Gian Paolo Barbieri - Dark memories 3082 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
A Roma riapre al pubblico il Ninfeo degli Specchi al Palatino
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva SOTHEBY'S - PALAZZO SERBELLONI ​ Corso Venezia 16 Milano 20121

Milano - dal 5 al 20 giugno 2013

Gian Paolo Barbieri - Dark memories

Gian Paolo Barbieri - Dark memories
SOTHEBY'S - PALAZZO SERBELLONI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Corso Venezia 16 (20121)
+39 02295001 , +39 0229518595 (fax)
www.sothebys.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

In esposizione circa 50 fotografie dell’artista datate dal 2000 ad oggi dedicate al nudo. La mostra avrà luogo in concomitanza con l’uscita del volume edito da Skira Gian Paolo Barbieri - Dark Memories, (testi di Maurizio Rebuzzini e Nikolaos Velissiotis)
orario: dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18.
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 5 giugno 2013.
editore: SKIRA
autori: Gian Paolo Barbieri
note: Si sconsiglia la visita alla mostra ai minori di 14 anni.
genere: fotografia, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Sotheby's Milano e Gian Paolo Barbieri insieme per la mostra fotografica Dark Memories, a Palazzo Broggi dal 5 al 20 giugno 2013.
In esposizione circa 50 fotografie dell’artista datate dal 2000 ad oggi dedicate al nudo. La mostra avrà luogo in concomitanza con l’uscita del volume edito da Skira Gian Paolo Barbieri - Dark Memories, (testi di Maurizio Rebuzzini e Nikolaos Velissiotis), da cui l’estratto: Lungo è stato l’approccio di Barbieri alla foto del nudo. Lungo e profondamente pensato. Nella sua trilogia di libri sui Tropici aveva sperimentato il tema. Ma questi esperimenti non lo appagavano: la paura della volgarità, la voglia di descrivere un mondo secondo la sua personale concezione che deve “nobilitare” anche la scena più violenta, lo studio di una tecnica adatta erano problemi che per anni hanno occupato la sua mente. Il corpo umano, e il sesso, sono manifestazione esuberante della natura. Così al fotografo spetta il piacere di descriverlo in tutte le sue espressioni, che sono assolutamente naturali, senza perversione, perché la natura stessa, senza vergogna alcuna, si esprime attraverso il corpo e il sesso.
I nudi di Barbieri risultano naturali, immediati, reali, gioiosi, in una purezza e semplicità sconvolgente. Nelle sue foto esiste insieme l’approccio preistorico al corpo umano, la volontà estetica della bellezza classica ellenica, il ritrovamento rinascimentale della libertà. Tutto questo raccontato con una superba tecnica “in studio”.
Così la serie di nudi Dark Memories è un inno a questa esuberanza di natura in tutte le sue forme. Senza falsi pudori, senza paure di banalità, giocando con la felicità e l’innocenza di un bambino sopra quella esile linea rossa che non ha mai diviso, con un taglio deciso, l’arte cosiddetta pura da quella inquinata, la poesia dalla volgarità, il sacro dal profano.
Maurizio Rebuzzini insegna Storia della fotografia all’Università Cattolica di Milano. Nikolaos Velissiotis è un produttore musicale, appassionato d’arte e collezionista.
Gian Paolo Barbieri
Nasce a Milano nel 1938 in una famiglia di commercianti di tessuti, impara fin da giovanissimo l’arte di conoscere le stoffe, che gli tornerà utilissima nella sua professione di fotografo di moda. Negli anni dell’adolescenza sono però altri i luoghi che lo attraggono: i teatri, innanzitutto, che alimentano ed esaltano la sua vena fantastica. In seguito scopre il cinema, che si rivelerà la passione di un’intera esistenza. Per assecondare questa passione nel ’62 si trasferisce a Roma. Per campare, nel frattempo, sviluppa e stampa le fotografie che scatta a stelline e aspiranti divi. Ma dura poco. Il caso lo porta altrove, a Parigi, dove lavora come assistente tuttofare del fotografo Tom Kublin. Ed è quell’esperienza di due “disperatissimi” mesi a catapultarlo verso il mondo della fotografia.
Il settimanale “Stern” lo inserisce tra i quattordici migliori fotografi di moda nel panorama internazionale.
Fondamentale tappa del suo iter è l’esperienza con Vogue Italia e con i più grandi stilisti come Valentino, Versace, Ferrè, Armani, Yves Saint Laurent e Dolce & Gabbana.

Esposizione aperta al pubblico dal 5 al 20 giugno 2013 dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18.

Si sconsiglia la visita alla mostra ai minori di 14 anni.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram