Monticelli & Pagone - Terrae Motus. Shut out. Chiusi Fuori 3097 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUSPAC - MUSEO SPERIMENTALE D'ARTE CONTEMPORANEA ​ Via Paganica 17 L'aquila 67100

L'Aquila - dal 13 al 26 maggio 2012

Monticelli & Pagone - Terrae Motus. Shut out. Chiusi Fuori

Monticelli & Pagone - Terrae Motus. Shut out. Chiusi Fuori -

 [Vedi la foto originale]
MUSPAC - MUSEO SPERIMENTALE D'ARTE CONTEMPORANEA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Paganica 17 (67100)
+39 0862410505 , +39 0862410505 (fax)
museosperimentale@libero.it
www.museomuspac.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Facendo un diretto riferimento a Terrae Motus di Lucio Amelio, Monticelli & Pagone vogliono riprendere questo cammino all’Aquila, presentando una selezione dei loro lavori più recenti, innescando una riflessione sulla distruzione sismica e sul contributo che l’arte può dare come evento propositivo.
orario: da martedì a sabato ore 11.00/13.00 e 17.00/20.00
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 13 maggio 2012. ore 18,30
curatori: Martina Sconci
autori: Alessandro Monticelli, Claudio Pagone
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Domenica 13 maggio 2012 alle 18,30 presso la sede del MU.SP.A.C., sarà inaugurata la mostra di Monticelli & Pagone dal titolo “Terrae Motus. Shut out – Chiusi fuori”, a cura di Martina Sconci.

Facendo un diretto riferimento a Terrae Motus di Lucio Amelio - collezione di arte contemporanea che il gallerista creò dopo il terremoto dell’Irpinia del 1980, grazie alla solidarietà dei più grandi artisti di fama internazionale -Monticelli & Pagone vogliono riprendere questo cammino all’Aquila, presentando una selezione dei loro lavori più recenti, innescando una riflessione sulla distruzione sismica e sul contributo che l’arte può dare come evento propositivo.
Rifacendosi alle macchie di Rorschach, i due artisti concentrano tutta la loro ricerca sul tema del doppio. Rinunciando a una propria individualità artistica, sono a favore della coppia, dell’io e il suo doppio, proprio per testimoniare un’importante caratteristica della sensibilità contemporanea circa la percezione del sé.
Uomini e donne ibridi, come statue classiche dal volto coperto, percepiscono se stessi come un doppio di corpo e anima slegati e allo stesso tempo riuniti da una linea sottile: da una parte un corpo ancora legato ai marchi consumistici, dall’altra una macchia, quello che rimane di noi una volta spogliati di tutto ciò che ci rende anonimi e impersonali. Ognuno di noi è seguito dalla propria ombra che rappresenta quindi tutti quei contenuti psichici che sono stati rimossi e vanno a costituire lo strato dell’inconscio personale e tutti quegli aspetti primitivi e disprezzabili, inaccettabili per l’Io.
Shut Out - Chiusi fuori indica una condizione: quella in cui si trova L’Aquila e i suoi cittadini, riflesso di ciò che accade nel nostro paese. Il Terrae Motus (energia negativa della natura) ha spaccato la città così come le nostre menti, imponendo uno stato di cambiamento e di trasformazione del corpo e dell’anima. Come gli uomini di Monticelli e Pagone, le nostre teste sono state congelate dai mass media e dai feticci della società contemporanea, ma questo non ci vieta di uscire fuori da questa vita “inautentica”, per proiettarci verso una vita “autentica”, verità dis-velata dell'essere.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram