Emanuela Ascari - Luogo comune. Apparentemente privo di narrazioni forti 3082 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
A Roma riapre al pubblico il Ninfeo degli Specchi al Palatino
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva LA PITECH ​ Via Italia 26 Guilmi 66050

Guilmi (CH) - dal 13 agosto al 30 settembre 2012

Emanuela Ascari - Luogo comune. Apparentemente privo di narrazioni forti

Emanuela Ascari - Luogo comune. Apparentemente privo di narrazioni forti

 [Vedi la foto originale]
LA PITECH
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Italia 26 (66050)
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Progetto finale di residenza di Emanuela Ascari a GuilmiArtProject: il sopravvento del dato archeologico reale è scongiurato dall’invenzione artistica che ristabilisce i relativi campi d’appartenenza
orario: ore 18.00
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 13 agosto 2012. ore 18.00
curatori: Federico Bacci, Lucia Giardino
autori: Emanuela Ascari
patrocini: Vis a Vis, Limiti Inchiusi, Silvia Valente e Creatività Giovanile, Dipartimento della Gioventù, Anci
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Il 13 agosto 2012 Emanuela Ascari presenta Luogo comune, l’opera finale del programma di residenza Vis a Vis / Guilmi, attuatasi con la collaborazione di Guilmi Art Project.
Luogo Comune. Apparentemente privo di narrazioni forti è la formalizzazione di un progetto i cui obiettivi sono stati definiti solo dopo una prima fase di esplorazione e una successiva di gestazione, durante le quali sono avvenuti fatti importanti sia per la storia (l’identità) di una comunità apparentemente priva di narrazioni forti, che per l’esperienza personale dell’artista.
Nella fase iniziale del mese di residenza, durante le ricognizioni sul territorio urbano ed extraurbano di Guilmi, Emanuela Ascari, ha infatti rinvenuto un vero e proprio sito archeologico, poi regolarmente denunciato alle Sovrintendenze. Il fatto, di per sé al di fuori delle sue competenze, ha innescato forti processi di pensiero su due tematiche principali: le responsabilità dei produttori di narrazioni – storiche, parastoriche, archeologiche, artistiche – ; e le prassi specifiche di piccole comunità, che, anche in ambiti legislativamente codificati, si ritagliano autonomie di azioni – costumi – sulla propria natura specifica.

Sintetizzare e dare forma, o semplicemente presentare, l’esperienza del ritrovamento, per Ascari, avvezza a scavare gli strati superficiali della terra, memori degli insediamenti recenti dell’uomo, è stata la fase successiva, che ha portato a Luogo comune: una mostra di “incontri” e di “evidenze”, tracce di uno spaccato abruzzese mai narrato in forma lineare e storica e per questo raccontato in forma verosimile dall’artista, legittimata a rivendicare la scientificità di una prassi tutta guilmese.

Dopo la prima fase espositiva di Luogo Comune, l’opera entrerà a far parte della collezione permanente del comune di Guilmi.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram