Nanda Vigo lights forever 3065 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/06/2019
È morto Philippe Zdar dei Cassius
19/06/2019
Tracce di assenza. All'Hotel Hilton Molino Stucky di Venezia le opere di Mimmo Catania
19/06/2019
Ad Alberto Angela la laurea honoris causa dell’Università Suor Orsola di Napoli
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GALLERIA ALLEGRA RAVIZZA ​ Via Nassa 3a Lugano 6900

Lugano - dal 5 dicembre 2013 al 31 gennaio 2014

Nanda Vigo lights forever

Nanda Vigo lights forever
Nanda Vigo, Genesis light, 2006, cristallo nero e neon rosso, diam. esterno cm 85, interno cm 11
 [Vedi la foto originale]
GALLERIA ALLEGRA RAVIZZA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Nassa 3a (6900)
2° Piano
art@allegraravizza.com
www.allegraravizza.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La mostra presentata presso la Galleria Allegra Ravizza è un omaggio all'attività artistica di Nanda Vigo degli ultimi 50 anni.
Accanto ai Cronotopi e ai lavori recenti, saranno presentate alcune opere inedite del 1965 venute recentemente alla luce grazie alle ricerche avviate dall'Archivio Vigo.
orario: da martedì a venerdì ore 11.30-18
sabato su appuntamento
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 5 dicembre 2013. ore 17
autori: Nanda Vigo
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La mostra presentata presso la Galleria Allegra Ravizza è un omaggio all'attività artistica di Nanda Vigo degli ultimi cinquant'anni.
La mostra racconta il lavoro di Vigo dai primi anni Sessanta, quando l’artista avviò le proprie ricerche per la realizzazione dei Cronotopi. Queste opere, etimologicamente tempo-spazio, sono concepite da Vigo quali filtri visivi della realtà in cui siamo immersi, intensificandone e spingendone la percezione oltre i limiti del concreto. I materiali che le caratterizzano - il vetro e l’alluminio – provenienti dalla sfera industriale, si oppongono al naturale corso della luce dando luogo a mutazioni e impressioni incerte dello spazio. Partendo dall'esposizione dei celebri Cronotopi, la mostra ripercorre la virtuosa parabola artistica Vigo fino ad arrivare ai lavori più recenti, caratterizzati da un nuovo utilizzo del cristallo nero, che diviene la cornice di un evento luminoso che penetra nell’ambiente ampliando i confini fisici dell’opera.
Nel corso dei cinquant’anni della sua carriera, Nanda Vigo ha affinato la sua padronanza del concetto di luce portando le proprie sperimentazioni sempre più lontano. Già dalle prime creazioni, infatti, la luce e il vetro si palesano come elementi costanti d’indagine affrontatati interdisciplinarmente nell’arte, nel design e in architettura.
In mostra saranno presentate, insieme a un corposo nucleo di documenti storici, opere inedite del 1965 venute recentemente alla luce grazie alle ricerche avviate dall’Archivio Nanda Vigo.
Dopo la mostra a Berna del 1965 presso la Galerie Aktuel con Castellani e Bonalumi, Nanda Vigo presenta la sua prima personale in Svizzera.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram