Hans Feurer | Fashion without a label” 3068 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/06/2019
È morto Philippe Zdar dei Cassius
19/06/2019
Tracce di assenza. All'Hotel Hilton Molino Stucky di Venezia le opere di Mimmo Catania
19/06/2019
Ad Alberto Angela la laurea honoris causa dell’Università Suor Orsola di Napoli
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PINACOTECA DEL TESORIERE ​ Piazza Di San Luigi De' Francesi 37 Roma 00186

Roma - dal 25 al 28 gennaio 2014

Hans Feurer | Fashion without a label”

Hans Feurer | Fashion without a label”
PINACOTECA DEL TESORIERE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Di San Luigi De' Francesi 37 (00186)
+39 , +39 (fax), +39
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Altaroma ha il piacere di presentare Hans Feurer | Fashion without a label. S P I R I T O DUE prosegue la promozione dell’arte contemporanea attraverso un nuovo progetto dedicato alla fotografia. La mostra, a cura di Valentina Ciarallo e Maria Chiara Russo, è promossa da Giubilarte Eventi in collaborazione con ENEL e CREDIT SUISSE e con il patrocinio e il sostegno dell’Ambasciata di Svizzera in Italia.
orario: dalle ore 10.00 alle ore 19.00
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 25 gennaio 2014. ore 18.00
ufficio stampa: STUDIO ESSECI
curatori: Maria Chiara Russo, Valentina Ciarallo
autori: Hans Feurer
genere: arte contemporanea, personale
web: www.santospiritoinsassia.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Altaroma ha il piacere di presentare Hans Feurer | Fashion without a label. S P I R I T O DUE prosegue la promozione dell’arte contemporanea attraverso un nuovo progetto dedicato alla fotografia. La mostra, a cura di Valentina Ciarallo e Maria Chiara Russo, è promossa da Giubilarte Eventi in collaborazione con ENEL e CREDIT SUISSE e con il patrocinio e il sostegno dell’Ambasciata di Svizzera in Italia.

La mostra è la prima retrospettiva in Italia dedicata al celebre fotografo svizzero Hans Feurer, vera icona del mondo della moda, e intende ripercorrere le tappe fondamentali della sua carriera attraverso una selezione di scatti fotografici dalla fine degli anni Sessanta fino agli anni Novanta, scelti appositamente per la mostra romana.

Hans Feurer, nel corso della sua lunga carriera, ha creato un mondo di immagini autentiche utilizzando sempre la luce naturale e mai il fotoritocco. Da Iman Bowie a Grace Jones, passando per Pat Cleveland e Stéphanie Seymour, le sue muse ispiratrici sono state tra le donne più belle del mondo. La figura femminile di Feurer è forte e combattiva, sensuale e libera, si muove con naturalezza sia nella savana africana che in piena giungla urbana. La luce, protagonista costante del suo lavoro, mette in risalto una bellezza naturale e spontanea, mantenendo uno stile unico e riconoscibile che privilegia la scelta di spazi all’aria aperta, utilizzando la luce del sole dall’alba al tramonto. Ciascuna immagine di Feurer sembra risuonare per originalità, maestria tecnica e uno sguardo attento e acuto che lo ha sempre spinto a investigare i misteri della natura, della sua amata Africa, così come quelli legati al fascino della donna.

Feurer ha realizzato nell’arco di più di trent’anni migliaia di immagini e servizi fotografici, dai celebri scatti della Swinging London degli anni Settanta realizzati per la rivista NOVA, alle famose campagne pubblicitarie per Kenzo Tagada negli anni Ottanta, fino alle numerose collaborazioni con le più importanti riviste di moda ELLE, VOGUE e NUMERO con le quali Feurer collabora tutt’ora.

In occasione della mostra sarà presentato il libro HANS FEURER edito da Damiani che ripercorre la sua carriera dagli anni ‘70 al Duemila. Hans Feurer sarà presente all’opening.

HANS FEURER è nato in Svizzera nel 1939. Dopo essersi dedicato a studi artistici, ha lavorato a Londra come grafico, illustratore e in seguito come direttore artistico per diverse agenzie di pubblicità. Nel 1966 decide di lasciare il lavoro, comprare una Land Rover e imbarcarsi a Southampton per l’Africa del Sud. Questo viaggio segna un momento di svolta nella sua carriera. Di ritorno a Londra prende in affitto uno studio e comincia a lavorare come fotografo. Alla fine del 1967 la sua nuova carriera è ormai lanciata. Nel 1974 è autore del mitico calendario Pirelli e da allora collabora con le riviste di moda più importanti e influenti del mondo, da Elle a Vogue, da Numéro al più recente numero monografico della rivista Antidote interamente dedicato al suo lavoro.

Si ringrazia André Werther.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram