Gennaro Castellano / Gabi Scardi - Pratica al Plurale / Scripta l'arte a parole 3124 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva LIBRERIA BRAC ​ Via Dei Vagellai 18 r Firenze 50122

Firenze - mar 3 aprile 2012

Gennaro Castellano / Gabi Scardi - Pratica al Plurale / Scripta l'arte a parole

Gennaro Castellano / Gabi Scardi - Pratica al Plurale / Scripta l'arte a parole

 [Vedi la foto originale]
LIBRERIA BRAC
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Dei Vagellai 18 R (50122)
info@libreriabrac.net
www.libreriabrac.net
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Il nuovo appuntamento della rassegna a cura di Pietro Gaglianò è dedicato al progetto MILANOFFICINE.
orario: 18.30
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 3 aprile 2012. h 18.30
ufficio stampa: MONICA ZANFINI
curatori: Pietro Gaglianò
autori: Gennaro Castellano, Gabi Scardi
genere: presentazione, altro

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa


scripta
l’arte a parole

ciclo di presentazioni con autori e curatori di edizioni sulla critica d’arte contemporanea
a cura di Pietro Gaglianò

Libreria Brac, Firenze

martedì 3 aprile - ore 18.30

Gabi Scardi e Gennaro Castellano

presentano

Pratica al plurale
Milanofficine: progetti – idee – azioni

Edizioni Officina Libraria

Nuovo appuntamento con Scripta: martedì 3 aprile alle ore 18.30, presso la Libreria Brac di Firenze, Gennaro Castellano e Gabi Scardi presentano il volume Pratica al plurale. Milanofficine: progetti – idee – azioni, per le edizioni Officina libraria, Milano.

il libro:
Pratica al Plurale è veste editoriale e risultato finale del progetto Milanofficine. Un network di artisti, gruppi di progettazione e associazioni culturali che ha realizzato workshop, seminari, progetti interdisciplinari e opere d’arte in diretta relazione con il territorio milanese e i suoi abitanti. Le tematiche sullo sfondo sono l’identità territoriale, il dialogo interculturale, la coesione sociale, così come l’incidenza delle problematiche globali a livello locale. Un’approfondita riflessione sul ruolo attivo che l’arte e la cultura possono assumere oggi nel suggerire nuove modalità di approccio ad importanti e urgenti questioni della nostra epoca, uno strumento attraverso cui creare valore pubblico e senso critico nella società. Milanofficine è un progetto di arte contemporanea di Reporting System in partenariato con Sintetico, promosso dalla Fondazione Cariplo.
La pubblicazione contiene un’introduzione al progetto di Gennaro Castellano; un saggio critico nel quale il progetto è ampiamente contestualizzato nell’ambito dell’arte contemporanea; una documentazione approfondita dei quattro progetti a cura dei protagonisti; tre appendici dedicate ad una riflessione sul carattere pubblico dell'arte, a best practises di progettazione sociale a livello regionale, a cura di Ancitel Lombardia e ad un dibattito aperto con alcuni rappresentanti di giovani realtà milanesi operanti nel campo dell’arte contemporanea. Infine un metaprogetto, a cura del Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale dell’Università Milano-Bicocca, che ha monitorato ed evidenziato la concreta efficacia ed incidenza sul territorio delle azioni a livello di identità civica e capitale sociale, coesione sociale, senso del luogo.



gli autori:
Gennaro Castellano è artista e project manager. Dalla metà degli anni Ottanta, per oltre un decennio lavora con gallerie nazionali ed internazionali ed istituzioni museali. È presente in importanti collezioni di arte. A partire dal 1998 si interessa al rinnovamento del linguaggio artistico, con un’ottica interdisciplinare attenta alla dimensione pubblica dell’arte, e una metodologia che si distingue per nuove visioni e soluzioni progettuali che riflettono su questioni quali il territorio, l’ambiente, i conflitti sociali, le dinamiche interculturali. Partecipa a seminari e convegni promossi da istituzioni, fondazioni culturali e amministrazioni pubbliche. Visiting professor in accademie di belle arti e università. È autore di pubblicazioni sull’arte contemporanea, tra cui: Zingonia: Arte Integrazione Multiculture, a+m bookstore edizioni, Milano 2001,
Voyages croisés, 5 continents, Milano 2005 (in coll. con Fondazione Pistoletto onlus editore), Diari in attesa. Nuove geografie urbane, Officina Libraria, Milano 2008.

Gabi Scardi è critico, curatrice e docente di arte contemporanea. Tra il 2007 e il 2010 ha collaborato con il MAXXI, Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo. Dal 2005 al 2009 è stata consulente per l’arte visiva della Provincia di Milano nell’ambito del programma inCONTEMPORANEA. È stata curatrice dell’Archivio degli Artisti
“C/O Care of - Viafarini” promosso dal Comune di Milano e membro della commissione per il rilancio della committenza pubblica per l’arte nella città di Grenoble. Ha curato diversi progetti pubblici e partecipativi e ha collaborato al progetto europeo EU-Roma. Tra le mostre recenti: “Synthetic Ritual”, Pitzer Gallery, Pitzer College, Los Angeles, 2011; “Side Effects”, Louisiana Museum, Copenhagen 2011, Biennale di Lione 2009; “Aware: Art Fashion Identity”, Royal Academy, Londra, 2010; “Spazio”, MAXXI, Roma, 2010. Ha pubblicato diversi libri, tra i quali: Voyages croisés, 5 continents, Milano 2005; Paesaggio con figura: arte, sfera pubblica, trasformazione sociale, Allemandi, Torino 2011.


Scripta è un programma di appuntamenti, con cadenza mensile, da settembre a maggio, sull’editoria dedicata alla critica e all’analisi dei linguaggi artistici: quelle parole che, di là dal visibile, dalle mostre e dalle biennali, compongono il pensiero contemporaneo.
Scripta propone libri in cui le parole alimentano il dibattito, e non si limitano a descrivere o commentare quanto già presente al pubblico; la selezione dei titoli, infatti, per lo più non comprende cataloghi di mostre o monografie, ma prevede in prevalenza saggi, volumi tematici, importanti traduzioni di autori stranieri, raccolte di interviste e approfondimenti: una porzione di industria libraria meno in vista, rivolta più all’approfondimento che alla facile divulgazione, faticosamente e coraggiosamente promossa da case editrici secondo le quali i libri non sono eventi.
______

libreria brac
via dei vagellai 18r, firenze
www.libreriabrac.net
info@libreriabrac.net
tel.(+39) 0550944877
 
trovamostre
@exibart on instagram