Una finestra sul mondo. Da Dürer a Mondrian e oltre. Sguardi attraverso la finestra dell’a... 3209 utenti online in questo momento
exibart.com
community
Cartoline dall’America/Pérez Art Museum Miami
Reading Room
Reading Room
Il ricordo
L'altra metà dell'arte
recensioni
rubriche
argomenti
classifiche
acuradi...
curator parade
antidoping
artist parade
cerca persone
notizie recenti

Lugano - dal 15 settembre 2012 al 6 gennaio 2013
Una finestra sul mondo. Da Dürer a Mondrian e oltre. Sguardi attraverso la finestra dell’arte dal Quattrocento ad oggi


 [Vedi la foto originale]
MUSEO CANTONALE D'ARTE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Canova 10 (6900)
+41 0919104780 , +41 0919104789 (fax)
decs-mca@ti.ch
www.museo-cantonale-arte.ch
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La finestra, uno dei soggetti più affascinanti e significativi della storia dell’arte occidentale, è al centro della grande mostra tematica Una finestra sul mondo. Da Dürer a Mondrian e oltre che si terrà nella doppia sede del Museo Cantonale d’Arte e del Museo d’Arte di Lugano a partire dal 15 settembre. Con 200 opere provenienti da musei internazionali e importanti collezioni private, e attraverso lo sguardo di 114 artisti diversi, il percorso espositivo illustra il fondamentale ruolo che la finestra, intesa sia come strumento sia come soggetto, ha svolto nell’elaborazione e nel mutamento dei linguaggi artistici, tramite forme espressive che spaziano dal disegno alla videoinstallazione.
orario: mercoledì – domenica 10-18
martedì 14-18
Chiuso lunedì, 25 dicembre e 1 gennaio
(possono variare, verificare sempre via telefono)
prenota il tuo albergo a Lugano:
Booking.com
biglietti: Intero Fr. 12.–
Ridotto Fr. 8.–
<16 anni Entrata gratuita
vernissage: 15 settembre 2012. h 17
editore: SKIRA
curatori: Marco Franciolli, Giovanni Iovane, Sylvie Wuhrmann
note: Conferenza stampa: 14 settembre ore 11.30
genere: arte antica, arte moderna e contemporanea, collettiva

segnala l'evento ad un amico


mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
La finestra, uno dei soggetti più affascinanti e significativi della storia dell’arte occidentale, è al centro della grande mostra tematica Una finestra sul mondo. Da Dürer a Mondrian e oltre che si terrà nella doppia sede del Museo Cantonale d’Arte e del Museo d’Arte di Lugano a partire dal 15 settembre. Con 200 opere provenienti da musei internazionali e importanti collezioni private, e attraverso lo sguardo di 114 artisti diversi, il percorso espositivo illustra il fondamentale ruolo che la finestra, intesa sia come strumento sia come soggetto, ha svolto nell’elaborazione e nel mutamento dei linguaggi artistici, tramite forme espressive che spaziano dal disegno alla videoinstallazione.
La mostra anticipa le potenzialità del nuovo centro culturale LAC – Lugano Arte e Cultura – la cui apertura è prevista per l’autunno 2014. Ancora prima di essere un edificio, LAC è un progetto che crea sinergie tra le strutture culturali della città.
Organizzata per nuclei tematici, l’esposizione si apre al Museo d’Arte, dove il percorso spazia dal Quattrocento alle avanguardie storiche, e prosegue al Museo Cantonale d’Arte con opere che giungono fino alla contemporaneità. Se per gli artisti del Rinascimento e oltre presenti in mostra – da Leon Battista Alberti ad Albrecht Dürer, da Lorenzo di Credi a Pieter de Hooch – la finestra è il punto di partenza per l’organizzazione del paesaggio in base a una precisa prospettiva in grado di misurare precisamente lo spazio, per i romantici dell’Ottocento essa diventa una soglia alla quale si affacciano personaggi che guardano a un mondo esterno di volta in volta agognato o temuto. Queste figure in realtà indicano il modo attraverso il quale l’artista si relaziona con il mondo esprimendone il punto di vista.
Nell’impressionismo, e soprattutto nel post-impressionismo, la finestra è un soggetto ricorrente. Artisti quali Claude Monet, Pierre Bonnard, Édouard Vuillard, Henri Matisse introducono nuove tensioni compositive, dalla rappresentazione frontale della finestra passano ad una visione obliqua che tende a confondere i vari piani: ante-specchi-vetri-tende si mescolano nei loro dipinti senza soluzione di continuità, rendendo di fatto ambiguo il confine fra interno ed esterno. In un sottile dialogo fra lo spazio della pittura e lo spazio reale, la figura alla finestra si fa trait d’union tra lo spazio interno al quadro e lo spazio della fruizione, quasi ad azzerare la distanza fra arte e realtà.
Nel corso del Novecento la finestra assume tanti significati e ruoli quanti sono i mutamenti intervenuti nei linguaggi dell’arte del XX secolo. La mostra esplora uno dei capitoli più rilevanti nel rapporto fra la finestra e l’arte nel XX secolo, ossia quello della griglia modernista. Attraverso le immagini geometriche di artisti quali Josef Albers e Piet Mondrian, si evidenzia la relazione fra la finestra e la possibilità di ricondurre ad un ordine ortogonale la visione.
Le loro opere pur muovendo da un’osservazione “dalla finestra” si presentano semplificate fino a divenire campiture cromatiche e tessiture di linee ortogonali. Sorprendentemente è proprio con questi reticoli che si ritrova la modalità originaria del discorso della quadrettatura delle prime teorizzazioni prospettiche.
La finestra nell’arte pare aver esaurito le sue funzioni di apertura su un mondo reale o spirituale, affrancandosi definitivamente da temi letterari o religiosi, da valenze simboliche che hanno giustificato la sua lunga permanenza nell’arte occidentale. La finestra trova oggi la sua metafora più potente nel monitor, in Windows – un sistema operativo che non a caso allude a una finestra virtuale – e in Google, che invertendo il flusso tradizionale della finestra non guarda più verso il mondo, ma lo porta direttamente nelle abitazioni e nei luoghi di lavoro.
La mostra è curata da Giovanni Iovane, professore di Storia dell’arte contemporanea all’Accademia di Brera, Marco Franciolli, direttore del Museo Cantonale d’Arte e del Museo d’Arte di Lugano, Sylvie Wuhrmann, direttrice della Fondation de l’Hermitage di Losanna – istituzione che ha collaborato alla realizzazione del progetto espositivo e sede della seconda tappa della mostra dal 25 gennaio al 20 maggio 2013 – in collaborazione con Francesca Bernasconi, collaboratrice scientifica del Museo d’Arte di Lugano.
Il catalogo della mostra è edito da Skira e contiene le riproduzioni di tutte le opere in mostra e i contributi critici di: Angelika Affentranger, Francesca Bernasconi, Brenda Danilowitz, Daniela Ferrari, Nicholas Fox Weber, Marco Franciolli, Elio Grazioli, Giovanni Iovane, Angelica Jawlensky, Rosalind Krauss, Alberto Pezzotta, Bruno Reichlin e Victor Stoichita.
La mostra Una finestra sul mondo prosegue il percorso segnato da importanti momenti espositivi che hanno evidenziato la sinergia fra i due istituti e le loro collezioni in vista dell’apertura del LAC, quali Enigma Helvetia, Nippon e Tesori a Lugano. Nel 2013 questo percorso continuerà con le mostre:
- Paul Klee – Fausto Melotti
Museo d’Arte 15.03 – 30.06.2013
- Il simbolismo svizzero
Museo d’Arte e Museo Cantonale d’Arte 14.09.2013 – 12.01.2014
 
speed-news
  Exibart.
   Pubblicazione iscritta nel registro della stampa del Tribunale di Firenze con il n. 5069/01.
   Direttore Editoriale e Direttore Responsabile: Adriana Polveroni
   Direttore Commerciale: Federico Pazzagli - f.pazzagli@exibart.com - adv@exibart.com - Fax: 06/89280543
   Amministrazione: amministrazione@exibart.com - Fax: 06/89280277