicazione fatta di codici non scritti che mostrano gerarchie, ruoli e confini”, una parafrasi (e una metefora) dei comportamenti che strutturano i rapporti del mondo “adulto”.
Giovedì 12 aprile Leone Contini (Firenze, 1976), propone un’installazione dedicata al progetto realizzato nell’area del Ghetto, nel centro storico di Genova. Inte brasse è “uno spaccio in cui vengono esposti prodotti vegetali tradizionali utilizzati nelle varie culture per implementare l’energia fisica, attenuare la fame e la stanchezza, potenziare la sessualità, purificare o guarire il corpo”.
Il ciclo si conclude il 3 maggio con Sergio Racanati (Bisceglie, 1982) che propone un’installazione legata al video STREET PARADE. Un brevissimo documento video, girato a Bologna nel 2003, mostra un frammento della manifestazione, un “ballo erotico e carnale”, espresso come liberazione da restrizioni morali e riportato con sguardo neutro.
 
trovamostre
@exibart on instagram