Warhol: Headlines 3072 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/06/2019
Ad Alberto Angela la laurea honoris causa dell’Università Suor Orsola di Napoli
19/06/2019
Flaminia Bonciani e i colori degli anni ’80, al RUFA Space
18/06/2019
In Germania, presso la Stadtgalerie Kiel, inaugurata la seconda tappa della mostra del Premio Fondazione Vaf
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva LA GALLERIA NAZIONALE ​ Viale Delle Belle Arti 131 Roma 00196

Roma - dall'undici giugno al 9 settembre 2012

Warhol: Headlines

Warhol: Headlines
Warhol nella Factory durante la realizzazione del trittico Fate Presto, 1981 - foto di Michele Bonuomo
 [Vedi la foto originale]
LA GALLERIA NAZIONALE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Viale Delle Belle Arti 131 (00196)
+39 06322981
gan-amc.uffstampa@beniculturali.it
lagallerianazionale.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La produzione di Headline Works attraversa tutta la carriera dell’artista. Il percorso espositivo inizia con i disegni della metà degli anni cinquanta, prosegue con i dipinti degli anni sessanta, continua con le serigrafie, le stampe, le fotografie e le opere su supporto elettronico, e si conclude con i lavori eseguiti insieme ai celebri graffitisti Michel Basquiat e Keith Haring
orario: martedì - domenica dalle 9.30 alle 19. (la biglietteria chiude alle 18.45) Chiusura il lunedì
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 11 giugno 2012. ore 18.30
catalogo: in galleria.
editore: ELECTA
ufficio stampa: mariamercede.ligozzi@beniculturali.it
curatori: Molly Donovan
autori: Andy Warhol
note: Preview stampa 11 giugno 2012 ore 12
genere: arte contemporanea, personale, disegno e grafica

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Warhol Headlines è la prima grande mostra dedicata al rapporto di Andy Warhol con
l’informazione giornalistica. Fin dai suoi esordi come grafico pubblicitario, l’artista fu attratto dai
titoli dei giornali, che selezionava dopo averne sfogliato intere pile e che conservava come fonti per
le proprie opere. Nacquero così le Headline Works, le opere-titolo che rielaboravano prime pagine o
ritagli stampa e che egli eseguì con tutti i media e in tutti i formati: opere bi –e tridimensionali,
video e programmi televisivi che seguivano l’evoluzione dei canali dell’informazione, dalla stampa
alle TV via cavo. Protagonista della pop art, Warhol prediligeva la stampa popolare e in particolare
i tabloid, come il Daily News o il New York Post, orientandosi verso le stesse notizie che colpivano
il grande pubblico: i pettegolezzi sulle celebrità (da Margaret d’Inghilterra a Madonna) e gli eventi
catastrofici (dai disastri aerei ai terremoti). Non mancano tuttavia anche articoli di critica sociale,
come quelli, di solito relegati in fondo ai giornali, che ricordano le morti dovute a percosse della
polizia.
La produzione di Headline Works attraversa tutta la carriera dell’artista. Il percorso espositivo inizia
con i disegni della metà degli anni cinquanta, prosegue con i dipinti degli anni sessanta, continua
con le serigrafie, le stampe, le fotografie e le opere su supporto elettronico, e si conclude con i
lavori eseguiti insieme ai celebri graffitisti Michel Basquiat e Keith Haring.
La mostra è organizzata dalla National Gallery di Washington, insieme con il Warhol Museum di
Pittsburgh, la Galleria nazionale d’arte moderna di Roma e il Museum für Moderne Kunst di
Francoforte. Sono tutti musei che possiedono opere di Warhol. La tappa della mostra in Italia era
comunque necessaria, perché qui si conserva, presso la Reggia di Caserta, la più grande delle operetitolo è il monumentale trittico Fate presto che riproduce la prima pagina de “ Il Mattino” di Napoli
del 23 novembre 1981 e che fu commissionato dal gallerista napoletano Lucio Amelio in occasione
del terremoto dell’Irpinia.
La curatrice è Molly Donovan del Dipartimento d’arte moderna della National Gallery di
Washington mentre il commissario della mostra a Roma è Angelandreina Rorro. Il tour della mostra
è stato reso possibile dalla Terra Foundation.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram