Giuseppe Scalarini (1873 - 1948). Il segno intransigente. Grafica politica, satira, illust... 3072 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/06/2019
L'Adidas ha annunciato una capsule collection omaggio a Keith Haring
21/06/2019
La scuola di Twin Peaks verrà demolita a luglio
21/06/2019
Valentino Catricalà è il direttore della sezione arte di Maker Faire Roma
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUSEO DEL NOVECENTO ​ Piazza Del Duomo Milano 20122

Milano - dal 14 novembre 2013 al 9 marzo 2014

Giuseppe Scalarini (1873 - 1948). Il segno intransigente. Grafica politica, satira, illustrazione

Giuseppe Scalarini (1873 - 1948). Il segno intransigente. Grafica politica, satira, illustrazione
MUSEO DEL NOVECENTO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Del Duomo (20122)
+39 0288444061
c.museo900@comune.milano.it
www.museodelnovecento.org
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Si presentano in mostra oltre centosessanta oggetti, di cui decine di disegni originali, documenti d’archivio, periodici e volumi d’epoca conservati sia presso gli eredi dell’artista, sia in raccolte pubbliche, allestiti entro un percorso tematico intrecciato a sezioni biografiche e cronologiche. I disegni originali si rivelano come vere e proprie costruzioni e assemblaggi stratificati, composti sia da parti tracciate a china direttamente sul foglio, sia da elementi anch’essi disegnati ma inseriti a collage o estratti dall’alfabeto iconico dell’artista.
orario: lunedì 14.30 – 19.30
martedì, mercoledì, venerdì e domenica 9.30 – 19.30
giovedì e sabato 9.30 – 22.30
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: intero 5 euro
ridotto 3 euro (studenti universitari,
over 65, dipendenti comunali)
vernissage: 14 novembre 2013. su invito
editore: ELECTA
curatori: Giovanna Ginex
autori: Giuseppe Scalarini
genere: arte moderna e contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La mostra è dedicata all’opera di Giuseppe Scalarini, illustratore attivo dagli ultimi anni dell’Ottocento e tra i massimi disegnatori politici del Novecento.
Si presentano in mostra oltre centosessanta oggetti, di cui decine di disegni originali, documenti d’archivio, periodici e volumi d’epoca conservati sia presso gli eredi dell’artista, sia in raccolte pubbliche, allestiti entro un percorso tematico intrecciato a sezioni biografiche e cronologiche. I disegni originali si rivelano come vere e proprie costruzioni e assemblaggi stratificati, composti sia da parti tracciate a china direttamente sul foglio, sia da elementi anch’essi disegnati ma inseriti a collage o estratti dall’alfabeto iconico dell’artista.
Il taglio critico e il percorso espositivo propongono per la prima volta uno sguardo completo sulla produzione dell’artista, e al contempo una riflessione sul delicato rapporto tra arte, grafica politica e censura.

Noto finora soprattutto come autore delle vignette comparse quotidianamente ne l’“Avanti!” dal 1911 al 1925, Scalarini nasce il 29 gennaio 1873 a Mantova dove ha luogo la sua prima formazione come disegnatore tecnico. Il rigore del segno, assimilato nell’apprendimento ed esercizio del disegno tecnico, e il rigore morale dell’uomo, resteranno caratteristiche della sua grafica e dell’intera sua vicenda umana.
Il giovane manifesta un precoce interesse per l’arte e il disegno, saggiando fin dagli anni Novanta le diverse possibilità che si offrivano, in Italia e all’estero, nel campo dell’illustrazione e del giornalismo. Frequenta inoltre i corsi delle accademie di Belle Arti di Firenze e di Venezia, documentandosi sulla coeva grafica satirica francese e tedesca.
Nel 1896 fonda a Mantova il “Merlin Cocai”, un foglio satirico di attualità politica e locale, legato al socialismo d’area radicale. Proseguendo da Milano l’attività di disegnatore, nei disegni d’esordio è ancora influenzato dal “pupazzettismo” maturando ben presto in un segno originale, attraverso la collaborazione a decine di testate, in Italia, in Austria e in Germania, Paesi dove risiede per qualche anno all’inizio del Novecento. In mostra sono documentate le collaborazioni di questi anni ai periodici satirici “Italia ride” di Bologna, “Lustige Blätter” di Berlino, “Fliegende Blätter” di Monaco, e il “Pasquino” di Torino.
Il 4 ottobre 1911 Scalarini entra nella redazione dell’”Avanti!”; l’ingresso al quotidiano socialista rappresenta per l’artista il raggiungimento delle sue aspirazioni come disegnatore e come socialista. È l’inizio di una collaborazione quotidiana nella veste di giornalista redattore, che continuerà costante fino al 10 gennaio 1926 con disegni - oltre 3700 vignette pubblicate - e con testi. Non interrompe, inoltre, la collaborazione con altre testate, tra cui la nuova serie de “L’Asino”.
Scalarini tocca temi universali e tuttavia di stringente attualità: la guerra - combattuta con un radicale antimilitarismo che non ammetteva eccezioni -, la voracità del capitalismo, il potere temporale della Chiesa, e più nel dettaglio lo squadrismo fascista, la monarchia imbelle. Scalarini è sorvegliato dalle autorità di polizia italiane e tedesche fin dalla metà degli anni Novanta; sarà perseguitato durante il fascismo subendo il confino, e soppressa nel 1925 la stampa socialista, costretto a lavorare in incognito o sotto pseudonimi diversi. L’inconfondibile firma a rebus scalariniana ricomparirà dopo la Liberazione su diverse testate.
L’artista muore a Milano il 30 dicembre 1948.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram