Fabrizio Prevedello - A Guilmi non piove mai 3101 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
25/06/2019
Quattro residenze per il nuovo bando di CURA 2020
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GUILMIARTPROJECT ​ Via Italia 30 Guilmi 66050

Guilmi (CH) - dal 13 al 23 agosto 2013

Fabrizio Prevedello - A Guilmi non piove mai

Fabrizio Prevedello - A Guilmi non piove mai
Fabrizio Prevedello, A Guilmi non piove mai, 2013
 [Vedi la foto originale]
GUILMIARTPROJECT
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Italia 30 (66050)
guilmiartproject@gmail.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Fabrizio Prevedello (residente a GuilmiArtProject tra luglio e agosto 2013) solitamente si confronta con i materiali nobili del territorio apuano. A Guilmi (Ch)interviene su un elemento dell’insediamento urbano rendendo manifesta l’arroganza di certi gesti e l’impermanenza di alcuni materiali.
orario: tutti i giorni 00.00 - 24.00
e 16.00 - 20.00
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 13 agosto 2013. h 17.30
curatori: Federico Bacci, Lucia Giardino
autori: Fabrizio Prevedello
patrocini: Comune di Guilmi
note: Doppia sede, interno ed esterno
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Nel 2013 e per il secondo anno consecutivo GuilmiArtProject inaugura due residenze parallele con ospiti che operano nello stesso campo, ma con modalità distinte. A partire dalla fine di luglio a Guilmi ci saranno infatti Fabrizio Prevedello, scultore di formazione e di pratica impeccabile e Pietro Gaglianò, critico e curatore, attento osservatore della contemporaneità e conoscitore della cultura visiva e dei suoi linguaggi. Nel breve periodo di permanenza in paese, l’istinto e la sagacia permetteranno loro di lasciare una traccia sul luogo e modificarne la percezione.

Dopo una ricognizione in paese a maggio 2013, Fabrizio Prevedello decide di instaurare una relazione non pacificata, una simbiosi non compatibile, con un elemento forte del panorama urbano guilmese di cui manifesterà l’impermanenza e la struttura corruttibile, palese a chi non si ferma alla visione miope delle cose. Da qui il titolo del suo progetto di residenza, A Guilmi non piove mai che se inteso superficialmente rimanda all’ovvietà di constatazioni banali, ma in prospettiva e nella specifica del luogo, rivela la puntualità di una nervatura salda, che ne determina il senso.
A contrappunto virtuoso del suo operato esterno Fabrizio Prevedello presenterà alcuni video che documentano parte di una produzione precedente dove il marmo parla col marmo senza frizioni di materiali incongruenti. Nel corpus dell’artista gli Innesti hanno un afflato lirico e riconciliato, inserendosi idealmente nel solco della tradizione di derivazione romantica.
Le opere sanno presentate a fine residenza, il 13 agosto 2013.
L’intervento esterno rimarrà visibile fino al suo dissolvimento.
Le opere video saranno visitabili dal 13 al 23 agosto 2013.

GuilmiArtProject è un programma di residenza artistica a cadenza annuale nel comune di Guilmi (Ch), a cura di Federico Bacci e Lucia Giardino. La scelta degli ospiti del 2013 si è indirizzata verso l’artista visivo Fabrizio Prevedello (Padova, 1972) e Pietro Gaglianò (Vibo Valentia, 1975). Completeranno l’articolazione del programma annuale, una serie di eventi paralleli, workshop ed incontri con Emanuela Ascari, Alessandro Carboni, Francesco Eppesteingher ed Enzo Sivillo Fascetto.

Fabrizio Prevedello (Padova, 1972), scultore di formazione, residente nel luogo ideale delle apuane, mischia in maniera virtuosa materiali quali marmi, ferri, ardesia, cemento, facendo emergere da questi le contraddizioni dell’intervento umano su quello naturale. Lasciandoci irretire dall’asciutezza e dall’efficacia del suo linguaggio che ritiene una poeticità estrema, abbiamo invitato Fabrizio a rileggere i nostri paesaggi ed i suoi insediamenti con gli occhi di chi è abituato a ben altri tipi di monti e di costruzioni, rispetto a quelli abruzzesi. Una selezione di recenti mostre include la sua presenza a Casabianca con Alessandra Andrini, Luca Bertolo e Chiara Camoni, Zola Predosa (Bo), 2013. Per il 2012 ricordiamo la personale Verde, a cura di Ilaria Mariotti, galleria Cardelli & Fontana, Sarzana (SP); Artisti in residenza col gruppo Laboratorio ospitato da Luigi Presicce, MACRO, Roma; Storytellers, a cura di Caterina Benvegnù, Superfluo Project, Padova. Nel 2011 prende parte, tra le altre, a Meriggio a Carignano, a cura Ludovico Pratesi, Villa al Console, Carignano (Lucca); Sei gradi di separazione, a cura di Ilaria Mariotti, Centro Espositivo Villa Pacchiani, S. Croce sull’Arno (PI); Azimuth Dolomiti Contemporanee - Laboratorio d’arti visive in ambiente, a cura di Alice Ginaldi, Sospirolo (BL); la personale Fa un po' freddo ma non preoccuparti, a cura di Luigi Presicce, Brown Space Project, Milano.
http://www.cardelliefontana.com
http://fabrizioprevedello.com/


 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram