Maria Cristina Carlini - Opere 3074 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/06/2019
Tracce di assenza. All'Hotel Hilton Molino Stucky di Venezia le opere di Mimmo Catania
19/06/2019
Ad Alberto Angela la laurea honoris causa dell’Università Suor Orsola di Napoli
19/06/2019
Flaminia Bonciani e i colori degli anni ’80, al RUFA Space
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva FONDAZIONE STELLINE - PALAZZO DELLE STELLINE ​ Corso Magenta 61 Milano 20123

Milano - dal 28 novembre 2012 al 13 gennaio 2013

Maria Cristina Carlini - Opere

Maria Cristina Carlini - Opere
Maria Cristina Carlini, Giardino di pietra, 2008, particolare
 [Vedi la foto originale]
FONDAZIONE STELLINE - PALAZZO DELLE STELLINE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Corso Magenta 61 (20123)
+39 0245462111 , +39 0245462403 (fax)
fondazione@stelline.it
www.stelline.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La mostra “Maria Cristina Carlini. Opere” accolta in due importanti sedi dedicate all’arte contemporanea di Milano: la Fondazione Mudima, dal 28 novembre al 22 dicembre, e la Fondazione Stelline, dal 29 novembre fino al 13 gennaio, consente di ammirare il percorso artistico della scultrice. Infatti l’ampia rassegna a cura di Flaminio Gualdoni presenta opere monumentali e di medie dimensioni, lavori storici dagli anni ’80 e inediti.
orario: tutti i giorni dalle 10-18
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 28 novembre 2012. h 18
ufficio stampa: IRMA BIANCHI, CLP
curatori: Flaminio Gualdoni
autori: Maria Cristina Carlini
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La mostra “Maria Cristina Carlini. Opere” accolta in due importanti sedi dedicate all’arte contemporanea di Milano: la Fondazione Mudima, dal 28 novembre al 22 dicembre, e la Fondazione Stelline, dal 29 novembre fino al 13 gennaio, consente di ammirare il percorso artistico della scultrice. Infatti l’ampia rassegna a cura di Flaminio Gualdoni presenta opere monumentali e di medie dimensioni, lavori storici dagli anni ’80 e inediti.

Maria Cristina Carlini da sempre predilige il grés, col quale crea anche i bozzetti delle grandi sculture che poi realizza con i materiali a lei più consoni, quali l’acciaio corten, la resina, il legno di recupero, la lamiera, il ferro.
Nelle sale e nel cortile della Fondazione Mudima sono esposte opere significative di Maria Cristina Carlini, che comprendono sculture di grandi e medie dimensioni oltre a bozzetti e alcuni disegni su carta.
Di forte impatto sono gli inediti del 2012, realizzati appositamente per la mostra, con legno di recupero, fra cui una suggestiva installazione verticale alta 3 metri e un’opera creata in legno e ferro con sezioni orizzontali di tronchi; oltre a Chernobyl: alberi in ferro che testimoniano i danni dell’uomo sulla natura.
All’ingresso si è accolti da Soglia, un’imponente porta di quasi quattro metri in acciaio corten e resina; nelle sale interne sono presenti Alcatraz (cm175x160x120) realizzata con legno, chiodi e colore; Muro (cm 200x300x20) composto da diverse formelle in grès dall’aspetto ruvido e imperfetto, inframmezzate da muschio e l’installazione fortemente evocativa Stracci (cm 180x230x170) in cui i pezzi in grès con cuciture in ferro sono appesi a strutture che poggiano su un tappeto di terra scura. Sulle pareti sono esposti dittici e trittici prevalentemente in grès.

All’inaugurazione, martedì 27 novembre alle ore 18, Flaminio Gualdoni, autore della monografia “Maria Cristina Carlini” edita da Mudima, presenterà in anteprima il libro comprensivo di testi di critici nazionali e internazionali e di numerose fotografie delle principali opere della Carlini dagli anni ‘70 al 2012.

Nel suggestivo Chiostro della Magnolia della Fondazione Stelline di Milano spiccano le opere monumentali progettate per luoghi aperti, che stabiliscono un forte dialogo con i visitatori e con l’ambiente circostante.
L’essenziale Torre di Babele realizzata nell’estate 2012 (cm 260x150x75 legno, polistirolo, malta) crea con il monumentale Giardino di Pietra del 2008 (composto da 11 grandi elementi in acciaio rivestiti di resina bianca cm 310x600x1600), un legame che si percepisce nella cromia e nella struttura monolitica dei due lavori. Nel prato è adagiata Genesi del 2004 che, con i suoi quattro tondi in ferro colmi d’acqua dai quali emergono elementi in grès, istituisce con gli altri lavori un equilibrio tra forme e materiali.

Scrive Flaminio Gualdoni: “Quella dell’artista è una sfida, sfida al materiale a suscitare da se stesso e far affiorare in carattere determinante la propria qualità originaria, il proprio non essere altro che, comunque, materia, senza metamorfosi metafore abbigliamenti tradimenti travisamenti”.

Note biografiche
Maria Cristina Carlini inizia a lavorare il grès nei primi anni Settanta a Palo Alto in California, per poi esprimersi con l’utilizzo di diversi materiali quali il ferro, l’acciaio corten, il legno e la resina per sculture anche monumentali.
Il percorso artistico di Maria Cristina Carlini comprende mostre personali e collettive in numerose sedi pubbliche e private nazionali e internazionali.
In Italia fra le mostre più recenti si ricordano: il complesso monumentale di Palazzo Reale di Torino (2005) e il Museo Nazionale di Villa Pisani a Strà – Venezia (2005), l’Archivio di Stato di Roma (2006), la Biblioteca Nazionale di Cosenza (2008), La Corte dei Conti di Milano (2008), il Castello Aragonese a Reggio Calabria (2009) la Biennale Internazionale di Scultura al Castello di Racconigi (2010), l’Archivio della Scuola Romana (2011) e la recente personale tenutasi a Villa Recalcati a Varese (2012).
Diversi gli eventi all’estero da segnalare: Parigi e successivamente Madrid (2009) ospitano nelle vie dei loro centri storici le sue sculture monumentali. Nel 2010 una sua opera monumentale viene collocata in modo permanente davanti all’Ambasciata Italiana a Pechino, nella Città Proibita si inaugura una sua mostra personale e partecipa alla Biennale di Pechino. A Shanghai sono presentate due opere monumentali in concomitanza con la World Expo 2010. Espone inoltre a Denver nei campus universitari di Auraria e del Rocky Mountain College of Art+Design e in Francia sul lungomare di Cap D’Agde. A Miami nel 2011 una tra le sue maggiori opere monumentali, Icaro, inaugura il nuovo Parco della Scultura della Chiesa del Corpus Christi.
Sculture monumentali dell’artista sono collocate in permanenza presso i Musei Civici di Pesaro, l’Archivio Centrale dello Stato di Roma Eur, la Corte dei Conti di Milano, la nuova Fiera di Milano a Rho, a Parigi, Madrid, negli Stati Uniti a Denver e Miami e in Cina a Shanghai, Jinan, Tianjin e Pechino.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram