Antonio Luceri - In continuum 3118 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/07/2019
Per il compleanno di Frida Kahlo, regalati la sua nuova collezione beauty
17/07/2019
Nuova vita per il World Trade Center, che riparte con un Centro d’Arti Performative
16/07/2019
Riaperte al pubblico due delle piramidi più antiche d’Egitto
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva EX CONVENTO DEI TEATINI ​ Corso Vittorio Emanuele II Lecce 73100

Lecce - dal 18 al 28 ottobre 2012

Antonio Luceri - In continuum

Antonio Luceri - In continuum

 [Vedi la foto originale]
EX CONVENTO DEI TEATINI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Corso Vittorio Emanuele II (73100)
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Una nuova selezione di lavori, dal 2010 al 2012, nel segno di una continuità espressiva che vede Antonio Luceri rinnovare il proprio codice artistico tra immagini, segni, scritture…
orario: 10/13 e 17/20,30
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 18 ottobre 2012. h 19
ufficio stampa: ufficiostampa@ilraggioverdesrl.it
curatori: Toti Carpentieri
autori: Antonio Luceri
patrocini: Comune di Lecce, “Lecce candidata a Capitale Europea della Cultura 2019
genere: arte contemporanea, personale
web: www.ilraggioverdesrl.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Si intitola “In continuum” la personale di pittura di Antonio Luceri che sarà inaugurata giovedì 18 ottobre 2012, ore 19, presso il Salone delle feste nell’ex Convento dei Teatini di Lecce. Presenta l’artista il curatore Toti Carpentieri.
La mostra è organizzata da Il Raggio Verde edizioni in collaborazione con l’associazione E20 Cult ed è patrocinata dall’Amministrazione comunale di Lecce e rientra negli eventi a sostegno di Lecce capitale della Cultura Europea 2019.
In mostra dal 18 al 28 ottobre 2012 una accurata selezione degli ultimi lavori realizzati tra il 2010 e il 2012. Un itinerario nel segno di una continuità espressiva che vede Antonio Luceri rinnovare il proprio codice artistico continuando con la sua ricerca stilistica a guardare il proprio mondo, a sentire il proprio tempo.

“Dipingo i giorni, giorni della mia memoria per continuare a vivere”, scrive oggi Luceri in una sua opera, - si legge nel testo di presentazione di Toti Carpentieri nel catalogo editato per l’occasione da Il Raggio Verde edizioni. Egli individua, infatti, scrive ancora il curatore “una modalità che diviene subito habitus operandi nel costruire questi dipinti, che, nell’apparire e nell’essere pagine e frammenti di vita, ci offrono una molteplicità di centri d’attenzione e di riflessione, tra inserimenti, scritte, segnali direzionali, lettere, evidenti collages ed altrettanto leggibili lacerazioni, sequenze calligrafiche al limite della comprensione, figure, dripping e immagini. Sollecitando in noi, una sorta di riscoperta della pittura e delle sue forme, per il tramite di un’attenzione all’attualità, alla moda e al sociale, fatta di riferimenti che vanno dal manifesto della felliniana “La Strada”, alla riconoscibilità di James Dean e a quella di Michael Jackson, all’immagine del mitico TEX di Bonelli e Galleppini, alle foto ingiallite di una scolaresca che potrebbe essere anche la nostra, ad una croce che non ha ancora perduto gli uncini grondanti sangue, ai frammenti di notizie, di sport, di arte, e di sacralità perfino. Immagini talvolta ripetute e spesso riprese, non fosse altro che per la costruzione e l’esistenza di una sorta di regesto/campionario del tutto privato, al quale il pittore attinge, nella concretezza di quel che resta della memoria sublimata dal tempo e cancellata dalle nostre scelte e dagli eventi.
Note biografiche di Antonio Luceri
Antonio Luceri nasce a Martano nel 1939, e sin da giovanissimo mostra grande interesse all’arte. All’età di tredici anni si trasferisce con la famiglia a Roma, dove frequenta l’Accademia di San Giacomo, conseguendovi il diploma nel millenovecentocinquantotto. Nello stesso anno tiene la sua prima personale nella Galleria “Il Buco” ubicata nella vivacissima via Margutta, e successivamente disegna cartoons per “La Settimana Incom”. Assolto il servizio militare presso il Comando Militare di Piacenza, a ventidue anni si diploma topografo e due anni dopo sposa Claudia Forconi. E’ di quell’anno la sua personale a Palazzo Dentice di Accadia di Roma, iniziando così una sorta di tour espositivo che nei due quadrienni successivi lo avrebbe portato a Milano, Piacenza, Reggio Calabria, Palermo, riscuotendo ovunque consensi di pubblico e di critica, e ottenendo premi e riconoscimenti. Di quel periodo sono molti incontri con i protagonisti della cultura e dell’arte, da Giorgio De Chirico a Juliette Greco, a Eugenio Carmi, a Carla Accardi. Nel millenovecentosettantuno ritorna con la famiglia nel Salento, stabilendosi a Lecce. Di quell’anno sono le mostre nella Galleria “Settanta” di Lecce e  nelle Gallerie “La Barcaccia”  di Lecce e di Roma.Due anni dopo, all’apertura dell’Hotel President di Lecce, luogo caratterizzato da importanti presenze artistiche internazionali, al tempo stesso esempio di attenzione verso la contemporaneità dell’arte e di collezionismo intelligente,  lo troviamo nel ruolo di I° Barman, attività questa che gli consentirà negli anni successivi e fino al millenovecentottantatre altri incontri fondamentali, quali quelli con Claudia Cardinale, Giorgio Faletti, Luigi Vannucchi, e così via. Sempre nel millenovecentosettantatre ottiene il primo premio nella V^ Rassegna Nazionale d’Arte Contemporanea di Roma, mentre nell’anno successivo espone nella Galleria “Il Verrocchio” di Pescara, e appena l’anno dopo nella Galleria “Visual’arte” di Monte Erice in quel di Trapani.E’ proprio del millenovecentosettantacinque il suo divorzio da Claudia Forconi.Nello stesso anno la Panepinto Editore lo inserisce nel suo “Maestri contemporanei”, e subito dopo l’Antonio Lalli Editore pubblica la monografia “Antonio Luceri”. Nel millenovecentosettantotto espone presso la “Galleria del Babuino” a Roma, ricevendo il plauso di Renato Guttuso prodigo di consigli e suggerimenti. Dal millenovecentottanta a millenovecentottantaquattro le pareti della Galleria dell’Hotel President di Lecce, dove continua a svolgere la sua attività di I° Barman, lo vedono protagonista di periodici incontri finalizzati a  quella che egli stesso ama definire “la giusta e necessaria verifica del proprio lavoro”. Nel millenovecentottantacinque e nel millenovecentottantasette tiene due personali nella Galleria “Il Vesuvio” di Amsterdam, e nel millenovecentonovanta espone per la prima volta a Martano nel ….., sua città natale, per ritornarvi  solo dopo diciotto anni con una personale nel Palazzo Ducale. E’ del millenovecentonovantasei la sua personale alla Galleria “Contemporarte” di Rende in quel di Cosenza, mentre nel duemila espone nella Galleria “Modern” di Zurigo. Nel duemilaotto presenta nuova mostra nell’Hotel  President di Lecce e negli ultimi mesi del duemilanove quella nel Pomerio “Antica Dimora” di Martano. Con la personale di pittura “la figura il geto, il segno il colore – raccontarsi per immagini” espone a Martano e a Lecce. La partecipazione alla sezione leccese della Biennale di Venezia nel 2011 e alla Triennale d’Arte sacra al Museo Diocesano di Lecce nel 2012 sono gli eventi espositivi più recenti.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram