Disegni di luce. Angelo Garoglio fotografa Medardo Rosso 3061 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GALLERIA INTERNAZIONALE D'ARTE MODERNA DI CA' PESARO ​ Santa Croce 2076 Venezia 30135

Venezia - dal 13 ottobre 2012 al 13 gennaio 2013

Disegni di luce. Angelo Garoglio fotografa Medardo Rosso

Disegni di luce. Angelo Garoglio fotografa Medardo Rosso
Medardo Rosso ECCE PUER Foto di Angelo Garoglio
 [Vedi la foto originale]
GALLERIA INTERNAZIONALE D'ARTE MODERNA DI CA' PESARO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Santa Croce 2076 (30135)
+39 041721127 , +39 0415241075 (fax), +39 0415209070
mkt.musei@comune.venezia.it
www.visitmuve.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

È noto come l’opera di Medardo Rosso (Torino 1858 - Milano 1928) sia considerata “instabile”, frutto di vibrazioni spazio-temporali che ne contraddistinguono la potente ma incerta presenza. L’artista fotografava le proprie sculture, la loro installazione e posizione nello spazio, “sigillava” infine con un’ulteriore fotografia l’intera sequenza, dando così testimonianza di come la fotografia appartenesse di diritto alla sua poetica.
Angelo Garoglio (1951), artista nato a Milano ma ormai torinese di adozione, facendo tesoro della ricerca e degli intenti di Rosso, ci mostra la “sua” visione, presentando al pubblico immagini di opere del grande maestro.
orario: 10 – 18 (biglietteria 10 – 17), fino al 31 ottobre; dal 1 novembre 10 – 17 (biglietteria 10 – 16) - chiuso lunedì
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: Intero: 8,00 euro
Ridotto: 5,50 euro
Ragazzi da 6 a 14 anni; studenti* da 15 a 25 anni; accompagnatori (max. 2) di gruppi di ragazzi o studenti; cittadini ultrasessantacinquenni; personale* del Ministero per i Beni e le Attività Culturali; titolari di Carta Rolling Venice; soci F.A.I.*
Gratuito
residenti e nati nel Comune di Venezia; membri I.C.O.M.; bambini da 0 a 5 anni; portatori di handicap con accompagnatore; guide autorizzate; interpreti turistici* che accompagnino gruppi; 1 gratuità o
vernissage: 13 ottobre 2012. ore 11.00 su invito
editore: SKIRA
curatori: Silvio Fuso, Matteo Piccolo
autori: Angelo Garoglio
genere: fotografia, arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa

È noto come l’opera di Medardo Rosso (Torino 1858 - Milano 1928) sia considerata “instabile”, frutto di vibrazioni spazio-temporali che ne contraddistinguono la potente ma incerta presenza. L’artista fotografava le proprie sculture, la loro installazione e posizione nello spazio, “sigillava” infine con un’ulteriore fotografia l’intera sequenza, dando così testimonianza di come la fotografia appartenesse di diritto alla sua poetica.
Angelo Garoglio (1951), artista nato a Milano ma ormai torinese di adozione, facendo tesoro della ricerca e degli intenti di Rosso, ci mostra la “sua” visione, presentando al pubblico immagini di opere del grande maestro.
Attraverso un itinerario di una trentina tra foto a colori e in bianco e nero - veri e propri “disegni di luce” - Garoglio indaga e approfondisce attraverso il filtro della sua fedele macchina fotografica due delle più famose opere di Medardo Rosso: Ecce puer e Madame X, quest’ultima considerata “figlia prediletta” dallo scultore e capolavoro donato insieme ad altri sette a Ca’ Pesaro nel 1914 in occasione della XI Biennale di Venezia.
Alla mostra, a cura di Silvio Fuso con Matteo Piccolo, si accompagna un volume monografico edito da Skira (Ginevra Milano, 2012).

La scelta di accostarsi agli esemplari di Rosso conservati nella Galleria Internazionale d’Arte Moderna di Ca’ Pesaro – decisione obbligata per Madame X di cui non esistono altri esempi – dà testimonianza dello “stimolo vivente” esercitato da un museo d’arte moderna su di un artista contemporaneo.
Le otto sculture di Medardo sono quindi ancora una volta protagoniste a Ca’ Pesaro, dove giunsero tutte assieme per volontà del loro autore, dopo la sua grande mostra alla Biennale del 1914. Per l’occasione la Sala 10 accoglie le due sculture riprese da Garoglio, proprio accanto alle sue foto.
Un modo per lasciare comprendere quanto l’arte riesca ancora oggi a trasmettersi da artista ad artista, da opera ad opera, da epoca ad epoca.

Sempre di Medardo, in concomitanza con la mostra, è inoltre possibile ammirare nella sala 2 della Galleria - dove normalmente sono esposte le sue opere, ora in sala 10 – Enfant juif, opera in cera del 1915 e recente acquisizione del museo ottenuta grazie ad un deposito a lungo termine da una collezione privata.

Angelo Garoglio nasce a Milano nel 1951 ma vive e lavora a Torino. Frequenta un corso di laurea in Architettura e a partire dal 1979 espone in spazi pubblici e privati in Italia, Francia, Germania, Irlanda, Liechtenstein e Svizzera. Ha successivamente collaborato con il poeta francese Yves Bonnefoy al volume Neuf Pierres, presentato a Parigi (2003), e ha tenuto mostre personali a Zurigo (2005), Milano (Per Medardo Rosso, 2008) e Torino (2008, 2011), al Triskel Arts Centre, di Cork in Irlanda e al Museo Archeologico di Firenze (2012).
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram