Piero Cattaneo - La costruzione della forma 3058 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva SEDI VARIE ​ Bergamo 24122

Bergamo - dal 5 ottobre al 10 novembre 2013

Piero Cattaneo - La costruzione della forma
[leggi la recensione]

Piero Cattaneo - La costruzione della forma
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
SEDI VARIE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
(24122)
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Le opere di Cattaneo, allievo di Achille Funi, invadono la città di Bergamo: una mostra “aperta” in un percorso a tappe fra interni ed esterni che coinvolge Città Alta e Bassa con più sedi espositive: GAMeC, Palazzo della Ragione nel cuore di Piazza Vecchia, Palazzo della Provincia e la Scuola dell’Accademia Carrara di Belle Arti
vernissage: 5 ottobre 2013.
catalogo: in galleria.
editore: ALLEMANDI
ufficio stampa: ADICORBETTA
curatori: Marcella Cattaneo, Claudio Cerritelli
autori: Piero Cattaneo
note: sedi principali: GAMeC, Palazzo della Ragione, Palazzo della Provincia, Scuola dell’Accademia Carrara di Belle Arti
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Piero Cattaneo. La costruzione della forma.
Itinerari di ricerca tra disegno, pittura e scultura
Le opere di Cattaneo, allievo di Achille Funi, invadono la città di
Bergamo: una mostra "aperta" in un percorso a tappe fra interni
ed esterni che coinvolge Città Alta e Bassa con più sedi
espositive: GAMeC, Palazzo della Ragione nel cuore di Piazza
Vecchia, Palazzo della Provincia, l’Accademia Carrara di Belle
Arti e Fondazione Adriano Bernareggi.
a cura di Marcella Cattaneo e Claudio Cerritelli
BERGAMO
5 ottobre – 10 novembre 2013
sedi principali: GAMeC, Palazzo della Ragione, Palazzo della
Provincia, Accademia Carrara di Belle Arti, Fondazione Adriano
Bernareggi.
In occasione del decennale della scomparsa dello scultore Piero
Cattaneo (1929 – 2003), l’Associazione a lui dedicata celebra l’opera
del Maestro attraverso un grande evento espositivo che coinvolge
tutta la città di Bergamo.
La mostra ripercorre le tappe principali del lavoro dell’artista per far
emergere i tratti che lo hanno reso, insieme alla sue opere, uno dei
più significativi esponenti della storia artistica di Bergamo e
protagonista della scultura lombarda e nazionale della seconda metà
del XX secolo.
Le opere di Cattaneo testimoniano una ricerca formale tra le più
peculiari della seconda metà del Novecento: partito da tratti
naturalistici, il suo linguaggio è divenuto sempre più simbolico sino ad
approdare, alla fine degli anni Sessanta, alle originali soluzioni
plastiche che meglio contraddistinguono la sua fisionomia.
In mostra, documenti privati e inediti illustrano sia la produzione
d’esordio di Cattaneo ancora in bilico tra pittura, grafica e scultura, sia
le grandi opere bronzee realizzate con la tecnica della fusione a cera
persa, così come gli interventi urbani e di carattere ambientale di
grande impatto.
Per la prima volta Bergamo dedica a un artista del '900 una mostra
“aperta” e diffusa in più luoghi del tessuto urbano: Città Alta e Città
Bassa faranno da quinta scenografica alle opere di Piero Cattaneo in
un interessante percorso a tappe tra interni ed esterni per accogliere i
diversi momenti creativi della ricerca artistica di Cattaneo: dalla
produzione plastica a quella pittorica, dalla grafica alla medaglistica.
Cinque le sedi scelte per dare risalto alla diverse forme espressive
dell’indagine dell’artista: un luogo espositivo museale, la GAMeC,
Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo, uno
spazio pubblico, il porticato sottostante Palazzo della Ragione nel
cuore di Città Alta, l’ottocentesco portico di Palazzo della Provincia,
primo palazzo pubblico realizzato nel cuore finanziario e commerciale
di Bergamo dopo l’Unità d’Italia, l’Accademia Carrara di Belle Arti e
la Fondazione Adriano Bernareggi.le sedi espositive
. GAMeC – Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo
Presso la GAMeC, lo spazio espositivo ParolaImmagine ospiterà la mostra. Per la prima volta viene presentato al pubblico
un percorso pittorico che, dai primi anni Cinquanta, si inoltra sino alle composizioni in pastiglia e acrilico degli anni Settanta.
Da un linguaggio ancora figurativo e postcubista per approdare a tavole materiche che già si nutrono di quella ricerca formale
propria dell’artista in età matura: impronte di oggetti “casuali” formano nel gesso un tessuto linguistico formale in aperto
dialogo con l’opera bronzea. Sulla tecnica artistica di Cattaneo verranno dedicati alle scuole specifici laboratori didattici per
tutta la durata della mostra e in occasione di Bergamo Scienza (4 ottobre – 20 ottobre 2013).
. Palazzo della Ragione
Il più antico palazzo comunale italiano, risalente alla fine del XII secolo, accoglie nella sua struttura pianterrena, nel
suggestivo porticato aperto, un allestimento di grande impatto visivo affidato allo studio d’architettura Giavarini: in un percorso
all’aperto vengono esposte le prime realizzazioni in bronzo di Cattaneo ottenute con il complesso processo della fusione a
cera persa creando un sinfonia di rimandi stilistici di profondo fascino.
. Palazzo della Provincia
Nel cortile interno dell’ottocentesco palazzo il porticato, segnato da colonne di granito bianco, ospita in ogni campata una
scultura in bronzo di Piero Cattaneo. Il nucleo scultoreo esposto riflette l’operosità e l’ingegno del progresso umano.
. Accademia Carrara di Belle Arti
Al suo interno una sezione dedicata all’apprendistato accademico del giovane Cattaneo con una selezione di studi realizzati
in quelle stesse aule sotto la direzione di Achille Funi nel 1947.
. Fondazione Adriano Bernareggi
La Fondazione diviene occasione per riflettere sul rapporto singolare e autentico dell’artista con la tematica sacra, soggetto
con il quale Cattaneo si è sempre confrontato nel tempo; nello specifico nel museo troveranno sede alcuni lavori
particolarmente significativi eseguiti nei primi anni della sperimentazione stilistica e formale dell’artista, con una varietà
sorprendente di materiali e di linguaggi e già di grande intensità plastica.
in giro per la città
La mostra propone tracciati guidati nel tessuto urbano alla scoperta di opere scultoree di natura ambientale e di difficile
accessibilità:
Concetto di liberalità, Credito Bergamasco; Urbana III, Borgo Palazzo; Opus pro Dino Sestini, SIAD; Altare Matris
Domini, Chiesa del Monastero Matris Domini; Tabernacolo, Cappella della “Fondazione Casa di Ricovero Santa Maria
Ausiliatrice ONLUS”.
Nel Cimitero Civico, grande museo all’aperto, vengono organizzate visite guidate ai numerosi e singolari interventi plastici
del Maestro.
il catalogo
La mostra è supportata da un catalogo di taglio storiografico edito da Allemandi & C., Torino. Per la prima volta viene
studiato e valorizzato il lavoro dell’artista attraverso una raffinata e precisa ricognizione storico-artistica. La monografia è
arricchita da documenti privati e inediti e da una nuova campagna fotografica appositamente realizzata che propone l’opera di
Cattaneo attraverso un’ambientazione il più possibile neutra e uniforme.Piero Cattaneo. La costruzione della forma.
Itinerari di ricerca tra disegno, pittura e scultura
a cura di Marcella Cattaneo e Claudio Cerritelli
dal 5 ottobre al 10 novembre 2013
Bergamo, varie sedi
inaugurazione: sabato 5 ottobre 2013
catalogo Umberto Allemandi & C., Torino
Associazione Piero Cattaneo www.pierocattaneo.it
per informazioni e materiale fotografico:
adicorbetta
press@adicorbetta.org
skype: adicorbettapress
adicorbetta
t.+39 02 89053149
corso Magenta 10 . 20123 Milano
biografia
Piero Cattaneo (1929-2003), scultore, pittore, illustratore e medaglista nasce a Bergamo nel 1929, dove frequenta i corsi
all’Accademia Carrara di Belle Arti di Bergamo sotto la guida del Maestro Achille Funi. Nel 1952 inaugura la sua prima
personale alla Galleria della Rotonda di Bergamo diretta da Nino Zucchelli e, negli anni successivi, è presente in mostre
collettive nazionali. Nel 1957 aderisce, invitato, al “Gruppo Bergamo” costituito da affermati artisti di livello nazionale,
rappresentandone la forza più giovane. Con il “Gruppo Bergamo” partecipa alla celebre mostra alla Galleria San Fedele di
Milano, esposizione che riscuote unanimi consensi. A partire dagli anni Sessanta, Cattaneo indirizza il proprio interesse verso
la complessa tecnologia della fusione in bronzo, approntando un apposito forno per la realizzazione di bronzi a cera persa:
nel 1967 arrivano i primi risultati, frutto di una tecnica totalmente rivista e di una oculata messa a punto dei procedimenti e dei
materiali. Nel 1969 allestisce una importante mostra alla “Galleria Cortina” di Milano presentata da Franco Russoli. Negli anni
successivi si succedono numerose sia le mostre personali sia le partecipazioni a mostre collettive. Nel 1982 esegue il
monumentale affresco nella chiesa di Albegno – Treviolo (Bergamo) dove realizza anche l’altare, l’ambone e il fonte
battesimale. A metà degli anni Ottanta risalgono notevoli interventi a carattere pubblico e monumentale nella città natale: dalla
fontana “Urbana III”, al grande rilievo bronzeo (8 metri) e la scultura “Opus pro Dino Sestini” per la SIAD di Bergamo, fino a
“Espansione”, bronzo commissionato dal Credito Bergamasco. All’età di 73 anni muore a Bergamo, lasciando testimonianza
della sua lunga e significativa attività attraverso numerose opere conservate presso collezioni private, istituzioni pubbliche e
musei italiani.
L'Associazione Piero Cattaneo, costituitasi il 14 gennaio 2010 come organismo senza fini di lucro, nasce con l'intento di
promuovere la figura dello scultore Cattaneo la cui ricerca artistica si è imposta nel panorama delle arti visive del XX secolo
per un singolare e ricercato linguaggio di ascendenza informale. Divulgare la conoscenza dell'esperienza artistica dello
scultore in relazione anche al contesto storico culturale in cui ha operato è lo scopo principale dell'Associazione a lui intitolata
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram