Luciana Manelli / MarbaF - Ricordi & Percezioni 3249 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
CINEMA
Reading Room
Allons Enfant/5
Lettera Aperta
PREVIEW
Senti chi Parla
Exibart.segnala
sondaggio
La nomina a curatore del padiglione Italia di Vincenzo Trione ha suscitato diverse perplessità. Che ne pensate voi?
• C'erano sicuramente addetti ai lavori più qualificati e non è possibile che in Italia tutto passi all'infuori del merito!
• Potrebbe essere una sorpresa, anche se non è "ufficialmente" un curatore
• Farà un bel Padiglione, d'altronde è una voce fuori dal coro del solito di giro di musei, direttori, curatori etc
• Sarà un'altra Biennale in cui l'Italia farà una figuraccia
• Metterà in mostra qualche amico più o meno conosciuto
recensioni
rubriche

Letojanni (ME) - dal 20 agosto al 10 settembre 2012
Luciana Manelli / MarbaF - Ricordi & Percezioni

PALAZZO DELLA CULTURA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Matteotti (98037)
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Approda in Sicilia la classe ed il talento di due grandi esponenti dell’Arte con la A maiuscola: due diversi modi e stili di ricreare con eleganza e raffinatezza la verità della vita quotidiana insieme alle varie sfaccettature d’emozioni che essa ci regala.
orario: tutti i giorni 9.30 – 12.00 / 19,00 – 23,00
(possono variare, verificare sempre via telefono)
prenota il tuo albergo a Letojanni (ME):
Booking.com
biglietti: free admittance
vernissage: 20 agosto 2012. h 19:00
autori: Marbaf, Luciana Manelli
genere: arte contemporanea, doppia personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
le opere di Luciana Manelli e dei MarbaF in esposizione nei locali del Palazzo della Cultura di Letojanni (ME)

20 Agosto - 10 Settembre 2012

ingresso libero


Inaugurazione Lunedì 20 agosto 2012 ore 19: 00 – gli Artisti saranno presenti al vernissage
apertura al pubblico tutti i giorni, dalle ore 09:00 alle 12:00 e dalle 19:00 alle 23:00.


Approda in Sicilia la classe ed il talento di due grandi esponenti dell’Arte con la A maiuscola: due diversi modi e stili di ricreare con eleganza e raffinatezza la verità della vita quotidiana insieme alle varie sfaccettature d’emozioni che essa ci regala.


Luciana Manelli, dipingere i fatti della vita e della cronaca quotidiana col suo stile che – come disse di lei il compianto critico d’arte Raffaele De Grada – “è uno stile che si pronuncia come una vera e propria aggressione del reale; la Manelli è realista perché parte veramente da una osservazione amata del reale, si sente che essa ha vissuto e vive la vita contadina delle sue parti, del Pavese.”
Il Prof. Domenico Purificato che dell’Arte della sua ex allieva dirà: “Luciana Manelli appartiene a quella schiera di fedeli cantori di quel mondo al quale una società massacrata dalla macchina va volgendo la sua fiducia e le sue speranze. Il mondo d’origine, nei suoi vari momenti e riti è il suo tema ricorrente ma con protagoniste donne in maggioranza, ad indicare una loro partecipazione primaria, insopprimibile al processo produttivo e celebrativo delle attività umane.”
In un mondo difficile, dove il vivere quotidiano è sempre più complicato, Luciana Manelli - dal 1971 docente di pittura all'Accademia di Belle Arti di Brera - con la sua pittura vuol regalarci un messaggio di serenità e lo fa stemperando assieme e sapientemente colori, nostalgia, natura, luci e… ricordi.


I MarbaF nascono dalla forte esigenza di far dialogare in modo non convenzionale due arti quali la pittura e la fotografia in una “Fusione visiva”, ovvero l’unione tra due arti liricamente accostate e di grande intensità ed eleganza, che si snodano lungo un percorso che vede da una parte l’esperienza pittorica di Fabrizio Trotta e dall’altra la passione fotografica di Mario D’Angelo.
Due espressioni d'arte che si attraggono a distanza per fondersi in quelle che sono le loro opere, un binomio estetico, che guarda ad un astrattismo quasi "figurativo" non puramente icastico e descrittivo, bensì allusivo e poetico, atto a liberare la mente, al di fuori e al di sopra di qualsiasi legame e qualsiasi vincolo.
E' un astrazione che guarda a un reale che non sempre viene percepito perché non frutto dell' osservare… ma scaturisce da un accostamento casuale delle due arti che si richiamano a vicenda per movimenti e cromatismo, generando un dialogo di continuità tra l’espressione astratta della pittura e quella descrittiva della fotografia, evidenziando quei dettagli che ci circondano, che albergano nella nostra memoria visiva durante il tam-tam giornaliero a cui spesso non riusciamo a dare il giusto risalto… quei particolari che in sé costruiscono un mondo e che richiamano quell’ astrattismo che così tanto indecifrabile non è.
A volte, le fotografie, ritraggono qualcosa di inverosimilmente reale ed equivocabile… particolari, dettagli e ritagli che lasciano - spesso - libera l’interpretazione e la fantasia di chi osserva e che può così dare spazio alla propria immaginazione e ricercare un qualcosa di riconoscibile, esistente, concreto, palpabile.
L’Arte dei MarbaF può essere quindi definita, la manifestazione del mondo che si agita intorno a noi, l’insieme di due realtà possibili che quando si incontrano superano le rispettive barriere, le loro nature …. rendendo visibile l’astratto e astratto il visibile… il loro talento sta nell’illuminante capacità di rivelare particolari inaspettati sulla natura di ciò che in realtà si guarda ma non si vede…. però si percepisce.
 
trovamostre