Angelo Monotti. Fotografo ticinese dell’Ottocento 3072 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/06/2019
In Germania, presso la Stadtgalerie Kiel, inaugurata la seconda tappa della mostra del Premio Fondazione Vaf
18/06/2019
Archy Art è il nuovo software per gestire gli archivi d’artista
18/06/2019
VALIE EXPORT vince il Roswitha Haftmann Prize 2019. Il premio alla sua ricerca coraggiosa
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUSEO CANTONALE D'ARTE ​ Via Canova 10 Lugano 6900

Lugano - dal 22 febbraio al 14 aprile 2013

Angelo Monotti. Fotografo ticinese dell’Ottocento

Angelo Monotti. Fotografo ticinese dell’Ottocento
MUSEO CANTONALE D'ARTE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Canova 10 (6900)
+41 0919104780 , +41 0919104789 (fax)
decs-mca@ti.ch
www.museo-cantonale-arte.ch
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Nata dalla collaborazione tra il Museo Cantonale d'Arte e l'Archivio di Stato del Cantone Ticino, l'esposizione propone una rivisitazione dell'opera di Angelo Monotti (Cavigliano, 1835-1915), pioniere della fotografia nel Ticino, attraverso sessantacinque stampe originali e ventiquattro ristampe eseguite a partire dalle lastre originali. Nella mostra sono stati integrati anche sei scatti di Valentino Monotti, figlio di Angelo e pure fotografo a cavallo tra il XIX ed il XX secolo
biglietti: free admittance
vernissage: 22 febbraio 2013. h 18
catalogo: in galleria. A cura di Marco Franciolli e Gianmarco Talamona
autori: Angelo Monotti
genere: fotografia, personale
email: benedetta.giorgi@ti.ch

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Angelo Monotti
Fotografo ticinese dell'Ottocento
Ala Est
Museo Cantonale d’Arte, Lugano
22 febbraio-14 aprile 2013
Ingresso libero
Inaugurazione: venerdì 22 febbraio 2013, ore 18.00
Orari: martedì 14-17, mercoledì-domenica e Lunedì di Pasqua 10-17, lunedì chiuso
Nata dalla collaborazione tra il Museo Cantonale d'Arte e l'Archivio di Stato del Cantone
Ticino, l'esposizione propone una rivisitazione dell'opera di Angelo Monotti (Cavigliano,
1835-1915), pioniere della fotografia nel Ticino, attraverso sessantacinque stampe originali
e ventiquattro ristampe eseguite a partire dalle lastre originali. Nella mostra sono stati
integrati anche sei scatti di Valentino Monotti, figlio di Angelo e pure fotografo a cavallo tra
il XIX ed il XX secolo.
L'esposizione prende le mosse dall'archivio di Angelo e Valentino Monotti, pervenuto sino a noi -
fatto eccezionale per un archivio fotografico ottocentesco - grazie alla sensibilità dei discendenti
dei Monotti. Depositato dal 2008 presso l'Archivio di Stato, dove è stato risanato e catalogato con il
sostegno di Memoriav. Esso è composto di quasi 2500 documenti fotografici, di cui oltre 600
attribuiti ad Angelo (222 negativi su vetro e 387 stampe) e circa 1800 al figlio Valentino.
La mostra permette di ripercorrere l'intera attività fotografica di Angelo Monotti. Egli si avvicina alla
fotografia a Livorno, città nella quale emigra come ebanista nel 1853. Dopo aver lavorato nello
studio di Giuseppe Marzocchini, nel 1860 apre il proprio atelier, dedicandosi prevalentemente alla
ritrattistica commerciale, di cui la mostra rende conto nella sua parte introduttiva, e facendo suoi i
canoni estetici della fotografia dell'epoca. Accompagnato da questo bagaglio tecnico e artistico, sul
finire degli anni Sessanta del XIX secolo ritorna a Cavigliano, dove nel 1874 apre uno studio,
conosciuto come la "Galleria" e dove opera sino alla sua scomparsa.
La produzione "ticinese" di Angelo Monotti si struttura attorno a tre assi principali, che si riflettono
anche nella struttura espositiva: i ritratti, le vedute di paesaggio e gli scatti dedicati alle opere
pubbliche realizzate nel Ticino sul finire dell'Ottocento, in particolare alla costruzione della strada
delle Centovalli. Proprio queste tre linee direttrici ci consentono di apprezzare sia le specificità
della produzione di Monotti sia gli elementi che al contrario lo accomunano ai suoi colleghi
contemporanei, inducendo diverse considerazioni sulla vita e sul ruolo del fotografo nella fase
"pionieristica" della fotografia.2
Il catalogo
Angelo Monotti. Fotografo ticinese dell'Ottocento
A cura di Marco Franciolli e Gianmarco Talamona
Archivio di Stato del Cantone Ticino e Museo Cantonale d'Arte, Edizioni dello Stato del Cantone
Ticino, 2013, pp. 123, CHF 20.00
La mostra ed il catalogo Angelo Monotti. Fotografo ticinese dell'Ottocento sono stati realizzati con
il sostegno di:
- Fondazione Ernst Göhner
- Fondazione Ing. Pasquale Lucchini
- Laboratorio cultura visiva, Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana
(SUPSI)
- Memoriav, Associazione per la salvaguardia del patrimonio audiovisivo svizzero.
- Percento culturale Migros Ticino
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram