Fabrizio Cicconi - Una città in movimento. Reggio Emilia, 2003-2004 3081 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/06/2019
In Germania, presso la Stadtgalerie Kiel, inaugurata la seconda tappa della mostra del Premio Fondazione Vaf
18/06/2019
Archy Art è il nuovo software per gestire gli archivi d’artista
18/06/2019
VALIE EXPORT vince il Roswitha Haftmann Prize 2019. Il premio alla sua ricerca coraggiosa
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PALAZZO MAGNANI ​ Corso Giuseppe Garibaldi 29 Reggio Nell'emilia 42100

Reggio Nell'Emilia - dal 22 luglio al 15 agosto 2004

Fabrizio Cicconi - Una città in movimento. Reggio Emilia, 2003-2004

Fabrizio Cicconi - Una città in movimento. Reggio Emilia, 2003-2004
PALAZZO MAGNANI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Corso Giuseppe Garibaldi 29 (42100)
+39 0522454437 , +39 0522444436 (fax)
info@palazzomagnani.it
www.palazzomagnani.it.
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Le foto a colori di Fabrizio Cicconi (Reggio Emilia, 1964), uno dei più interessanti fotografi italiani di ritratti, forniscono indizi sul carattere e sullo stato d'animo delle persone cogliendo il linguaggio dei volti e dei corpi, e degli abiti che indossano, e attraverso l'atteggiamento con cui si pongono davanti all'obiettivo della macchina fotografica.
orario: 10.00 – 13.00; 15.00 – 19.00. Apertura serale: giovedì, venerdì, sabato e domenica, 21.00-23.00. Lunedì chiuso
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 22 luglio 2004.
catalogo: Euro 15 in mostra; Euro 20 in libreria
editore: SKIRA
autori: Fabrizio Cicconi
genere: fotografia, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Le sale al piano terra di Palazzo Magnani ospitano, dal 22 luglio al 15 agosto, la mostra Fabrizio Cicconi. Una città in movimento. Reggio Emilia, 2003-2004 che presenta 50 ritratti di persone che fanno muovere autobus e treni dell'Azienda Consorziale Trasporti (ACT) della provincia reggiana e che li utilizzano per i loro spostamenti.
L’iniziativa è promossa da ACT con il patrocinio della Provincia e del Comune di Reggio Emilia e con il contributo della Fondazione Pietro Manodori e di CCPL Reggio Emilia.
Le foto a colori di Fabrizio Cicconi (Reggio Emilia, 1964), uno dei più interessanti fotografi italiani di ritratti, forniscono indizi sul carattere e sullo stato d'animo delle persone cogliendo il linguaggio dei volti e dei corpi, e degli abiti che indossano, e attraverso l'atteggiamento con cui si pongono davanti all'obiettivo della macchina fotografica. Questa tensione antropologica e sociologica del reportage-inchiesta di Cicconi si ricollega idealmente al grande progetto di ricerca che impegnò August Sander in Germania. Le persone sono sempre al centro della composizione, talvolta viste in rapporto con la macchina e il mezzo di trasporto, e spesso collocate all'interno di una suddivisione geometrica dello spazio visivo, quasi sempre andando alla scoperta di rime tra colori degli abiti indossati e colori di autobus, treni e motori.
In occasione della mostra viene pubblicato un catalogo, edito da Skira, con la riproduzione delle immagini in mostra e testi di Marco Bianchini, Paolo Rodighiero, Lorenzo Ponti, Sarah Grugnetti e Sandro Parmiggiani. Nella sala video di Palazzo Magnani verrà proiettato un video, per la regia di Marco Scalfi, che è una sorta di viaggio nel backstage durante il reportage fotografico di Fabrizio Cicconi.
L'inaugurazione della mostra si terrà giovedì 22 luglio, alle ore 21, nel cortile interno di Palazzo Magnani, con l'intervento, tra gli altri, di Sonia Masini, Presidente della Provincia, di Graziano Delrio, Sindaco di Reggio Emilia e di Marco Bianchini, Presidente di ACT.
Fino al 15 agosto rimarrà anche aperta la mostra EDWARD CURTIS. L’eredità degli Indiani d’America, allestita al primo piano di Palazzo Magnani, che presenta – per la prima volta in Italia - 150 fotografie originali, provenienti dalla più importante collezione privata americana, del fotografo che documentò tra la fine dell’Ottocento e i primissimi anni del Novecento, i volti di capi-tribù e di semplici uomini e donne, la vita quotidiana, gli ultimi villaggi degli Indiani d’America, quello che restava di un popolo e di una civiltà che stavano per scomparire.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram