Myriam Maier - Sculture in ceramica 3069 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
24/06/2019
A Lucca torna LuBi, la Biennale internazionale della carta. Aperte le iscrizioni per partecipare all’evento
22/06/2019
L'Adidas ha annunciato una capsule collection omaggio a Keith Haring
21/06/2019
La scuola di Twin Peaks verrà demolita a luglio
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva SPAZIO D'ARTE STELLANOVE ​ Via Stella 9 Mendrisio 6850

Mendrisio - dal 23 marzo al 21 aprile 2013

Myriam Maier - Sculture in ceramica

Myriam Maier - Sculture in ceramica
"nascita", 2013, grès, 34 x 22 x 19 cm
 [Vedi la foto originale]
SPAZIO D'ARTE STELLANOVE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Stella 9 (6850)
+41 793867556
dominiquerondez@bluewin.ch
www.stellanove.ch
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Le sculture in ceramica di Myriam Maier: una nuova stagione creativa
orario: gio: 15-19
sa: 10-17
do: 10-14
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 23 marzo 2013. ore 15.00
autori: Myriam Maier
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Nell’ambito della mostra Swiss Ceramics 2013, appuntamento organizzato dall’Associazione Ceramica Svizzera, che quest’anno inaugura al Museo di Mendrisio coinvolgendo anche alcune sedi espositive della regione, lo Spazio d’Arte Stellanove propone una mostra monografica della ceramista romanda Myriam Maier. Si tratta di sculture di piccole dimensioni modellate in grès oppure create al tornio e sottoposte a tecniche di affumicatura, che rappresentano una nuova tappa della continua ricerca e sperimentazione dell'artista.

"Della scultura di Myriam Maier conosciamo tanti volti e aspetti, e in tutti vi si legge la bellezza e il mistero della vita che prende corpo, che assume forme, che anima la materia. Le sue sculture evocano forme organiche sconosciute, esplorano i regni del possibile, raccontano forme di piante e animali che ancora aspettano di essere concepiti dalla fantasia del vivente. Forme che evocano il passato ma vengono dal futuro. Che parlano di ere sommerse e di regni a venire, come se tra Myriam e madre natura vi fosse un’intesa tacita, segreta. Tuttavia, di fronte alle nuove opere di Myriam, si ha la percezione di una nuova stagione creativa. Dopo il farsi strada nella materia, ecco che l’immaginazione si libera in una dimensione ludica. Carpite le leggi della natura, appresi i processi della formazione e della crescita, Myriam Maier, con le sue “trottole sonanti” riscopre la libertà e il piacere del gioco. Ma è un gioco sublimato nella sua essenza, evocato nella forma estetica, in questi “non-oggetti”, in queste trottole che non sono trottole ma restano simulacri scherzosi, ammiccanti e allusivi." Marta Pellis, febbraio 2013, tratto dal catalogo "Myriam Maier, sculture in ceramica 2011-2013".

Notizie biografiche
Myriam Maier nasce nel 1966 a Neuchâtel e vive tra Ginevra e Nyon fino al 1991, anno in cui si trasferisce in Ticino e dove tutt’ora risiede. Studia lingue e letterature straniere presso lo IULM e lingue orientali presso la civica scuola di Milano. Il suo interesse per la scultura figurativa nasce sin dagli anni ottanta, ma a partire dal 1995, decide di dedicarsi alla ceramica in modo professionale. Nei primi anni del 2000 avviene il suo incontro con il maestro Christian Coissieux, che conosce presso la scuola AGIR Céramique, in Francia. Apprende le tecniche artigianali del tornio, della cottura e degli smalti, allargando via via la sua ricerca al grès e ad altre tecniche sperimentali di cottura. Nel 2002 apre a Mendrisio l’Atelier di Ceramica, uno spazio espositivo con laboratorio dove sviluppa la sua ricerca, insegna ceramica a bambini e adulti e organizza con altri ceramisti alcune mostre collettive. Dal 2009 l’Atelier di Ceramica si è trasferito a Morbio Inferiore. Dal 2003, la sua ricerca plastica si orienta verso forme astratte “organiche”, ispirate ai regni della natura e perciò “viventi”, fortemente evocative e sensuali. Espone regolarmente i suoi lavori, e le sue opere fanno parte di collezioni private e pubbliche (collezione di Belle Arti del Canton Ticino, collezione dell’Ospedale OBV a Mendrisio). www.universceramique.com
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram